presenta:

Numero 34- Anno IV - 19 marzo 2005

 

VIAREGGIO,
MA VANTO MI PUZZI !

E' finalmente arivata la primavera doppo un gelido 'nverno c'ha fatto nevià infin sulla vetta del ponte sulla Fossa dell'Abate (tràffio vietato a chi 'un montava le 'atene!).
E ogni buon viareggino, alle prime ariette dolci, si deve piglià una mezza giornata lontano da tutti 'ttravagli della vita quotidiana per fàssi una rilassante passeggiata ne' bbe' pposti che ni offre la su' città nnatale.
Tappa immancabile: il molo.

Ma 'ttempi èn cambiati, e l'effetto sèra, vìe, 'un c'ha 'olpe...
Il viareggino, nianche tanto tempo fa, arivava 'n cima al molo e si sentiva orgoglioso del zu' "èsse' vviareggino" vando si fermava a rilegge per l'ennesima volta l'epigrafe rivolta all'ospiti della città che recita: "Ogni fiatata è un biglietto da mille che arricchisce la cassaforte dei tuoi polmoni".
Ti veniva 'stintivo da' du' o tre respiri profondi, giravi 'ttacchi e, cco' ppolmoni pieni di "aria bona", di salmastro e d'orgoglio, te ne ritornavi verzo Tito del Molo, accompagnato dall'odore de' ppitosfori da una parte e da vello delle pinete dall'altro, pronto a rimmèrgiti co' un altro spirito ne' gguai quotidiani laggiù 'n città.

Delanézza, vacci ora!!!
Arivi 'n cima al molo e vando rileggi velle belle parole, prima fai un zorrisetto irònio, po', appena prima d'attaccà col magone, t'incazzi di brutto e cominci a bofonchià...
E ggià: ma dove è andato a ffinì l'odore del mare a Vviareggio?!? Uno dell'ultimi gioielli di vesta tèra, anco lù, n'ha volto 'ttacchi?
Sta' sentì: tira di maestralino e 'l mare t'incenza di nàffita; tira di scirocco e sòrte fori l'olezzo dalle fogne; gira 'n grecale e 'l tanfo della Salovve domina 'ncontrastato; va giù 'l vento e subito t'entra ne' bbui del naso la peshte dalla discària delle Carbonaie.
Tramontana, cèlo sereno, e ossido di 'arbonio da' ttubi delle màghine!
E ssiccome 'un bastava, brezzina di mare e cci si mette pure il novo arìvo: la barchetta de' "Ffisce en cippse" che t'intasa di 'olesterolo 'ttrombi fino a portatti all'infarto te, che col core che ti trovavi - t'aveva ditto 'l tu' dottore - seppellivi tutti.
Ti ci manca che appena passi 'l zòglioro della porta la tu' moglie t'accolga amorevole co' una tazzina di caffè bruciato, e la frittata (di cipolla strinata, s'intende!) è fatta!
E 'un ti pói nianco 'nfila un acchiappino al naso: velli di ora pùzzin di plàstia da tirà 'n tèra.

Sa' che ti dìo? bel mi puzzo di merda da Lucca!!!

 

CARNEVALE:
'ONZIDERAZZIONI
A BBOCCE FERME

 


1