Archivio Egitto -- Archivio News -- Home

Egitto

Ultime notizie:

Fonte: http://seattlepi.nwsource.com/local/

Data : 19.06.04

I BENDAGGI DELLA MUMMIA RIVELANO LA STORIA DELL’ANTICO EGITTO

Conosciamo bene la storia di Cleopatra – che navigava il Nilo scambiando parole dolci con Marco Antonio – ma cosa facevano tutti gli altri egiziani, oltre che ad adorare la regina e fare mummie?

Il mondo si è a lungo interrogato sulla famosa epoca in cui il tramonto dell’impero greco incontrava l’alba del periodo romano sulle piramidi degli antichi faraoni. Ma molto della vera natura di quel tempo remoto ci è ancora celata.

Ora, nuove finestre su quell’era sono state aperte all’Università di California Berkeley, dove un team internazionale di ricercatori è al lavoro affinché le antiche mummie svelino i loro segreti.

Dopo essere state avvolte, le mummie venivano imballate con una copertura di fogli di papiro, ovvero documenti scritti sull’equivalente egizio della carta, ha dichiarato Todd Hockey, curatore dell’immensa mole di papiri di Berkeley, prelevati proprio dall’”imballaggio” delle mummie.

Degli ingenti depositi di papiri esistenti attorno al mondo, l’università di Berkeley ha un indubbio fascino per gli studioso, poiché è la meno esplorata, ha dichiarato il professor Karl-Theodor Zauzich, un’autorità indiscussa sulle antiche scritture egizie.

“E’ materiale fantastico” ha dichiarato Zauzich, professore all’Università tedesca di Wurzburg che ha preso parte allo speciale seminario di sei settimana iniziato questa settimana a Berkeley.

“Non vi è un solo testo dal quale non si traggano informazioni proficue.”

“E’ una collezione imponente, ed è rimasta nascosta per così tanti anni” ha dichiarato Hockey. “Tutto questo materiale sconosciuto è un vero potenziale perché gli studiosi trovino qualcosa di storicamente rilevante.”

Le ultime incursioni nell’archivio di Berkeley hanno recuperato alcuni importanti frammenti letterari, inclusa una commedia perduta di Sofocle chiamata “Inachos”. La maggior parte degli scritti reca invece racconti di vita domestica, petizioni agli ufficiali governativi e documenti simili.

La collezione di più di 30,000 frammenti – a detta degli ufficiali di Berkeley la più grande su questo lato del globo – arrivò a Berkeley per cortesia di Phoebe Hearst - madre del magnate dell’editoria che ispirò il film “Citizen Kane” - e della compagnia che possiede il San Francisco Chronicle ed il Seattle Post-Intelligencer.

Un secolo fa, la Hearst trascorse una gran parte della fortuna di suo marito per trasformare l’Università di California in una grande istituzione, ed uno dei suoi sforzi fu quello di finanziare una spedizione del 1899-1900 al sito dell’antica città egizia di Tebtunis; il progetto svelò mummie di coccodrillo avvolte in papiri del tempo di Cleopatra e mummie umane di ere precedenti.

“Stava tentando di porre Berkeley sulla carta geografica” ha dichiarato il professore classico Donald Mastronarde, direttore del Centro di Berkeley per i Papiri di Tebtunis. “Tutte le principali università in Francia, Germania ed Inghilterra stavano raccogliendo grandi quantità di papiri.”

Ma, data l’assenza di personale qualificato a decodificare tali testi, e la cronica mancanza di fondi delle università pubbliche, i papiri di Berkeley rimasero per lo più non catalogati.

Malgrado la collezione di Berkeley includa materiali del tempo di Cleopatra, il seminario in corso si concentrerà sui testi delle prime mummie umane, dal III e II secolo a.C., quando si apriva il sipario sulla lunga Dinastia Tolemaica, che regnò in Egitto dal 305 al 30 a.C.

                                                                                                        

  Altre News sull'Egitto..

Home

1