HAMILTON ELECTRIC "VENTURA" l'orologio senza tempo
TORNA ALLA HOME PAGE



HAMILTON "VENTURA" 1957   il primo orologio elettrico della storia

1945/1957... oltre dieci anni di ricerche intense...

Quanta semplicità è racchiusa nel progetto dell'Hamilton Electric e quanta difficoltà invece sta dietro alla sua realizzazione.
un fascino unico dato dalla purezza e semplicità apparente del suo motore, in realtà una perfezione nanometrica portata all'esasperazione.
L'Hamilton è stata una pioniera, l'unica che in più occasioni ha sempre voluto staccarsi dall'ordinario anche se rompere
con il passato Le ha sempre procurato molta sfortuna... ma come tutti i primordi viene ricordato con una ingiusta e sottostimata gloria.
In realtà se nessuno avesse fatto il grande passo probabilmente l'orologeria avrebbe avuto una evoluzione più lenta e
sicuramente non avrebbe raggiunto i livelli odierni.

Lo studio chimico dei materiali, la realizzazione unica di processi brevettati per ottenere magneti al platino-cobalto dalle caratteristiche
uniche e perfette; la realizzazione di leghe elestiche e resistenti al tempo stesso...la stessa pila richiesta a diverse compagnie
con un rigido protocollo di caratteristiche che solo l'Union Carbide riuscì a soddisfare. L'Hamilton era realmente una
Maison esigente che non lasciava spazio al caso. Stavano per ribaltare il mondo dell'orologeria e ne sentivano il peso; Dopo 500 anni di orologeria
a molla tutto veniva invertito e messo in discussione... solo la perfezione a tutti gli stadi poteva garantire un successo.
Parliamo poi della veste, dal momento che Hamilton non si limitò alla tecnologia e ricerca... le casse sono uniche, ovviamente è stato
scelto un designer d'eccezione che era decisamente un Must dell'epoca: Richard Arbib (designer della General Motors Company).

Il Ventura è un orologio di cui ci si deve innamorare! non ci sono mezzi termini...
Splendido, vistoso, futuristico, ricercato, unico... e mille aggettivi forse se ne potrebbero attribuire...
così unico e spaventosamente innovativo che Hamilton disegnò e mise sul mercato anche Van Horn per paura di aver esagerato e di non riuscire a
vendere il Ventura ad una clientela così legata alle forme classiche.
Invece subito fu ambitissimo, ricercato ed accattivante; Elvis Presley ne era testimonial e profondo amatore, come lui
molti nomi di prestigio.

Eppure qualcosa di oscuro si celava all'interno di questo gioiello, una sventura legata ad un difetto produttivo: ora si
dica, non è stato un orologio testato in modo insufficiente, infatti tutti gli orologi assemblati dai Laboratori Hamilton
a Lancaster Pennsilvanya funzionavano! La linea di produzione invece adottò arbitrariamente delle piccole modifiche a livello
chimico forse contando su una forma di risparmio nella produzione delle leghe e dei contatti.

Era troppo tardi, gli orologi erano
in vendita e la gente lamentava dei problemi.
Hamilton fallì a causa di questa subdola manovra, la storia è decisamente lunga e fatta di piccoli tracolli durati anni
ma l'inizio fu sicuramente questo, poichè la gente riponeva poca fiducia in un orologio così innovativo e molto instabile.

Ma oggi che succede? no... vi esorto se non siete collezionisti a lasciar stare...!
Un Hamilton Electric non è destinato al pubblico. E' una "sofisticata gemma da polso", lo meritano solo pochi eletti che sanno
come rispettarlo.
Ora vi chiederete quali taumaturgiche azioni debbano essere applicate per non avere problemi?
Beh innanzitutto è come aveste una autovettura, prendiamo ad esempio delle marche e modelli notoriamente ostici e pieni di
problemi: bruciano bronzine, testate... logorano albero a camme ecc... eppure una moltitudine di persone le possiede, le
usa (anche se con parsimonia) e ne è fiero.

Ora passiamo ai nostri orologi facendo una dovuta premessa, stiamo parlando solamente del calibro 500 e 500 A poichè
il 505 è pressochè esente da alcun problema.
Possiamo paragonare i problemi di una vettura con il nostro Hamilton? ma nemmeno a morire! Hamilton in confronto è un vero carro armato
di robustezza!

Vale solo il principio della parsimonia, usarlo per brevi periodi, di notte tirare la corona di carica ed arrestarlo, quando non va utilizzato fermarlo.
Un pò di risparmio sull'usura dei contatti e per decenni avremo un orologio che ha 1000 problemi in meno di qualsiasi altro!
Volete saperlo? io sono un grande estimatore della Hamilton Electric (pur non conoscendo minimamente tutta la produzione militare precedente)
e ne ho avuti almeno una trentina...alcuni sono molti anni che li uso: NESSUNO ha mai dato il minimo problema! Ovviamente
se volete andare a tennis indossate uno Swatch. Anche un cronografo super moderno si rovina con movimenti bruschi del polso.
Oltre a questo evitare di prendere urti eccessivi...
Tutto qua?!? (chiederete...)
eh si Signori... solo questo!

Hamilton aveva sopravvalutato un pò i suoi clienti sperando in persone moderate e forse più delicate; i clienti dal canto loro ugualmente avevano
sopravvalutato la modernità e futurismo dell'orologio pretendendo una robustezza e affidabilità esagerata, sottoponendolo sicuramente a
situazioni estreme e critiche.
Un consiglio? finchè ce ne sono ancora alcuni non privatevi di possederne uno.
Quando si indossa qualcosa di unico non ci sono Rolex o altro che tengano la competizione; perchè volete legarvi alle idee di massa?
Io me ne sono sempre distaccato e sorrido a vedere persone insoddisfatte di un accumulo inverosimile di orologi "commerciali"...
ruotano su quel polso decine di orologi similari, che nessuno nota nemmeno più perchè ormai copiati e stracopiati anche dai "falsi"
orientali e non.

Mi spiace ma negli ultimi dieci anni non ci sono nuove  idee. Le innovazioni sono solo copie del passato e ovviamente hanno un sapore
nettamente più insipido rispetto ad un originale.
Comperate almeno una replica del Ventura o quel bellissimo cronografo che Hamilton ha racchiuso nella stessa cassa triangolare con anse
a gradino; costano poco e non danno problemi di sorta... ma qualcosa poi cambierà nel vostro modo di pensare. Le linee vi
coinvolgeranno spingendovi pian piano alla ricerca dell'originale, quel qualcosa in più che sentite mancare nel vostro orologio.
Non me ne vergogno e lo racconto sempre volentieri a tutti: quando comprai il mio primo Ventura lo tenni in esposizione sul comodino per una settimana
per non privarmene nemmeno la notte...

Se poi dovessero esserci problemi tecnici? beh e io che sto a fare qui? ;-) se poi le cose dovessero essere estremamente gravi c'è chi può operare un
restauro completo del motore del vostro Hamilton Electric.
Muovetevi, ogni giorno che passa un Hamilton Electric (Ventura, Van Horn, Spectra o Altair che sia...) sparisce dal mercato, non sono eterni e la
produzione era piuttosto limitata (Ventura prodotti circa 10.000 pezzi in tutto il mondo, Spectra 8.000, Van Horn 11.000, Altair 1.600, Vega 3.900, Meteor 2.700 ecc.)
Van Horn 11.000, Altair 1.600, Vega 3.900, Meteor 2.700 ecc.)

Buon acquisto!

© 2006











                                                                                                                                                                                                                                                                                                           
1