Home  Link

 

 

Al tuo cuore, che è

l’alfa-omega
 

(NowHere)

 

 

 

 

Tu sei Quello.

 

            Chandogya Upanishad

 

 

 

Quando sarai pronto, sarà la Luce a trovarti.

 

                                          Rudiger

 

 

 

Dio è una sfera infinita, il cui centro è ovunque e la circonferenza in nessun luogo.

 

                                                                          Il Libro dei XXIV Filosofi

 

 

                                                               

Prima che Abramo fosse Io sono.

 

                           Gesù Cristo

 

 

 

Vergine è… una persona vuota di immagini aliene, libera com'era quando non esisteva.

 

                                                                                Meister Eckhart

 

 

 

Non vuoi capire che ogni Uccello che fende le vie dell’aria

È un universo di delizie, chiuso dai tuoi cinque sensi?

 

                                                           William Blake

 

 

 

"Egli" nella sua unità è ogni cosa: così dobbiamo sia chiamare tutte le cose col Suo nome,

o chiamarLo con il nome di ogni cosa.

 

                                                            Hermes Trismegistus

 

 

 

La forma è una rivelazione dell'essenza.

 

                                           Meister Eckhart

 

 

 

 

L’interpretazione convenzionale delle esperienze vissute

può rinforzare i punti di vista già radicati nella coscienza.

 

                                                    Pentagramma (Rivista del Lectorium Rosicrucianum)

 

 

 

 

L'umiltà è la virtù più difficile da conquistare;

niente di più duro a morire del desiderio di pensar bene di se stessi.

 

                                                                        Thomas Stearns Eliot

 

 

 

 

La gente lo cerca lontano – che peccato!

Sono come coloro che in mezzo all'acqua, chiedono disperatamente da bere.

 

                                                                Hakuin

 

 

 

Il vero valore di un essere umano è rivelato dalla sua capacità

di raggiungere la liberazione da sé stesso.

                          

                                                           Albert Einstein

 

 

 

Un giovane chiese ad un suo amico saggio:

 "Che cosa c'è dietro la vita?

  Che cosa c'è dietro tutto ciò che percepiamo?

  Possiamo squarciare i veli che ci impediscono di vedere la Verità?"

Il Saggio rispose:

 "Per poter vedere la Verità, per poter veramente vivere, dobbiamo squarciare il velo che c'è in noi stessi.

  Allora non ci sarà più un limite, poiché l'uomo, il limite stesso della ricerca della Verità, sarà completamente andato."

 

                                                                                               NowHere

 

 

 

Da bambino Ytzhak Mèir fu portato una volta da sua madre dal Maggid di Kosnitz.

Qualcuno si prese gioco di lui, dicendogli: "Mio piccolo Ytzhak, ti do’ un fiorino se mi dici dove abita Dio."

"E io – rispose il bambino – te ne do due, se mi dici dove non abita."

 

                                                                                       Anonimo
 

 

Qualunque movimento in qualunque direzione, vi allontana da "quello".

 

                                                               U.G. Krishnamurti

 

 

Odio la prudenza, non vi conduce a niente.

 

                                      Jacques Brel

 

 

 

Il ciarlatano studia le malattie negli organi colpiti, dove non trova altro che effetti già avvenuti,

e non arriverà mai a una fine; perché anche se uccidesse mille persone per studiare questi effetti,

rimarrebbe sempre un ignorante per quello che riguarda le cause.

Il vero medico studia le cause delle malattie studiando l'uomo universale.

 

                                                                                            Paracelso

 

 

 

La ricerca della liberazione è sofferenza. Anche se provate qualcosa di ineffabile, volete sempre di più.

Non esiste la permanenza nella natura delle cose.

L'illuminazione (ammesso che ci sia) non è affatto un'esperienza.

Così realizzate che non c'è niente da realizzare... e questo è un duro colpo.

Non è che io sia in uno stato di non-conoscenza; quando dico "non so nulla" questa è l'espressione del mio stato.

Non so niente riguardo al mio stato. Un giudizio negativo o positivo al riguardo è solo nel campo del pensiero.

 

                                                                              U.G. Krishnamurti

 

 

La Luce è, e voi siete.

Fra voi e la Luce nulla s'interpone.

 

                                               Jan van Rijckenborgh

 

 

 

 

Dio è colui che la mente conosce solo nell'ignoranza.

 

                                                 Il Libro dei XXIV Filosofi

 

 

 

Io sono la luce che è su tutte le cose, io sono tutto: da me tutto proviene, e in me tutto si compie.

Tagliate un ciocco di legno; io sono lì. Sollevate una pietra, e mi troverete.

    

                                                                                              Gesù Cristo

...Quando guardi in un abisso, anche l'abisso guarda dentro di te.

 

                                                                        Friedrich W. Nietzsche

 

 

 

Una mattina ero sulla veranda della casa... il sole stava sorgendo e appariva attraverso il fogliame degli alberi che mi stavano davanti.

A un tratto, mentre stavo osservando questo spettacolo, mi sembrò che un velo mi cadesse dagli occhi e vidi il mondo permeato da un meraviglioso splendore, con ondate di bellezza e gioia che sorgevano da ogni lato.

Questo splendore penetrò in un istante attraverso i cumuli di tristezza e di depressione che opprimevano il mio cuore e lo inondò di luce universale.

 

                                                                                      Rabindranath Tagore

 

 

 

Ciò che non ha termine non ha figura alcuna.

 

                                                   Leonardo da Vinci

 

 

 

Il potere mentale del corpo materiale eleva una diga contro la vera corrente spirituale.

 

                                                                             Jan van Rijckenborgh  &  Catharose de Petri

 

 

Vedi tutto come nuovo!

Come se non conoscessi nulla!

Abbandona tutto il tuo sapere e reimpara tutto

come se non avessi mai saputo niente!

Sii aperto!

Apri l'aura!

Questo è sbocciare!

 

                                             NowHere

 

 

 

Percorrere il cammino, nel senso molto particolare in cui lo intendiamo,

significa un addio e un avanzare insieme.

 

                                               Jan van Rijckenborgh

 

 

 

Essere coscienti della propria ignoranza è un grande passo verso la sapienza.

 

                                                                 Benjamin Disraeli

Chi vede la bellezza è la bellezza.

 

                                 NowHere

 

 

Per l'uomo non c'è altra redenzione che non sia la conoscenza di sé.

 

                                                                        Franz Hartmann

 

 

 

Un mattino di primavera uscii per una passeggiata.

I campi erano verdi, gli uccelli cantavano, la rugiada brillava, il fumo si levava, qua e là apparivano uomini.

Una luce quasi trasfigurava le cose. Era solo una piccola parte della Terra; era solo un momento della sua esistenza;

eppure a mano a mano che la mia vista le abbracciava, sempre più realizzavo - non come splendida idea ma come realtà vera e chiara -

che essa è un angelo... il quale ruota nei cieli con grande fermezza e consistenza interna... trasportando me insieme a lei...

 

                                                                                        Fechner

 

 

 

La grandezza dell'uomo si misura in base a quel che egli cerca

e all'insistenza con cui rimane alla ricerca.

                                                                        

                                                          Martin Heidegger

 

 

Un saggio, dopo anni e anni di vita nel mondo al servizio degli uomini, sapendo che di lì a poco sarebbe morto, decise di ritirarsi su una montagna per passare lì gli ultimi mesi della sua vita.

Un giorno, mentre questi gustava rapito in estasi la profondità della Vita Universale, si presentò nella sua grotta un angelo.

La creatura alata gli disse:

"Sei stato un uomo esemplare, hai agito nel mondo come pochi avrebbero potuto, sei la gloria di Dio.

Egli mi ha mandato qui per concederti un ultimo desiderio. Dimmi ciò che desideri ed io te lo darò".

L'uomo sorrise e disse:

"Vattene allora, cosa potrei desiderare ancora? Non posso certo cadere in questa trappola! Addio".

Quando l'angelo scomparve, il saggio disse tra sé e sé: "Le prove non finiscono mai… "

 

Uno con l'essenza stessa di Dio

Rovescia ogni idolo

Se avesse accettato

Si sarebbe perduto.

 

NowHere


 

Ci rivolgiamo, innanzi tutto, a coloro i quali disprezzano profondamente la propria volontà,

e desiderano, con cuore puro, servire il Supremo Re come Cavalieri, ed indossare, ora e per sempre,

con premura e sollecitudine, la nobilissima armatura dell'obbedienza.

E pertanto esortiamo voi, che avete fino ad ora condotto la vita dei cavalieri secolari

che non ha la propria causa in Cristo, e che avete seguito solo per vostro vantaggio,

a seguire coloro che Dio, per grazia della sua compassione, ha salvato dal grande numero dei peccatori,

e, nella sua grande pietà, ha destinato alla difesa della Santa Chiesa, e vi chiediamo di unirvi a loro, subito e per sempre.

 

                                                                                              Regula Templi, art. 1

 

 

Per agire nel mondo, occorre morire a se stessi…

L’uomo non sta sulla terra solo per essere felice, neppure per essere semplicemente onesto.

Vi si trova per realizzare grandi cose per la società,

per raggiungere la nobiltà d’animo e andare oltre la volgarità in cui si trascina l’esistenza di quasi tutti gli individui.

 

                                                                                   Vincent Van Gogh

 

 

 

Riunire la praticità del laico con l'essenza del vero cristiano: non sono diverse, non c'è differenza.

 

                                                                                                                 NowHere

 

 

Per me esiste solo il cammino lungo sentieri che hanno un cuore,

lungo qualsiasi sentiero che abbia un cuore.

Lungo questo io cammino, e la sola prova che vale è attraversarlo in tutta la sua lunghezza.

E qui io cammino guardando, guardando, senza fiato.

 

                                                                            Carlos Castaneda

 

 

La Gnosi è la conoscenza di tutto ciò che tocca a Dio, a Gesù Cristo, al ritorno alla vita divina.

È la sintesi cristiana di tutte le filosofie della liberazione sparse nel mondo prima della venuta del Cristo.

Come tutte le tradizioni spirituali, la Gnosi considera il mondo come un'illusione, una pseudo-creazione instabile,imperfetta.

La sola realtà è Dio.

Senza conoscenza di Dio, gli uomini s'incatenano nell'irrealtà d'un mondo materiale.

Superare il materiale per avvicinarsi a Dio, considerare le sofferenze come una base di purificazione, seguire,

senza stancarsi, il cammino della Perfezione, è, in sintesi, tentare di avvicinarsi il più possibile alla purezza di Gesù Cristo,

il divino Maestro.

Come pervenirvi? Attraverso la pratica dell' "Endura"!

 

                                                                                         Antonin Gadal
Vedere Dio in ogni cosa, e ogni cosa in Dio,

l’Eterno che risplende attraverso gli eventi nel tempo e nello spazio.

 

                                                                     Nightingale

 

 

 

Quando l'uomo comincia a percorrere il Cammino, Dio gli si rivela nel cuore.

Quando il Cammino continua, Dio gli si rivela dentro e fuori di lui:

il pellegrino non sa più dove Esso sia poiché in verità Quello è, e non può trovarsi in un "centro", in un preciso "luogo" fisico.

Quando il Cammino è compiuto, l'uomo comprende l'assurdità della parola "tu" e abbandona l'illusione dell'esistenza separata.

Egli non dice più a Dio: "Tu sei l'Altissimo" ma afferma: "Io Sono".

Non v'è più nulla al di sopra di lui: egli è l'Uno che avvolge tutto, sa tutto e vede tutto.

Egli è la Vita di tutti.

Egli è il Regno di Luce nascosto in ogni cuore.

 

                                                                                       NowHere

 

 

Rinuncia a qualunque idea,

E che il tuo cuore intero sia puro

Come la faccia di uno specchio

Senza immagine o disegno.

Divenuto puro da ogni immagine

Tutte le immagini sono contenute.

Se i colpi che ricevi ti esasperano,

Come diventerai uno specchio limpido

Se non sarai lucidato?

Tutto è uno, l'onda e la perla,

Il mare e la pietra.

Nulla di ciò che esiste in questo mondo

E' al di fuori di te.

Cerca bene in te stesso

Ciò che vuoi essere poiché sei tutto.

La storia del mondo intero sonnecchia

In ognuno di noi.

 

                            Rumi

 

 

Free yourself from your self!

 

                                    NowHere

 

 

La vita e i sogni sono fogli di uno stesso libro.

Leggerli in ordine è vivere, sfogliarli a caso è sognare.

 

                                                                Arthur Schopenauer

 

 

L'estinzione è uno dei tuoi attributi. Tu sei già estinto, fratello mio, prima di essere estinto

e niente prima di essere annientato. Tu sei un'illusione in un'illusione e una nullità in una nullità.

Quando mai hai avuto un'esistenza così che tu possa essere estinto? Tu sei come un miraggio

nel deserto che l'uomo crede sia acqua, finché arriva lì e si accorge che non è nulla, e

dove credeva ci fosse (acqua), là trova Dio.

Anche se tu ti esaminassi, troveresti che non sei niente, e là troveresti Dio;

cioè, troveresti Dio invece di trovar te stesso, e non rimarrebbe niente di te tranne un nome senza forma.

 

                                                                              Al Alawi

 

 

 

La cella più stretta al mondo è la vita vissuta nell'ignoranza.

 

                                                                        Cicalone

 

 

 

Ogni essere ha in sé la natura del Buddha.

 

                                                   Antico detto Zen

 

 

Tutte le forze curative devono venire dall'interno, non dall'esterno!

Le applicazioni esterne devono creare all'interno una forza mentale e una forza spirituale coordinate.

 

                                                                                                    Edgar Cayce

 

 

L'uomo come è nel momento attuale ha cessato di essere Tutto.

Ma, quando egli termina di essere un individuo, si eleva di nuovo e penetra il mondo intero.

 

                                                                                 Plotino

 

 

L’uomo è uno straniero sulla terra e la sua vita un viaggio scosso dalle tempeste.

 

                                                                                    Vincent van Gogh

 

 

Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria,

il mio intelletto e tutta la mia volontà,

tutto ciò che ho e possiedo: tu me lo hai dato;

a te, Signore, lo ridono.

Tutto è tuo, disponine a tuo pieno piacimento.

Dammi il tuo amore e la tua grazia

ché questa mi basta.

 

                                             Paul Gerhadt

 

 

Se ami te stesso, ami gli altri come ami te stesso.

Finché amerai un'altra persona meno di te stesso,

non riuscirai mai ad amare te stesso.

 

                                               Meister Eckhart

 

 

 

Alcuni Israeliti un giorno insultarono Gesù mentr'egli passeggiava per le vie, nella loro parte della città.

Ma egli rispose recitando preghiere nel loro nome. Qualcuno gli disse:

"Tu hai pregato per questi uomini, non hai sentito collera verso di essi?".

Egli rispose: "Io potevo spendere solo la moneta che avevo nella mia borsa".

 

                                                                                     Attar

 

 

 

Era come se case, porte, templi, e ogni cosa fosse completamente svanita,

come se non ci fosse nulla da nessuna parte!

E ciò che vidi era un mare di luce, infinito e senza sponde;

un mare che era coscienza.

 

                                                               Ramakrishna

 

 

Tutto a un tratto il mio spirito si aprì un varco... e là fui abbracciato con amore,

come uno sposo abbraccia la sua sposa ardentemente amata.

Ma non riesco a esprimere né a parole né per iscritto la grandezza esultante che era nello spirito;

neppure la si può paragonare a niente, se non al fatto che la vita viene generata in mezzo alla morte

ed è uguale alla resurrezione dalla morte.

Sotto questa luce all’improvviso il mio spirito vide attraverso ogni cosa,

dentro tutte le creature e fuori di esse, anche nelle piante e nell’erba, conobbe Dio,

chi egli è e come è e in che cosa consiste la sua opera;

e repentinamente in quella luce la mia volontà fu incitata da un impulso possente a descrivere l’esistenza di Dio.

 

                                                                                                    Jacob Böhme

 

 

Dio ci ha dato due orecchie, ma soltanto una bocca,

proprio per ascoltare il doppio e parlare la metà".

 

                                                                  Epitteto

 

 

 

Il desiderio ineffabile, che vita e terra mai soddisfarono,

Passeggero, ora salpa, va' e cerca di scoprire.

 

                                                         Walt Whitman

 

 

 

Era mattino. Stavo guardando l’alba in Free School Lane. Un panorama improvvisamente prese forma e tutto ciò che vedevo diventava splendido.

Il mondo intero era una sola musica radiosa, un ritmo meraviglioso,

le case, la gente che camminava, i bambini che giocavano, ogni cosa sembrava far parte di un tutto luminoso.

 

                                                                                     Rabindranath Tagore

 

 

 

Perché ti meravigli tanto se viaggiando ti sei annoiato?

Portandoti dietro te stesso hai finito col viaggiare proprio con quell'individuo dal quale volevi fuggire.

                

                                                                                        Socrate

 

 

 

 

 

La più grande disgrazia per gli uomini è l'identificazione.

L'identificazione produce conflitto e paragone;

fa soffrire, snaturare, lega all'illusione ed uccide la possibilità di essere sé stessi

che, in fondo, è la porta della liberazione.

 

                                                                NowHere

 

 

 

 

 

Tutto avvenne in un secondo e fu il momento più importante della mia vita.

Era la vera realtà.

Prima di questo vivevo in un lungo sonno, e d’improvviso mi sono svegliata.

Perfino l’aria sembrava essere viva.

Ogni cosa acquistava un significato

e le sue conseguenze pratiche non erano certo meno intense del sentimento soggettivo.

 

                                                                Una donna

 

 

 

 

I piedistalli servono per essere rasi al suolo;

gli idoli servono per essere distrutti;

gli ideali esistono per essere rovesciati!

 

                                                              NowHere

 

 

 

Il mondo mi sembrava permeato da una benevolenza e una bontà che fino a quel momento non avevo conosciuto.

La barriera fra me e il resto del creato era crollata.

I pochi fenomeni - cielo, ghiaccio, roccia, vento e io stesso - che ora costituivano la vita, erano un insieme inseparabile e divino.

Io mi sentii - la contraddizione è solo apparente - pieno di splendore al pari di Dio

e al tempo stesso non più importante di un insignificante granello di sabbia.

Mi ero aperto un varco attraverso una barriera metafisica ed ero entrato in un mondo in cui vigevano altre leggi.

Mi ricordai delle parole di Blake: "Se le porte della percezione fossero purificate, ogni cosa apparirebbe agli uomini infinita".

Qui le porte erano state abbattute e una beatitudine impersonale e indescrivibile mi riempiva.

 

                                                                                          Tichy

 

 

 

Vorrei dipingere uomini e donne con un non so che di eterno, di cui, una volta,

il simbolo era l’aureola e che noi cerchiamo nell’irraggiarsi stesso e nella vibrazione delle nostre colorazioni.

 

                                                                                      Vincent Van Gogh

 

 

Coltiva nel tuo cuore la benevolenza per tutta l'umanità.

Poiché siamo tutti viaggiatori, che in uno sconfinato deserto

si affannano per raggiungere il mare.

Abbiamo bisogno della collaborazione, dell'amicizia

e del sostegno l'uno dell'altro, affinché nel fervore del viaggio

le nostre forze non vengano meno,

lasciandoci soli e stremati sulla sabbia.

 

                                                    J.D. Walters

 

 

 

 

La scienza senza la religione è zoppa.

La religione senza la scienza è cieca.

 

                                         Albert Einstein

 

 

 

Dio non può essere focalizzato.

Solo quando TU ti sfocherai, solo quando sarai totalmente ebbro della Sua Forza,

solo quando tu ti perderai totalmente, allora Lui ritroverà se stesso in te.

Allora non ci sarà più separazione.

Allora ci sarà solo "Io".

 

                                                     NowHere

 

 

 

Non sono morto. Non voglio la pietra di un sepolcro.

Voglio vivere nel cuore della terra, raccolto nel sole,

tra il limite eterno delle cose e il sorgere immediato del tempo,

senza pianti e senza preghiere.

Vorrei che la mia terra, potesse respirare l'eternità del tempo

e la vastità dell'universo.

 

                                                   Giordano Bruno

 

 

 

Poi stavo in piedi sulla montagna più alta di tutte, e tutt’intorno a me c’era il cerchio del mondo.

E mentre ero lì vidi di più di quanto io possa dire e capii di più di quanto vidi;

perché vedevo in una maniera sacra le forme di tutte le cose nello spirito,

e la forma di tutte le forme così come esse devono vivere assieme come una sola cosa.

E vidi che il sacro cerchio della mia gente era uno fra molti cerchi che formavano un grande circolo,

ampio come la luce del giorno e delle stelle,

e nel centro crebbe un potente albero fiorito che proteggeva tutti i nati di una madre e di un padre.

E io vidi che era sacro.

 

                                                                                                Alce Nero

 

 

Sii saggio oggi: è pazzia rimandare.

 

                                    Young

 

 

Esiste un'unica sorgente originale, un'alta conoscenza, una Gnosi,

che in tutti i tempi incita gli uomini a ritrovare l'accesso a un tutt'altro stato d'essere,

attraverso un cammino iniziatico.

All'inizio è indispensabile che la necessità d'una tale trasformazione interiore

del cuore e della mente sia ben presente nel cercatore.

Egli, inoltre, creerà in se stesso le condizioni fisiche, psichiche ed emotive,

indispensabili a l'emergenza di un nuovo principio di coscienza.

Delle forze d'anima nuove, faranno di lui un uomo vero, capace di pensare,

di volere e d'agire conformemente alle esigenze spirituali interiori.

Questo scopo sublime al quale ogni uomo è chiamato da sempre,

implica il rigetto d'ogni illusione, d'ogni  legame a delle autorità,

a dei maestri visibili e invisibili, nell'"al di qua" come nei mondi sottili dell'"aldilà".

 

                                                                                      Lectorium Rosicrucianum

 

 

 

Le stelle si parlano;

l'anima dei soli risponde al sospiro dei fiori;

catene armoniose collegano fra loro

tutti gli esseri della natura.

 

                                                  Apollonio di Tiana

 

 

 

Me ne stavo quasi sdraiato, a pochi metri da una villa di campagna,

quando il mio essere cambiò stato: gli alberi, le fronde e il cielo e ogni cosa divenne viva

ed io mi sentii completamente fuso con questa vita, con le foglie e la casa e la terra.

Era come se le parti di cui era formato il mio mondo, me compreso, diventassero un tutt’uno.

Un senso di semplice beatitudine pervadeva ogni cosa.

 

                                                                            Un uomo

 

 

 

È dura essere uomini...  se sei stato Dio!

 

                                     R. Kipling

 

 

 

Accusare gli altri delle proprie disgrazie è conseguenza della nostra ignoranza;

accusare se stessi significa cominciare a capire;

non accusare né sé, né gli altri, questa è vera saggezza.

 

                                                                           Epitteto

 

 

 

Ciò che era bello era adesso di uno splendore radioso; ogni cosa ne era rivestita;

c’era estasi e riso non solo interiormente, in profondità, ma in mezzo alle palme e ai campi di riso.

L’amore non è una cosa comune, ma era là, nella capanna illuminata da una vecchia lampada a olio;

era con quella donna che portava qualcosa di pesante sulla testa;

con quel ragazzo nudo che faceva ruotare su un cordone un pezzo di legno che mandava scintille, i suoi fuochi d’artificio.

L’amore era ovunque, così a portata di mano che potevi raccoglierlo sotto una foglia morta

o in quel gelsomino vicino alla vecchia casa in rovina.

Ma tutti erano occupati, indaffarati e perduti.

 

                                                                   J. Krishnamurti

 

 

 

 

"Chi sei Tu per vivere sotto tutte queste forme...?"

 

                                  Tratto dal film "La sottile linea rossa"

 

 

 

 

La verità non è molto atletica. Non può acchiapparti se corri in giro.

Può afferrarti e abbracciarti solo se non ti muovi.

 

                                                                         Poonja

 

 

Analizzando e valutando ogni giorno tutte le idee,

ho capito che spesso tutti sono convinti che una cosa sia impossibile,

finché arriva uno sprovveduto che non lo sa e la realizza...

 

                                                                        Albert Einstein

 

 

 

Qualcuno si avvicinò a un pazzo che piangeva con grandissima amarezza e gli disse:

"Perché piangi?".

Il pazzo rispose: "Piango per attirare l'attenzione del Suo cuore".

L'altro replicò: "Dici delle sciocchezze perch'Egli non ha un cuore fisico"

Il pazzo disse: "Sei tu che hai torto, perché Egli possiede tutti i cuori che esistono.

Per mezzo del cuore si può entrare in contatto con Dio".

 

                                                                   Attar

 

 

 

Che non sia mai venuto in mente a nessuno che il cervello, la centrale operativa del nostro organismo, possa essere responsabile di tutte le malattie è quantomeno strano nell'era dell'informatica

 

                                                                               Dott.  G. R. Hamer

 

 

 

L'unica possibilità che un uomo ha per essere onesto è essere sé stesso.

Sempre, in ogni situazione.

Essere e basta.

 

                                                         NowHere

 

 

 

Io credo che gli uomini siano Dio e che non lo sappiano.

 

                                                        Jacques Brel

 

 

 

Conferma la verità che sperimenti interiormente;

ricevi con umile apertura (né pro né contro) le verità che non puoi ancora confermare.

 

                                                                                       NowHere

 

 

Il Mistero della Vita è semplice, chiaro, vivo.

La chiave di tutto è la semplicità.

 

                                                NowHere

 

 

 

Il tutto è dentro di te: in te ogni separazione scompare.

Tutto è Uno, tutto vive nell' "Io sono".

Tutto scaturisce da quest'unica Potenza che chiamiamo Dio.

Egli è in te e tu sei in lui.

In verità, tu lo sei!

 

                                              NowHere

 

 

 

Tutto si compie.

 

                 La Vita

 

 

 

L'universo si fa alleato dei giusti.

 

                                    Sapienza (16:17)

 

 

 

L'intero universo... deve essere compreso come una singola totalità indivisa

 

                                                                                    David Bohm

 

 

 

Il male non esiste: "male" è ignoranza.

 

                                    Anonimo

 

 

 

Alla domanda "Tu chi sei?" il saggio risponde "Sono l'universo in azione".

 

                                                                      NowHere

 

 

 

Il magistero non va oltre questo limite, di additare cioè la via e il viaggio:

ma la visione è già tutta un'opera personale di colui che ha voluto contemplare.

 

                                                                                         Plotino

 

 

Annienta in te questi due sogni di Spazio e di Tempo.

Penso che la materia sia semplicemente l'ombra di qualcosa di più grande,

che noi povere creature dalla vista corta, non possiamo vedere.

 

                                                                               Alfred Tennyson

 

 

 

Potete osservare una cosa detta 'io'? Sfugge. Osservatelo ora e ditemi. Come lo guardate? E cos'è la cosa che sta guardando ciò che chiamate 'io'? Ecco il nocciolo della questione: quello che sta guardando ciò che chiamate 'io' è ...l''io'. Sta creando un'illusoria divisione di se stesso, in soggetto e oggetto, ed è grazie a questa divisione che continua. ...Ed è interessato solo a continuare così… Finché vorrete capire questo 'io' o cambiarlo in qualcosa di spirituale, o santo… continuerà.
Se lo lasciate in pace, non c'è più, se n'è andato.

 

                                                                                 U.G. Krishnamurti

 

 

 

La persona è solo il risultato di un equivoco. In realtà non esiste. Sentimenti, pensieri e azioni corrono davanti all'osservatore in successione senza fine, lasciando delle tracce nel cervello e creando un'illusione di continuità. Un barlume dell'osservatore riflesso nella mente, crea il senso dell'"io", e la persona acquista un'esistenza apparentemente indipendente. In realtà non c'è alcuna persona, c'è solo l'osservatore che si identifica con l'"io" e il "mio".

 

                                                                                               Nisargadatta Maharaj

 

 

 

Noi siamo parte della Terra ed essa è parte di noi.

 

                                 Capo Seathl al governo statunitense, 1850

 

 

 

 

È comune dipingere fiori, ma dar loro il profumo è soltanto facoltà di Dio.

 

                                                                         Anonimo

 

 

Con occhi chiari

guardo alla mia storia compiersi

Con cuore leggero

navigo l'oceano della coscienza

grato per l'onda quieta della gioia

fermo l'intento nell'impeto dei flutti

Con mente vuota

ascolto il dialogo delle forze in me

celebro la naturalezza naturale

e ad essa mi rendo.

 

                                 Anonimo

 

 

 

Quando ti sveglierai e non vedrai più il sole, o sarai morto o sarai tu il sole.

 

                                                                           Jim Morrison

 

 

 

La vita è una favola narrata da uno sciocco, piena di strepito e di furore ma senza significato alcuno.

 

                                                                                                     William Shakespeare

 

 

 

L'io è come l'orizzonte: è percepibile ma non esiste...

 

                                            NowHere

 

 

Il vedente è UNO con ciò che viene visto.

Il "centro" da cui parte la percezione è VUOTO, vuoto assoluto.

L'io separato - il soggetto - è mera immaginazione, un'illusione assoggettante.

Il tuo vero corpo è tutto ciò che la COSCIENZA può contenere.

 

                                                           NowHere

 

 

Gli uomini e le nazioni agiscono saggiamente solo quando hanno esaurito tutte le alternative.

 

                                                                                                 Abba Eban

 

 

 

Immagina che crolli un grande edificio. Alcune stanze sono distrutte, altre intatte. E lo spazio?
È stato distrutto o è rimasto intatto?

È solo la struttura che ha sofferto, e la gente che è stata colta lì dentro. Ma niente è accaduto allo spazio in sé.

Analogamente, nulla accade alla vita quando le forme crollano e i nomi si disperdono.

L'orafo rifonde i gioielli per farne di nuovi. A volte un buon pezzo va a finire con uno cattivo.

Ma non se ne preoccupa, perché non c'è parte di oro che venga perduta.

 

                                                                      Nisargadatta Maharaj

 

 

Investiga la tua mente
e realizza la tua natura di Buddha
che mai sosta né si muove,
né sorge, né ha fine.

Avrai sprecato la tua vita

se non lo fai.

 

            Hui-neng

 

 

 

Quando in un'azienda una persona è indispensabile, vuol dire che l'azienda è organizzata male.

 

                                                                                       Robert Niederer

 

 

 

 Occhio per occhio... e il mondo diventa cieco.

 

                                                   Gandhi

 

 

 

Il cuore ha ragioni che la ragione non conosce.

 

                                               Blaise Pascal

 

 

 

Nella Bhagavadgita… il Signore Krishna, menziona chiaramente il "nulla" (situata prima del sorgere della coscienza, simultanea al concetto di spazio-tempo, e la conseguente manifestazione fenomenica) come la vera natura dell'uomo, benché il "nulla" sia in realtà la pienezza della totalità nello stato noumenale. Ma nella Sua compassione per l'individuo che invano cerca di concepire l'inconcepibile, il Signore Krishna è pronto al compromesso di trattare con l'individuo nel contesto della fenomenalità concettuale COME SE l'individuo esistesse.

 

                                                                                  Ramesh Balsekar

 

 

 

Se le porte della percezione si purificassero, ogni cosa apparirebbe all'uomo così com'è, infinita...

 

                                                                                         William Blake

 

 

Se volete scoprire cosa non va nel vostro paese, andate a guardarvi allo specchio.

 

                                                                                Ross Perot (candidato presidenziali USA)

  

 

 

Sono le nostre ricchezze spirituali che infine ci sono rese!

 

                                               Antonin Gadal

 

 

Il filosofo è quella persona che cerca in una notte buia

in una stanza senza illuminazione un gatto nero che non c'è, e lo trova.

 

                                                                                     Anonimo

 

 

 

Una sola Vita

Pervade ogni cosa e nessuna cesura

Spezza la divina continuità dell'Universo.

 

                                          Plotino

 

 

 

M.: Diffida della mente e scavalcala.

I.: Che cosa troverò oltre la mente?

M.: L'esperienza diretta dell'essere-conoscere-amare.

I.: Come si trascende la mente?

M.: I punti di partenza sono tanti. Lo scopo è unico. Puoi incominciare con l'azione disinteressata e la rinuncia ai frutti; poi coltiverai l'abbandono dei pensieri; infine, di tutti i desideri. Il fattore-chiave è l'abbandono (tyaga). Oppure puoi ignorare tutto ciò che ti capiti di desiderare, pensare o fare, e ti concentri sull'"io sono", dopo averlo reso un pensiero e un sentimento. Qualsiasi esperienza sopraggiunga, resti imperturbabile e annoti imperterrito che tutto ciò che puoi percepire è transitorio, e solo l'"io sono" dura.

I.: Non posso dedicarmi a queste pratiche per tutta la vita. Ho i miei doveri.

M.: Bada ai tuoi doveri, vivaddio! L'azione che non ti coinvolga emotivamente, che sia benefica e senza dolore non ti vincolerà.

Puoi essere impegnatissimo ed efficiente, e restare interiormente libero e quieto, con una mente tersa, che rispecchia senza aderire.

 

                                                                                  Nisargadatta Maharaj

 

 

 

Liberati dal peso di dover essere il primo e godi la gioia di essere l'ultimo.

Quella, in verità, è la gioia di Dio.

 

                                                       NowHere

 

 

 

Dicono che sbagliando s'impara, allora lasciatemi sbagliare.

 

                                                         Jim Morrison

 

 

 

Non è la materia che genera il pensiero...

è il pensiero che genera la materia.

 

                                            Giordano Bruno

 

 

 

L'jnani (saggio) vive nel momento presente, ma che ci sia in quel momento gioia o collera, è dimenticato il momento dopo;

e questo l'uomo comune, che ha costruito un'immagine dell'jnani come “uomo perfetto”, non lo può realizzare.

La verità è che l'jnani non è perfetto ma totale.

Se l'illuminazione dovesse accadere, non vi è individuo a cui succede.

Non vi può essere nessun “jnani”; vi può solo essere...un testimoniare di ciò che chiamiamo “vita”.

 

                                                                                                           Ramesh Balsekar

 

 

 

Questa notte non può durare un eterno, perché fra poco arriverà il mattino,

ammesso che ci sia un domani. 

 

                                                            Jim Morrison

 

 


Dio non vi domanderà mai perché voi non siete Mosè, ma perché non siete voi stessi.

Perché la vita è unica. E' perché voi siete questa vita, nel fondamento stesso del vostro essere, che voi siete unici. Tutta la forma nascente da questa vita è unica; tutte le situazioni occasionate da delle forme di vita sono, per questa ragione, ugualmente uniche. Tutto deve dunque aver luogo sul fondamento unico, a questo punto, all'interno delle trincee che voi stessi avete costruito; e ciò ha luogo in ogni istante nel presente! Perché è soltanto nell'istante presente che voi siete implicati in totalità.

Voi non siete veramente presenti né nel passato né nell'avvenire. Voi non ci siete che nel pensiero, non ci siete tutti interi. E' soltanto all'istante presente che voi lo siete. E' all'istante presente che voi siete al centro della vostra croce.

Ed è perché all'istante presente vi trovate al centro delle sofferenze dell'io che la vostra croce si trasforma in croce vivente, e il vostro luogo di soggiorno limitato in quadrato di costruzione.

All'istante presente, voi siete nella rosa, là dove non c'è più alcuna separazione. Presso la rosa, voi siete nella vostra dimora originale, nell'illimitato. L'albero del bene e del male, l'albero della separazione, diviene, lì al momento presente, in questo punto unico, all'interno dei vostri limiti, l'albero della Vita.

Non c'è altro luogo dove questo nuovo rampollo possa slanciarsi. Ovunque voi siate, chiunque voi siate, in qualunque modo succeda, è lì, sempre presente; lì, nella rosa della vostra croce, è presente; là dove non v'è né cielo né inferno, né terra, né sopra, né sotto, né sinistra, né destra, né critica, né giudizio, né sicurezza, né  certezza, né rifugio, né dimora, né angolo, né lato.

E' là che quello è. E quando Dio vi domanda: "Adamo, dove sei?" non c'è che una risposta possibile: "Sono là".

 

                                                                       Pentagramma (Rivista del Lectorium Rosicrucianum)

 

 

 

Il Padre è Dio velato nell'Eternità.

Il Figlio è Dio visibile nel tempo.

Lo Spirito è Dio sensibile nel cuore.

 

                       Antonin Gadal

 

 

 

Quando cerchi Dio,

Dio è lo sguardo dei tuoi occhi.

 

                        Rumi

 

                       

Dipende da te.

Facessi nel tuo cuore una mangiatoia per il suo natale,

Dio nascerebbe bambino di nuovo sulla terra.

 

                                   Angelus Silesius

 

 

 

Per me il presente è l'eternità e l'eternità è sempre in movimento, scorre, si dissolve.

Questo attimo è vita. E quando passa, muore. Ma non si può ricominciare a ogni nuovo attimo, ci si deve basare su quelli già morti.

È un po' come le sabbie mobili… senza scampo fin dall'inizio.

Un racconto, un quadro, possono far rivivere un poco la sensazione, ma mai abbastanza, mai abbastanza.

Niente è reale, eccetto il presente, e io mi sento già soffocare sotto il peso dei secoli.

Un centinaio di anni fa una ragazza ha vissuto come vivo io. Poi è morta. Io sono il presente, ma so che anch'io me ne andrò.

L'istante sublime, la fiamma che consuma arriva e subito scompare: sabbie mobili, sempre.

E io non voglio morire.

 

                                                                            Sylvia Plath

 

 

 

La croce è il corpo umano attraverso cui l'anima divina percorre il suo "cammino di croce":

da Betlemme (il cuore) al Golgota (il monte del cranio) fino alla sua risurrezione, attraversando gli inferi (il plesso sacro, il subcosciente) fino alla Patria eterna (il Padre).

 

                                                                       Antonin Gadal

 

 

 

Sei smarrito perché credi di essere nel mondo, e non che il mondo sia in te.

 

                                                         Nisargadatta Maharaj

 

 

 

Mi hanno chiesto: lei è in favore della liberalizzazione delle droghe?

Ho risposto: prima cominciamo con la liberalizzazione del pane.

È soggetto a proibizionismo feroce in metà del mondo.

 

                                                                                  Jose Saramago

 

 

 

 

Non è cercando di essere gli altri che si è se stessi.

 

                                                   Jim Morrison

 

 

 

Il medico abile è un uomo che sa divertire con successo

i suoi pazienti, mentre la Natura li sta curando.

 

                                                           Voltaire

 

 

 

Le cose avvengono: biasimo e lode subentrano non appena s'instaura la coscienza di essere l'autore dell'azione.

 

                                                                       Nisargadatta Maharaj

 

 

 

La paura è il confine dell'identità.

 

                                   Tratto da  “Nonostante Tutto” di Nonostante Tutto

 

 

 

Il saggio Deshei, raggiunta l'Illuminazione, scrisse questa poesia:

 

"Il mio corpo: l'infinità del Tutto.

I diecimila soli: il mio unico eterno cuore."

 

                                                      NowHere

 

 

 

L'uomo appare come un derivato del mondo, ma intrinsecamente è l'origine del mondo.

 

                                                                                 Rumi

 

 

Maharaj: …quando dici “io non so niente”, hai accettato dall'inizio questo fatto. Adesso ti sto indicando l''io', quello che dice “non so niente”, quella è la tua vera natura, tu sei Quello. E quello invece che sai, quello che percepisci con i tuoi occhi, non è vero. E quello che dice “non so niente”, quella è la tua vera natura. Tu sei Quello, e non potrai mai trovarlo come oggetto. Il momento che diventa oggettivo, è impermanente, così non è vero.

 

                                                                                        Nisargadatta Maharaj

 

 


L'uomo ha in sé le ossa che sostengono la sua carne;

il mondo ha le pietre che sostengono la sua terra.

 

                                                          Leonardo da Vinci

 

 

Sì, è vero. Ci sono momenti in cui, quando la carne non rappresenta nulla per me, quando sento e so che la materia è solo una visione, Dio e lo spirituale sono le sole cose reali e vere. Non dubitare: lo spirituale è il Reale. Appartiene ad ognuno di noi più di una mano o di un piede. Mi puoi dire che la mano o il piede sono soltanto simboli immaginari della mia esistenza e ti potrei credere. Ma non mi convincerai mai e poi mai che l'Io non è l'eterna Realtà e che lo spirituale non è la parte più vera e più reale di me stesso.

 

                                                                                              Alfred Tennyson

 

 

 

Il Maestro parlava carezzevolmente, desideroso di confortarmi. Il Suo sguardo calmo era impenetrabile. "Il desiderio del tuo cuore sarà esaudito". Raramente Sri Yukteswar si permetteva di parlare per enigmi. Ero confuso. Mi toccò lievemente il petto, sopra il cuore.

Il mio corpo divenne immobile e come radicato al suolo. Non respiravo più, come se un immenso magnete avesse ritirato l'aria dai miei polmoni. Anima e mente perdettero all'istante i loro vincoli fisici e uscirono come un'ondata di fluida e penetrantissima luce da ogni mio poro. La carne era come morta, eppure nella mia intensa consapevolezza sentivo che mai, prima d'allora, ero stato pienamente vivo.

Il mio senso di identità non era più limitato da un corpo, ma abbracciava tutti gli atomi circostanti. La gente in strade lontane sembrava si muovesse dolcemente nella mia remota periferia. Le radici delle piante e degli alberi mi apparivano attraverso un'opaca trasparenza del suolo; distinguevo il fluire della loro linfa.

Tutto quello che mi era vicino era nudo davanti a me. La mia abituale visione frontale s'era mutata in una vasta vista sferica che percepiva tutto simultaneamente. Attraverso la parte posteriore della mia testa, vedevo le persone camminare lontano sulla via Rai Ghat e mi accorsi anche di una mucca bianca che si avvicinava lentamente; quando giunse sullo spiazzo dinanzi al cancello aperto dell'ashram, la osservai come con i miei occhi fisici. Quando passò dietro il muro di mattoni del cortile, la vidi ancora con perfetta chiarezza.

Tutti gli oggetti nel raggio della mia visuale panoramica tremolavano e vibravano come figure sullo schermo. Il mio corpo, quello del Maestro, il cortile dai pilastri, i mobili e il pavimento, gli alberi e i raggi del sole a volte si agitavano con violenza sino a che tutto si fondeva in un mare luminoso, come cristalli di zucchero messi in un bicchiere d'acqua si sciolgono dopo essere stati agitati. La luce unificatrice si alternava con le materializzazioni delle forme, e le metamorfosi rivelavano la legge di causa e effetto presente nella creazione.

Un'oceanica gioia scoppiò sulle rive calme infinite dell'anima mia. Realizzai che lo Spirito di Dio è inesauribile Beatitudine. Il Suo corpo è fatto di innumerevoli tessuti di luce. Una luce gloriosa che si espandeva sempre più dentro di me cominciò ad avviluppare città, continenti, la terra, i sistemi solari e stellari, le tenui nebulose e i fluttuanti universi. L'intero cosmo dolcemente luminoso, simile ad una città che si scorga lontana nella notte, scintillava nell'infinità del mio essere. L'abbagliante luce al di là dei profili sferici acutamente incisi si attenuava un poco agli estremi limiti, dove potevo scorgere una morbida radiazione che non diminuiva mai. Essa era indescrivibilmente sottile; i quadri planetari erano formati da una luce più densa.

La divina diffusione di raggi scaturiva da un'Eterna Sorgente che fiammeggiava in galassie, trasfigurate da auree ineffabili. Incessantemente vedevo i raggi creatori condensarsi in costellazioni e poi risolversi in lembi di trasparente fiamma; con ritmica inversione, miriadi di mondi si tramutavano in diafana luminescenza; poi il fuoco divenne firmamento.

Conobbi il centro dell'empireo quale punto di percezione intuitiva nel mio cuore. Uno splendore irradiante sorgeva dal mio nucleo e si distendeva su ogni parte della struttura universale. La divina amrita, nettare dell'immortalità, pulsava attraverso me con una fluidità d'argento vivo. Udii la Voce creativa di Dio risuonare come Om, la vibrazione del motore Cosmico.

A un tratto l'aria ritornò nei miei polmoni e respirai di nuovo. Con una delusione quasi insostenibile, capii di aver perduto la mia immensità infinita. Di nuovo ero costretto nella umiliante gabbia di un corpo, che difficilmente si adatta allo spirito. Come un figliol prodigo ero fuggito dalla mia casa macrocosmica e avevo imprigionato me stesso in uno stretto e meschino microcosmo.

Il mio Guru era immobile dinanzi a me. Stavo per prostrarmi ai suoi sacri piedi, pieno di gratitudine per quell'esperienza di coscienza cosmica così a lungo e appassionatamente cercata. Egli me lo impedì e parlò con calma e semplicità: "Non devi troppo inebriarti d'estasi. Molto lavoro ti resta ancora da fare nel mondo. Vieni, spazziamo il balcone, poi andremo a passeggiare sulle sponde del Gange".

 

                                                                                 Paramahansa Yogananda

 

 

 

Non arrogarti nessuna azione – tutto sta accadendo da sé.

Se tu non sei, qual è il bisogno di tutte le discipline, incluso Dio?

 

                                                                    Nisargadatta Maharaj

 

 

 

La vita è come uno specchio: ti sorride se la guardi sorridendo.

 

                                                                Jim Morrison

 

 

 

Lo specchio non può far nulla per attrarre il sole. Può solo conservarsi terso.

Non appena la mente è pronta, il sole vi risplende.

 

                                               Nisargadatta Maharaj

 

 

 

Il Pilota era stato a bordo tutto il tempo, ma nell'oscurità non Lo avevo veduto.

 

                                                                                Alfred Tennyson

 

 

 

 

Gli esseri senzienti illusi non sanno che i loro corpi fisici,

insieme con le montagne, i fiumi, lo spazio

e l'intero universo esterno ad essi,

sono tutte cose comprese all'interno

della meravigliosa vera mente illuminata.

 

                                               Buddha

 

 

 

Non vive due volte questo giorno
Atomo di tempo grande perla.
Mai più tornerà questo giorno.
Ogni suo istante è una gemma inestimabile.

                                 Takuan                
 

Prima della mente: sono. "Io sono" non è un pensiero nella mente: è la mente che accade a me, non io alla mente. E poiché tempo e spazio sono in essa, io sono al di là, onnipresente e eterno.
        
                                                                       Nisargadatta Maharaj

 

 

Avevo appena detto queste parole, che un’intuizione sfolgorante e stupefacente sembrò impossessarsi della mia mente e illuminarla. Percepii la realtà della mia anima e la sua pura indipendenza da tutte le condizioni spaziali e materiali... Lo spazio non era nulla per lo spirito! In quella nuova consapevolezza splendeva la presenza di Dio, Egli stesso uno spirito dappertutto contemporaneamente, il Creatore che dimora in tutto l’universo simultaneamente.
Si può conoscere l’Infinito solo con una facoltà superiore alla ragione, entrando in uno stato in cui il sé finito non esiste più - in cui l’essenza divina ci viene comunicata. Questa è l’estasi. È la liberazione della mente dalla sua consapevolezza finita. Il simile può conoscere solo il simile; nel momento in cui si cessa di essere finiti, si diventa uno con l’Infinito. Nella riduzione della tua anima al suo sé più semplice, la sua essenza divina, si realizza questa unione, questa identità.

                                                                                 Ramana Maharshi

 

Vidi l’eterno, onnisciente, onnipotente Dio dalle origini mentre avanzava, e mi venne il capogiro! Rintracciai le sue orme sui campi della natura e trovai in ognuna di esse, perfino in quelle che potevo appena decifrare, una saggezza e un potere senza fine, una perfezione imperscrutabile.

                                                                                           Linneo



La luce si fece sempre più viva, il boato più forte; mi sentii vacillare e quindi scivolare fuori dal corpo, tutto avvolto in un alone di luce... Il mio punto di coscienza diventava sempre più grande, era tutto avvolto in un alone di luce... Ora ero tutto coscienza, senza alcuna delimitazione, senza alcuna idea di appendice corporea, senza alcuna sensazione proveniente dai sensi, ero immerso in un mare di luce. Non ero più me stesso, o, per essere più preciso, non ero più quello che avevo saputo di essere, un punto di coscienza limitato da un corpo; ero invece un grande cerchio di coscienza nel quale il corpo non era che un punto, immerso nella luce e in uno stato di esaltazione e felicità indescrivibili.

Gopi Krishna




Nel movimento di cui parlo... non c'è nulla dentro che debba uscire fuori e nulla fuori verso cui protendersi.
Non c'è più neppure un'unione d'amore, perché quando non c'è un io‚ non resta nulla che debba unirsi! 

                                                                          Bernadette Roberts

 

Io mi riferisco continuamente a questo principio che non conosce se stesso, nel quale non c'è alcun "io sono", il principio che è il più profondo voi stessi, che è l'unico vero voi stessi.
Ritrova lo stato della prima infanzia. Immergi il tuo essere nel non essere. La tua vera natura è senza nascita. Tu sei quello che ignori, sei lo stato di non-conoscenza.                                          

                                                                                      Nisargadatta Maharaj


Perciò preghiamo Dio di diventare liberi da Dio e di concepire e godere eternamente la verità, là dove l'angelo più alto e la mosca e l'anima sono uguali; là dove stavo e volevo quello che ero ed ero quel che volevo. Egli (l'uomo) deve essere così "vuoto di ogni sapere" da non sapere né conoscere né sentire che Dio vive in lui; più ancora deve essere privo di ogni conoscere che vive in lui.
Infatti, quando l'uomo stava nell'eterna essenza di Dio, niente altro viveva in lui; cosa là viveva quello era lui stesso... Perciò io sono causa originaria di me stesso secondo il mio essere, che è eterno, e non secondo il mio divenire, che è temporale. Perciò io sono non nato, secondo il mio modo del mio non esser nato, non posso mai morire. Nella mia nascita eterna nacquero tutte le cose ed io fui causa originaria di me stesso e di tutte le cose, e se non lo avessi voluto, né io né le cose sarebbero; ma se io non fossi, neanche Dio sarebbe: io sono causa originaria dell'esser Dio da parte di Dio; se io non fossi, Dio non sarebbe Dio. Quando ero nella mia causa prima, non avevo Dio ed ero causa di me stesso; allora non volevo niente, non desideravo niente, perché ero un essere libero e conoscevo me stesso, godendo della verità. Volevo me stesso e non volevo altro; quel che volevo, lo ero, e quello che ero, lo volevo. Allora ero privo di Dio e di tutte le cose. Ma quando, per mia volontà libera, sono uscito e ho ricevuto il mio essere creato, allora ho avuto un Dio. Infatti Dio non era Dio prima che vi fossero le creature: era quello che era. Quando ci furono le creature, che ricevettero il loro essere creato, Dio non era Dio in se stesso, era Dio nelle creature.

                                                                                                 Meister Eckhart



Il pensiero è sopravvissuto per milioni e milioni di anni, e conosce ogni stratagemma nel mondo.
Farà qualsiasi cosa per mantenere la sua continuità.

 

                                                                             U.G.  Krishnamurti

 

Temo che gli animali vedano nell'uomo un essere loro uguale che ha perduto in maniera estremamente pericolosa il sano intelletto animale - vedano cioè in lui l'animale delirante, l'animale che ride, l'animale che piange, l'animale infelice.

 

                                                                              Friedrich W. Nietzsche (“La gaia scienza”)

 

 

 


II corpo ha un innata saggezza: è il cattivo uso del cervello che disastra la vita.

 

                                                              Charlotte Joko Beck

 

 


Tutto, nel cielo intelligibile, è dappertutto. Qualunque cosa è tutto. Il sole è tutte le stelle, e ogni stella è tutte le stelle e il sole. 

 

                                                                                              Plotino

 

 

 

Se ci si rende consapevoli di non possedere questi pensieri che vengono a galla,

la mente acquista un'altra qualità.

 

                                                                      G. Bluestone

 



La Mente Intelligente non è responsabile se le cose funzionano.

È la mente che vede quello che ha davanti, e segue la natura delle cose.
Quando lavori con Wu Wei allora metti il cuneo rotondo nel buco rotondo e il cuneo quadrato nel buco quadrato. Niente stress, niente lotte. Il Desiderio Egoistico cerca di forzare il cuneo rotondo nel buco quadrato e il cuneo quadrato nel buco rotondo. L'Astuzia cerca di immaginare vie più furbe per incastrare i cunei là dove non c'entrano. La Conoscenza cerca di capire perché i cunei rotondi entrano nei buchi rotondi e non in quelli quadrati. Wu Wei non prova. Non pensa alla questione. Agisce soltanto. E quando agisce sembra che non faccia praticamente nulla. Ma le Cose Vengono Fatte. 

 

                                                                                            Benjamin Hoff

 

 

 

Tutta l'immensa terra non è altro che te.

 

                                Hsueh-feng

 

 

 

Le vie erano mie, il tempio era mio, le persone erano mie... così come i loro occhi luccicanti, l'incarnato chiaro e le loro guance vermiglie. I cieli erano miei, e così il sole, la luna e le stelle e tutto il mondo era mio.

                                                                                       Traherne

 

 

 

Perdendo, lasciando cadere corpo e mente, il Vostro Volto Originale brilla davanti a voi.

                                                                      

                                                                                   Sazen-gi

 

 

…"Essere senza pensieri" significa vedere e conoscere tutte le cose con una mente libera da attaccamenti… ma il trattenersi dal pensare a qualunque cosa, così che tutti i pensieri siano soppressi, significa essere ossessionato dal Dharma (regole) e ciò è sbagliato.

 

                                                                                    Hui Neng

 

 

 

Qualunque sia lo stato in cui non conoscevamo nulla quello è il nostro vero stato, quella è la Realtà. In quello stato non conoscevamo nemmeno la nostra esistenza. Allora spontaneamente, arrivò il messaggio… "io sono!"… (che) diede inizio al senso di dualità, soggetto ed oggetto, peccato e merito…
Qualunque cosa ci fosse prima della conoscenza "io sono" è la verità; qualunque cosa segua la conoscenza o la coscienza "io sono" è falsa…

Tu sei quello che è precedente all'arrivo dell’io sono.

 

                                                                                      Ramesh Balsekar



L’ultima verità?
Il canto d’un pescatore
Che si allontana tra i canneti.

 

                       Wang Wei

 

 

 

Muori mentre vivi;
vivi mentre muori,
e sii assorto nel Silenzio.
Se nell'impurità rimani puro,
non tornerai nell'oceano del mondo. 

 

                     Djalâl-ud-Din Rûmî

 

 

 

Quando guardi le cose, tu vedi te stesso.
Quando invece sei allo specchio, questo riflette l’unica immagine che non è veramente tua: il corpo.

 

                                                                            NowHere

 

Osservatore e cosa osservata sono correlati in modo reale e fondamentale. L'esatta natura di questa correlazione non è chiara, ma sempre più viene comprovato il fatto che la distinzione fra il "qui dentro" e il "là fuori" sia un'illusione.

                                                                                       Gary Zukav



... Volevi collegarti con l'albero... ahimè ti sei sbagliato di albero! La linfa, le molecole... non appartengono all'albero, ma al tuo intelletto... Un po’ di pensiero coagulato, cagliato...
L'albero... non era in realtà laggiù, fuori dai tuoi occhi e dalla tua testa, ma nella tua testa, unicamente in essa... 

                                                                        Stéphen Jourdain

 

Il mondo è di per sé sonoro,
Mentre il Vuoto è silenzio sempre.
Ciò che sorge nel cuore della calma
Nel cuore della calma si dissolve. 

 

                            Wei Ying-Wou




L'occhio con cui io vedo Dio è lo stesso con cui Egli vede me.

 

                                                Meister Eckhart

 

Qualcuno chiede ad un saggio:

“Se lancio una pietra attraverso l’infinito, dove atterrerà?”

Il saggio risponde:

“Atterrerà nella tua mano”.

 

Jodorowsky



Il punto dei punti attorno al quale
gravita il sistema del nostro
sistema solare, o discepolo, lo conosci?
Lo conosco, Maestro, perché Egli è il Dio di Dio,
lo conosco, perché Egli è me
e perché io sono Lui
e perché Lui ed io siamo UNO.
…io sono ciò che sono…

                              Nuk pu Nuk

 

Quello che non è afferrato dal cuore
è come se non esistesse,
come i fili d'erba per il carro che passa.

                                    Abhinavagupta


Il pensiero è la droga più diffusa e dannosa che c’è in circolazione…

                                                                 NowHere

 

D.: Quand'è che una persona è matura per l'illuminazione? C'è un periodo di gestazione che precede l'illuminazione, così come i nove mesi di preparazione e di crescita che precedono la nascita di un bambino?
P.: Sei maturo per l'illuminazione quando non vuoi nient'altro. Per poter nascere come bambino devi impiegare nove mesi per diventare sempre più grande. Per l'illuminazione devi diventare sempre più piccolo fino a scomparire completamente.

D.: Quando si è illuminati si potranno conoscere le nostre vite passate?

P.: Quando si è illuminati, si saprà che non sono mai avvenute.

                                                                  Poonja

 

La rosa è senza perché: fiorisce perché fiorisce,
a se stessa non bada, che tu la guardi non chiede.

                                        Angelus Silesius



Ciò di cui sono tessuti il Cielo, la Terra, lo Spazio,
la mente insieme a tutti i sensi,
è l'Unico Atman, l'Intero.
È Quello che si deve conoscere.

                                     Mundaka Upanishad

 


Un minuto di meditazione, un millimetro di Buddha.
Come il lampo tutti i pensieri vengono e vanno.
Solo un attimo guarda nella profondità della tua mente:
null'altro è mai esistito.

                                                 Manzan



Se non ti sei congiunto al vero vuoto, non capirai mai.

                                          Morihei Ueshiba



Quando regna il perfetto silenzio, la vera Illuminazione è raggiunta.
Poiché la serena meditazione include tutto lo spazio,
posso guardare di nuovo al mondo, pieno null'altro che di sogni!
Oh, oggi veramente capisco com'è vero e accurato l'insegnamento del Buddha!

                                                                       Han Shan


Vedrete che sia il vostro corpo che la vostra mente,
insieme alle montagne, i fiumi, lo spazio, la terra e tutto il mondo esterno,
sono compresi entro la Vera Mente illuminata.

                                                     Shurangama Sutra


Solo la mano che cancella può scrivere la cosa giusta.

                                           Meister Eckhart

 

Se il Nirvana non è adesso, quando sarà?!?

                                          NowHere


L’unicità dell’individuo non può esprimersi a causa del cappio delle esperienze degli altri.

                                                                            U.G. Krishnamurti

 

In ogni momento ci affacciamo al precipizio della morte senza esserne coscienti.
Il pensiero ci mantiene in vita creando una sorta di continuità fra passato e futuro,
un muro di granito fatto di ricordi ed attese, memoria e apprensione.
Senza pensiero c’è un silenzio, una calma che conduce a morire da vivi: un processo di morte che conduce ad una vita depurata da ogni scoria, da ogni cultura, da ogni esperienza.
Un processo di morte che rende l’uomo come una lavagna vuota, come una goccia tersa.
Questa vera morte che dà la Vita potrebbe prodursi anche adesso, in questo momento…
ma il pensiero non è interessato a morire, non vuole tacere, è unicamente interessato alla sua continuità.

                                                                            NowHere



Il pensiero lo credo come la naturale caduta di un frammento in eccedenza del nostro sistema.

                                                                                       Davide Acri

 

L'uomo guarda le stelle e ne rimane attratto, perché tutte le stelle sono dentro di lui.

                                                                              Bruno Franchi

 

La felicità non nasce dall’esaudire ma dall’esaurire i desideri.

                                                                       NowHere


Lasciare la vita scorrere liberamente…
sarà il primo passo verso la libertà
e verso la pace sulla terra.

                             Wilhelm Reich



C’è la credenza che i pensieri siano cattivi.
Ma i pensieri sono solo pesci nel fiume.
Credete che al fiume dia fastidio avere i pesci?

                                          Pamela Wilson

 

Un essere umano è parte di un tutto che chiamiamo 'universo', una parte limitata nel tempo e nello spazio.
Sperimenta se stesso, i pensieri e le sensazioni come qualcosa di separato dal resto, in quella che è una specie di illusione ottica della coscienza.
Questa illusione è una sorta di prigione che ci limita ai nostri desideri personali e all'affetto per le poche persone che ci sono più vicine.
Il nostro compito è quello di liberarci da questa prigione, allargando in centri concentrici la nostra compassione per abbracciare tutte le creature viventi e tutta la natura nella sua bellezza.

                                                                              Albert Einstein
 



Vivere è la cosa più rara del mondo.
Molta gente esiste: ecco tutto.

                                         Oscar Wilde

 

 

Non si nasce già se stessi.

Si nasce con una quantità enorme di aspettative e di idee altrui che bisogna smaltire.

 

                                                                   V.S. Naipaul

 

 

Nulla impedisce di essere naturale quanto il desiderio di sembrarlo.

 

                                                             La Rochefoucauld

 



 

“Strano che in un mondo ch’è un deserto ogni uomo è una città…”

 

                                             Tito Schipa jr. (tratto da “Orfeo9”, un’opera pop)

 

 

 

Un uomo ammazza qualcuno: è un assassino.
Lo stesso uomo, in tempo di guerra, uccide migliaia di persone... e diventa un grande eroe.
La società non è disturbata da un delitto, però il delitto deve essere commesso negli interessi della società: in questo caso è pienamente accettato. La società non si preoccupa della moralità.

                                                                                           Osho

 


Una volta, mentre un maestro Zen camminava per la strada, un uomo si precipitò su di lui e lo colpì duramente. Il maestro cadde, poi si rialzò, e riprese a camminare nella stessa direzione di prima, senza neppure voltarsi indietro.
Un discepolo che era con il maestro rimase molto colpito e chiese: "Chi è quell'uomo? Che cosa vuol dire tutto questo? Nessuno può voler uccidere un essere che vive come te; e tu non lo hai neppure guardato. Chi è, e perché l'ha fatto?"
Il maestro rispose: "E' un problema suo, non mio."

                                                                               Storia Zen

 

Come il tesoro nascosto nella terra, come il sapore nel frutto, come oro nella pietra e olio nel seme,
l’Assoluto è nascosto nel cuore.

                                                                                  Akka Mahadevi


Perché stai brancolando come un cieco?
Se sei saggio entra dentro.
Shiva in verità è là,
non andare qua e là.

                            Lalleswari

 

Non sono venuta su questa terra come un seme,
per cadere nel cerchio delle nascite,
io non sono gli elementi
terra, acqua, fuoco, aria ed etere.
Io sono oltre il sé primordiale universale
e il sé individuale,
Io sono la Coscienza Suprema.

                                     Rupa Bhawani

 

Io sono legata all'uno che non conosce morte, né decadenza né forma.
Egli non ha un posto, né un confine, né modificazioni né origini.

                                                    Akka Mahadevi




Io, Lalla, sono entrata nel giardino dei gelsomini dove Shiva e Shakti facevano l’amore, mi sono dissolta in loro e cosa ne è di me adesso?
Sembra che io sia qui, ma in realtà sto camminando nel giardino dei gelsomini.

                                                                    Lalleswari


In   un   attimo,
esci   dal   tempo   e   dallo    spazio,
accantona   il   mondo
e   costruisci   un   mondo in te.

                   Shabistari

 


La   cosa   ultima   non   può   mai    essere   trasmessa
da   una   persona   a   un'altra.
Essa   proviene   da   se   stessi.

                         Hori   Kintanu

 

La mia forza è non aver trovato una risposta a niente.

                                   Emil M. Cioran

 

Uccidere il Buddha quando lo si incontra significa superare il mito del maestro, il mito del guru, il mito dello psicoterapeuta, significa uccidere la speranza che qualcuno, all'infuori di noi, possa essere il nostro padrone.

 

                                                                                     Sheldon B. Kopp

 

Dio ama la gente comune, poiché ne ha fatta tanta.

                                         G.K. Chesterton

 

Non si può trovare una soluzione razionale, perché la fonte del problema è la razionalità stessa.

                                                                                  Robert Pirsig


Devi cercare Dio, in modo da non trovarlo in nessun luogo.
Se non lo cerchi, lo trovi.

                                             Meister Eckhart

 


Il Tao è sempre inattivo, eppure non c'è niente che non faccia.

                                             Lao-Tzu

 


Se incontri il Buddha per la strada, uccidilo.

                                   Lin-chi

 

Un'unica cosa importa, un'unica parola.    
Se parliamo significa che questa cosa non l'abbiamo trovata, né la troveremo.

                                                          Emil M. Cioran


Voi non avevate ancora cercato voi stessi: ecco che trovaste me.
Così fanno tutti i credenti; perciò ogni fede vale così poco.  
E ora vi ordino di perdermi e di trovarvi; e solo quando mi avrete tutti rinnegato io tornerò tra voi.

                                                        Friedrich Nietzsche

 

Quando abbiamo oltrepassato il sapere, sotto le   varie sue   forme, abbiamo allora la conoscenza.    La ragione fu un aiuto; la ragione è l'ostacolo.

                                                                   Aurobindo


Per giungere al possesso del tutto, non voler possedere niente.    
Per giungere ad essere tutto, non voler essere niente.

                                          Giovanni Della Croce


Non bisogna modellarsi su un altro per quello che si vuol o non si vuol fare, perché le situazioni, le circostanze, le relazioni non sono mai le stesse e perché anche la differenza di carattere dà tutt'altra tinta all'azione.

                                                              Arthur Schopenhauer



Beato colui che ha trovato nella vita lo scopo della propria esistenza.

                                                         Inayan Khan


 

La foglia di un albero è lo sforzo senza fine della terra di comunicare con il cielo.

                                                                       R. Tagore


L'uomo grande è uno che non perde il suo cuore di bimbo.

                                                    Meng-Tzu

 


L'anima di colui che ha scorto dentro di sé l'Io Reale è tranquilla e calma, indifferente al caldo e al freddo, al piacere e al dolore, a ciò che nel mondo è chiamato onore e a ciò ch'è chiamato disonore. L'uomo saggio è soddisfatto della conoscenza e della saggezza che sono state a lui concesse come i più rari tesori della terra. I suoi sensi sono armonizzati dal dominio di se stesso, e la Saggezza ha sostituito in lui il Desiderio. Taluno eccelle in saggezza fino al punto da riguardare gli amici e i nemici, gli stranieri e i compatrioti, i santi e i peccatori, i giusti e gli ingiusti, con uguale amore e senso di fratellanza.

 

                                                                                Bhagavad Gita

 

 

L'idea di non possedere niente, di non essere niente, è gia una consolazione; 
la consolazione suprema consiste nella vittoria anche su questa idea.

                                                                                      Cioran


Freud è la più grande frode del XX secolo.

                                      U.G. Krishnamurti



Gli uomini hanno paura di dimenticare la propria mente,  
temendo di precipitare nel Vuoto senza qualcosa che ne arresti la caduta.

                                                        Huang-Po

 

Seguaci della Via per il Dharma del Buddha non è necessario alcuno sforzo.
Dovete soltanto essere uomini ordinari, con nulla da fare.

                                                                       Lin-Chi


Quando si realizza la verità, non ci sono più desideri o idee limitanti.
L'inesistenza di un io è allora manifesta e la vacuità di tutte le forme è evidente.
Se vivete questo zen, potete lasciare l'inferno nei vostri sogni di ieri e vivere il vostro paradiso ovunque vi troviate.

                                                           Yoka Daishi


Verrà il tempo in cui  gli uomini saranno  soddisfatti di un'alimentazione  vegetariana e giudicheranno l'uccisione di un animale  come essi giudicano oggi quella di un uomo.

                                                                    Leonardo Da Vinci


 

La non-violenza e' la più grande forza a disposizione dell'umanità,

e' la più potente fra tutte le armi distruttive che l'ingegno

dell'uomo ha inventato.
 
                                                               Ghandi

 

Ecco: per sé, nessuno.
Era questa, forse, la via che conduceva a diventare uno per tutti.

                                             Luigi Pirandello (tratto da “Uno, nessuno e centomila”)


 

Si arriva ad un certo punto in cui ogni “abito” dà prurito alla pelle.

                                                                       Maico


Non è altro che questo, epigrafe funeraria, un nome. Conviene ai morti. A chi ha concluso. Io sono vivo e non concludo. La vita non conclude. E non sa di nomi, la vita. Quest'albero, respiro trèmulo di foglie nuove. Sono quest'albero. Albero, nuvola; domani libro o vento: il libro che leggo, il vento che bevo. Tutto fuori, vagabondo. L'ospizio sorge in campagna, in un luogo amenissimo. Io esco ogni mattina, all'alba, perché ora voglio serbare lo spirito cosí, fresco d'alba, con tutte le cose come appena si scoprono che sanno ancora del crudo della notte, prima che il sole ne secchi il respiro umido e le abbagli. Quelle nubi d'acqua là pese plumbee ammassate sui monti lividi, che fanno parere piú larga e chiara nella grana d'ombra ancora notturna, quella verde piaga di cielo. E qua questi fili d'erba, teneri d'acqua anch’essi, freschezza viva delle prode. E quell'asinello rimasto al sereno tutta la notte, che ora guarda con occhi appannati e sbruffa in questo silenzio che gli è tanto vicino e a mano a mano pare gli s’allontani cominciando, ma senza stupore a schiarirglisi attorno, con la luce che dilaga appena sulle campagne deserte e attonite. E queste carraie qua, tra siepi nere e muricce screpolate, che su lo strazio dei loro solchi ancora stanno e non vanno. E l'aria è nuova. E tutto, attimo per attimo, è com'è, che s’avviva per apparire. Volto subito gli occhi per non vedere piú nulla fermarsi nella sua apparenza e morire. Cosí soltanto io posso vivere, ormai. Rinascere attimo per attimo. Impedire che il pensiero sí metta in me di nuovo a lavorare, e dentro mi rifaccia il vuoto delle vane costruzioni. La città è lontana. Me ne giunge, a volte, nella calma del vespro, il suono delle campane. Ma ora quelle campane le odo non piú dentro di me, ma fuori, per sé sonare, che forse ne fremono di gioja nella loro cavità ronzante, in un bel cielo azzurro pieno di sole caldo tra lo stridío delle rondini o nel vento nuvoloso, pesanti e cosí alte sui campanili aerei. Pensare alla morte, pregare. C'è pure chi ha ancora questo bisogno, e se ne fanno voce le campane. Io non l'ho piú questo bisogno, perché muoio ogni attimo, io, e rinasco nuovo e senza ricordi: vivo e intero, non piú in me, ma in ogni cosa fuori.


                                                                  Luigi Pirandello (tratto da “Uno, nessuno e centomila”)

 

 


La coscienza di questa realtà deve provenire dall’attività della radiazione emessa dal microcosmo, che afferra e penetra l’insieme dei veicoli.

                                                                Jan van Rijckenborgh

 

Tutte le esperienze attraverso cui passiamo sono prodotte dal nostro vero sé interiore, dal nostro nucleo divino che risiede nel cuore.
Queste vicissitudini sono prodotte affinché diveniamo perfetti per Lui, affinché diveniamo uno strumento ben accordato.
Allora sarà Lui stesso ad agire in noi.
Allora il suo veicolo – il nostro sistema – sarà pronto, funzionante e utilizzabile.

                                                                        NowHere


Se qualcuno dice: "Che uomo eccellente sei!" e ciò ti piace più del suo dire: "Che uomo cattivo sei!" sappi che sei ancora un uomo cattivo.

                                                                           Sufyan al Thawri



 

Se le parole provengono dal cuore, entreranno nel cuore, ma se vengono dalla lingua, non passeranno oltre le orecchie.

                                                                              Al-Suhrawardi



Un antico maestro disse: "Quando bolli il riso, sappi che l'acqua è la tua vita".

                                                                           Detto Zen

 

 
La vera comprensione è possibile solo quando siamo pienamente consci del nostro pensiero, non come un osservatore operativo su questo pensiero, ma completamente e senza l'intervento di una scelta.

                                                                           J. Krishnamurti


Non impariamo a scuola, ma nella vita.

                                                  Seneca

 

...non serve correre, bisogna partire in tempo.

                                            Esopo

 

Vediamo le cose come siamo,
non come sono.

                        Leo Rosten



Il fine è nei mezzi come l’albero nel seme.

                                      Gandhi



Tutto ciò che fa il Potere del Mondo lo fa in cerchio.
Il cielo è rotondo, e ho sentito dire che la terra è rotonda come una palla, e così le stelle.
Il vento, nella sua forma più potente, turbina.
Gli uccelli fanno il nido in un cerchio, poiché la loro religione è uguale alla nostra.
Il sole sorge e tramonta in un cerchio. La luna fa lo stesso, ed entrambi sono rotondi.
Persino le stagioni formano un grande cerchio nel loro trascorrere, e tornano sempre  al punto di partenza.
La vita di un uomo è un cerchio, dall’infanzia all’infanzia.
E così è tutto ciò in cui si muove il potere. 

                                                      Alce Nero, Oglala Sioux (1863-1950)

 

Intorno a noi ci sono infinite piccole galassie fatte di meraviglie
ma in quanto mediocri, siamo attratti e conquistati solo dalla grandezza
e la nostra stessa ossessione per questa grandezza ci rende ciechi ai piccoli meravigliosi universi
che ci circondano.

                                                                           Francesca Testa

 

Quando il giorno sorride è la vita che sorride.

                                       Rossella “Yaris” De Franceschi

 


La vita è fatta di rarissimi momenti di grande intensità e di innumerevoli intervalli.
La maggior parte degli uomini, però, non conoscendo i momenti magici,
finisce col vivere solo gli intervalli.

                                                           Friedrich W. Nietzsche

 

La mente è un virus.

 

                NowHere



Le aspettative possiamo porle solo sulle cose che dipendono direttamente dalla nostra capacità di intervento.

                                                                       Marco Di Leva



Tutta la conoscenza accumulata, l'esperienza e la sofferenza dell'umanità sono dentro di te.
Devi erigere un enorme falò dentro di te. Allora diverrai un individuo. Non c'è altro modo.

                                                                                               U.G. Krishnamurti



Le parole sono il tappeto volante su cui viaggia il cuore.

                                                 NowHere

 


Tutto ciò che accade nello spazio e nel tempo sta limitando l’energia della vita.
Cosa sia la vita io non lo so, né mai lo saprò.

                                                                         U.G. Krishnamurti

 


L’uomo non è altro che un miraggio nello sconfinato deserto universale…

                                                         NowHere

 


Quando si muove la coscienza, si muove la vita.

                                            NowHere

 

Quanto più ci innalziamo, tanto più piccoli sembriamo a quelli che non possono volare.

                                                                              Nietzsche

 

Qualsiasi cosa accada, io resto. Alla radice del mio essere, c'è la pura consapevolezza, una scintilla di luce fortissima. Per sua natura la scintilla irradia e proietta le immagini nello spazio e gli eventi nel tempo - senza sforzo -. Fin quando è pura consapevolezza, tutto va bene, ma non appena sopraggiunge la mente discriminativa e foggia le distinzioni, spuntano il piacere e il dolore.

                                                                              Nisargadatta Maharaj

 


D.: Per favore, esiste un metodo per distruggere la mente?

A.: Trova chi ha la mente. Se la mente esiste ancora dopo che tu sia riuscito nell'intento, allora potrai cercare un metodo per distruggerla.

...L'ajnani è come l'uomo che osserva solo i nomi e le forme che appaiono sullo schermo del cinema. L'Jnani d'altro lato, è sempre consapevole dello schermo su cui appaiono i nomi e le forme.

 

                                                               Annamalai Swami

 


”Com’è fatto l’Amore?” – domandò Artù – “Potrò mai conoscerlo?”

 

Merlino rispose: “Un giorno, quando sarai stanco di questa febbre che ti rende inquieto,

imparerai ad affidarti all’amore senza condizioni.

E quando riporrai la tua fiducia nell’amore,

allora vedrai una piccola luce nel tuo cuore.

Questa luce ti guiderà e ti salverà.

Dapprima avrà la dimensione di una scintilla,

poi della fiamma di una candela

e infine di un incendio,

che brucerà in te tutto ciò che ti separa dall’amore.”

 

                                                       Lectorium Rosicrucianum

 

Per essere un vero Uomo, tutto ciò che ti fa credere di essere un “uomo” intelligente e civilizzato e non un animale, tutto ciò che, lusingandoti, ti fa credere di essere separato dalle altre specie di questa natura deve giungere a una fine.
Allora la vita ritornerà UNA, senza divisione né disarmonia.

                                                           NowHere

 

La nozione che la vita umana ha un valore più grande di ogni altra forma di vita è insieme ingiustificabile e arrogante.

                                                             
Wei Wu Wei

 

Negli uomini superficiali, i pesciolini dei piccoli pensieri muovono molto le acque.
Nelle menti oceaniche, le balene dell'ispirazione fanno appena un'increspatura.

                                                                   Detto Indù



Ama la verità, mostrati qual sei; senza finzioni, senza paure e senza riguardi. E se la verità ti costa la persecuzione, tu accettala; se il tormento, sopportalo. E se per la verità dovessi sacrificare te stesso e la tua vita, sii forte nel sacrificio.

                                                                            Giuseppe Moscati

 

D.: Se tutto è illusione, anche lei è un'illusione?

M.: Oh! Sì, sono la più grande delle illusioni! Tutto ciò che dico con tanta passione è falso.
Ma questa falsità è un ponte al raggiungimento di ciò che è.
L'indirizzo della persona non è reale, solo la persona è reale. Quando lei arriva a questa casa grazie all'indirizzo avuto, esso è vero fino a che lei non sia entrato. Appena lei è entrato, l'indirizzo sparisce. Le parole sono indicazioni, non sono reali in se stesse.
Per toglier l'ignoranza, è necessaria la conoscenza, ma entrambe devono dissolversi nella realizzazione. Lei è senza ignoranza, senza conoscenza.
Il maestro e il ricercatore sono illusioni, poiché sono un'unica cosa. Il falso non può essere soppresso che dal falso. Se lei conserva la seconda spina [quella che l'ha aiutata ad estrarre la spina dolorosa] la conoscenza, anche se essa è d'oro, la pungerà. L'ego è la sola illusione e l'ego è la conoscenza... è una bella cosa, ma non deve essere che un rimedio... per sopprimere l'ignoranza.

                                                                                     Ranjit Maharaj


Come un bersaglio non è posto per esser mancato,
così pure nell'universo non esiste la natura del male.

                                             Epitteto


Il Liberato nella stessa vita, Jivan-mukta, non si preoccupa dei suoi veicoli, li lascia ai soli automatismi, e quando simili sovrapposizioni spariscono, non si cura di quello che gli altri possono farne. In lui – atman inalterabile – come può esserci residuo di attaccamento a fattori irreali?

                                                                                      Raphael


Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto in un campo; un uomo lo trova e lo nasconde di nuovo, poi va, pieno di gioia, e vende tutti i suoi averi e compra quel campo.

                                                                                     Gesù Cristo

 

Tutta la natura è una singola entità. L’uomo non può separarsi da quella che chiamiamo natura. Sfortunatamente, con l’aiuto di questa autocoscienza che è apparsa ad un certo momento, l’uomo si è accordato un posto superiore su un livello più alto, e si è considerato superiore (ed ancora ci riteniamo tali) alle altre specie che vivono su questo pianeta. Ecco la ragione per cui abbiamo creato questa disarmonia; ecco perché abbiamo creato questi tremendi problemi, ecologici e di altro tipo. L’uomo, o come volete chiamarlo, di fatto non può essere separato dalla totalità della natura. Ecco dove abbiamo preso una delle maggiori cantonate; questa cosa è sfortunatamente la tragedia dell’uomo.

                                                                                     U.G. Krishnamurti





Il mondo allora avrà una nuova umanità. Il cielo, il cosmo, l'infinito
non saranno più fuori di noi, ma il vero luogo della nostra coscienza.
 
                                                             Satprem
 
 
 
 
Parlate di filosofia quanto volete, adorate tutti gli dei che volete, osservate tutte le Cerimonie, cantate lodi devote ad un numero indefinito di esseri divini – la liberazione non verrà mai, sia pure
dopo cento ere del tempo, se non c'è la coscienza dell'Unicità del Sé Stesso. 
 
                                                                               Sankara
 
 
 
 
Forse stai interpretando la Realtà in termini di “inizio dei tempi” e “fine dei tempi”? Suvvia, non c'é cosa peggiore che attaccarsi ai fantasmi evanescenti e fenomenici, non c'é maggior stoltezza che credere all'inesistente. Se vuoi la certezza del tuo essere, non sperare, né protenderti nel tempo-immagine. Non credere a quella sicurezza che, come novella umana ti offre il tempo; il tempo può solo offrirti illusioni e conflitti. La tua certezza è nel senza-tempo, quel tempo che non diviene perché è un “eterno ora”. 
 
                                                                                 Raphael
 
 
 
 
Noi non siamo una parte illusoria della Realtà; 

piuttosto siamo la Realtà stessa illusoriamente concepita.
 
                                                                          Wei Wu Wei
 
 
 
 
 
Cambiare è uscire dal cambiamento.
 
                              Jean Klein
 
 
Quando desideri fortemente qualcosa, tutto l’universo cospira affinché tu realizzi il tuo desiderio.
 
                                                                          da "L'Alchimista" di Paulo Coelho
 
 
 
 

La coscienza dell’entità che chiamiamo Uomo Nuovo o Originale non scaturisce da un dato centro determinato e per ciò è impossibile che questa coscienza sia egocentrica. Essa è fondamentalmente senza-ego, sebbene essa implichi la quarta cavità cerebrale e diriga, da questo centro, l’uomo dialettico.
Si potrebbe nel modo più semplice, definire questa Nuova Coscienza come una coscienza completa sprovvista di centro-ego. Una tale coscienza non può dunque essere egocentrica. L’egoismo che  ci è tanto conosciuto deve essere totalmente estraneo a questa coscienza. Comprendete dunque che se noi parliamo dello stato senza-ego dell’uomo Nuovo, non dobbiamo, di primo acchito, considerarla in noi senso etico, quindi morale, quantunque ciò sia ovvio, ma precisamente e prima di tutto, nel suo significato essenziale.

È questa una meravigliosa situazione, probabilmente difficile da afferrare. Ecco un esempio. Sapete che tutto il nostro corpo materiale è costituito da cellule in quantità innumerevole, esse stesse costituite da atomi. Ora, sappiate che ognuna di queste cellule possiede una specie di coscienza. Le esperienze e i comportamenti di ogni cellula mediante il sistema nervoso al quale ogni cellula è collegata.

Pertanto, se la coscienza cellulare fosse perfettamente equipollente alla coscienza centrale, non ci sarebbe più centro di coscienza, più io, e la pratica del non-io non sarebbe più necessaria. È pressappoco così che si deve considerare come stato di coscienza dell’Uomo Nuovo. La nuova coscienza non possiede centro e la si può definire come una coscienza che ha sede in tutto il microcosmo benché si valga naturalmente di organi. Questo microcosmo non possiede centro di coscienza, no, è interamente centro di coscienza grazie alla collettività d’atomi di un altro genere che esprimono lo Spirito del Piano di Dio. Questo stato d’essere eccelso, la Lingua Sacra lo rappresenta a volte come quello di esseri che possiedono migliaia d’occhi in avanti e indietro.

Se ora possiamo farci un’immagine di questo stato microcosmico, comprenderemo che è uno stato ancora parziale. Giacché distinguiamo il microcosmo, il cosmo e il macrocosmo. Durante lo sviluppo dell’Uomo Nuovo, tutto il parziale scompare. L’essere cosciente microcosmico avanza verso una coscienza cosmica e da li entra nello stato di coscienza macrocosmico. 

Se afferrate intelligentemente ciò che diciamo, dovete ben realizzare ciò che ci sforziamo di spiegarvi. Se non voglio oltre regnare secondo il mio stato naturale dialettico e mi elevo alla coscienza microcosmica o coscienza anima, il mio stato è allora uno tra molti. Ma se il mio microcosmo, in quanto coscienza, s’integra allo stato cosciente cosmico o stato cosciente Spirito, allora non può mancare di incontrare innumerevoli microcosmi in una coscienza collettiva, la coscienza dell’onnipresenza.

Si tratta allora di un divenire-uno assoluto poiché ogni separazione cade. Non si può parlare di “Molteplicità” ma esclusivamente di “Unità”. E’ ancora più magnifico quando il cosmico s’innalza nel macrocosmo, nella vera Manifestazione Universale Divina. Allora, tutto il differenziato, il molteplice d’una volta è divenuto assolutamente uno in Colui che è l’Assoluto, che è l’Amore Universale.

                                                                                      Catharose de Petri

 

Se c'è un qualche cosa che vogliamo cambiare nel bambino, prima dovremmo esaminarlo bene e vedere se non è un qualche cosa che faremmo meglio a cambiare in noi stessi

                                                                                        Carl Gustav Jung

 

 


Ad eccezione del vostro stesso cambiamento, la vostra testimonianza in direzione della verità è completamente vana, allo steso modo della Bibbia.

 

                                                                                         J. Krishnamurti

 


La materia è quella parte della coscienza che non è ancora stata compresa.

                                                            Latriplice4

 


Quando la mente è rilassata e a suo agio, quando non va disperatamente a caccia di risposte o soluzioni, quando non fugge e non fa opposizione, solo allora può esservi rigenerazione. Allora la mente percepisce la verità, ed è la verità che ci fa liberi. Non gli sforzi per liberarci.      

                                                                                        

                                                                                  J. Krishnamurti

 

 

 

 

Soltanto chi lascia il labirinto può essere felice,
ma soltanto chi è felice può uscirne.

 

                                                  Yaris



Un omicida, un truffatore o uno stupratore ha la stessa chance se non una migliore chance di tutti i sant’uomini e aspiranti spirituali messi insieme.

                                                                            U.G. Krishnamurti


Divertirsi, certo,
quando tutto è già troppo diversivo.
Ricordo un tempo in cui c’era il timore di non avere il tempo.
Adesso tutti che vogliono uscire.
Nessuno che abbia più il coraggio di provare a entrare.

                                                 Anna di Bertrand

 

 

Stiamo usando i neuroni, la nostra memoria, per mantenere costantemente la nostra identità.  Che voi siate svegli o addormentati o sognate, questo processo è portato avanti. Ma vi sta logorando. Ecco perché io dico che la tragedia che l’umanità ha di fronte non è l’Aids o il cancro ma l’Alzheimer.

                                                                            U.G. Krishnamurti

 


Il vero yogi vede Me in tutti gli esseri e tutti gli esseri in Me.
In verità, l'anima realizzata Mi vede ovunque.

                                                            Bhagavad Gita



Per arrivare a "capire", ogni cosa che l'uomo ha pensato, sentito e vissuto dev'essere espulsa dal nostro sistema. Allora la coscienza diverrà pura, senza più le macchie della conoscenza frammentaria.

                                                                           NowHere

 

 

 

Quanti sforzi e quanta disciplina si dice che siano necessari per sradicare l’inesistente ignoranza!

 

                                                                              Ramana Maharshi

 

La verità è in noi.
Non sboccia da alcuna cosa esterna.
C'è un profondo centro in noi tutti
Dove la verità alberga in assoluto;
e fuori, strato su strato, la densa carne la racchiude.
Questa percezione chiara e perfetta - che è la verità -
è trattenuta da un illusorio e perverso involucro carnale,
E CONOSCERE consiste più nell'aprire un varco
Attraverso il quale lo splendore prigioniero  può evadere
Che non   cercar di fare entrare una luce
Da un immaginario "fuori" di noi.

                                                     Robert Browning



L'oggi è un dono, è per questo motivo che si chiama presente.

                                                     Anonimo

 

Ero in una casa, incominciai ad esplorarla, vibrava il male in ogni angolo, tutte le nostre peggiori creazioni mentali materializzate e psichicamente vive li presenti, in ogni stanza un essere diabolico, l'aria densa che non lasciava respirare. Malgrado il loro aspetto, erano amichevoli, in fondo sono nostri figli mentali. Cercai di abbattere una parete portante che comunicava il pian terreno al piano di sopra, al secondo intento ci riuscii, e tutta la casa sprofondò negli abissi. In quel momento la mia visione era totale, e vidi che le fondamenta della casa che si stava distruggendo poggiavano su arcate simili a chiese (tutte le nostre credenze che alimentano quegli esseri), e che si perdevano nella profondità della terra. In quell'occasione non fu necessaria la spada, perché quella casa era dentro di me, ed abbiamo con noi quell'Energia che fa diventare polvere le pareti che crediamo forti come il cemento armato.

 

Una esperienza, un modo che ha di comunicarci qualcosa il nostro Essere, un modo in cui ci parliamo a noi stessi, dai livelli dove siamo UNO con la Fonte di tutto, dove siamo coscienza universale, a questo dove siamo racchiusi dentro la separazione e l'oblio. Non stiamo lavorando per andare verso la Luce, ma agiamo dalla Luce,  "siamo" la Luce  stessa, cerchiamo perché non sappiamo che già tutto è in noi. Siamo esploratori di noi stessi, ma è giunta l'ora di distruggere la casa, perché non ci lascia vedere che oltre, nello spazio senza limiti né tempo, c'è la nostra vera casa.

 

Questo può essere solo un sogno, un racconto, un messaggio o una sciocchezza, sta in ciascuno decidere cos'è.


                                                                                   Brucus



 

Eretico è colui che accende il rogo, non chi vi brucia dentro.

 

                         William Shakespeare, da “Giardino d’inverno

 

 

 

 

Probabilmente  tutti provano ammirazione o simpatia per uno come Francesco d'Assisi.   

Vi sfido però a trovare facilmente qualcuno che da genitore avrebbe voluto averlo per figlio…

 

                                                                     Anna di Bertrand

 

 

 

 

Che cos’è la Gnosi? La Gnosi non è una filosofia: non fa appello alle vostre facoltà intellettuali; la Gnosi non è una religione: non si rivolge alla vostra emotività. La sola concessione che la Gnosi vi fa è di presentarsi a voi, all’inizio, rivestita di una forma orale o scritta. Ma guai a colui che prende il vestito della Gnosi per la Gnosi stessa! Quante volte infatti dovrà ancora far girare la ruota?!

 

                                                                                Jan van Rijckenborgh

 

 

 

 

È povero l'uomo che non vuole niente, non sa niente, non ha niente.

Alcuni non comprendono perché uomo povero è colui che non vuole niente: sono quelli che stanno attaccati alle penitenze e agli esercizi di pietà esteriore, che ritengono importanti, dato che essi cercano se stessi. Che Dio abbia pietà della loro poca conoscenza della verità divina.

Se l'uomo deve essere davvero povero, deve essere privo della sua volontà creata così come lo era quando non era ancora. Ve lo dico nella verità eterna: finché avete anche la volontà di compiere la volontà di Dio, con il desiderio dell'eternità e di Dio, non siete davvero poveri - perché è povero davvero solo l'uomo che non vuole niente e non desidera niente.

Essenziale è compiere le opere "a partire dal fondo dell'anima" - con le potenze, certo, che sono necessarie ad agire, ma partendo dal profondo del distacco, come una porta che si muove, ma che rimane ben ferma nei suoi cardini.

Io lodo il distacco anche più della misericordia. Infatti essa consiste nel fatto che l'uomo esce da se stesso, per andare verso le miserie del prossimo, e così il suo cuore si turba. Invece il distacco permane in se stesso e non si lascia turbare da nulla, perché quando l'uomo è turbato da qualcosa non è come deve essere.

Quando chiedo qualcosa, non sto pregando. Quando non chiedo niente, allora prego davvero. Quando sono unito là dove sono presenti tutte le cose - passate, attuali, future - tutte sono ugualmente vicine e uguali, tutte sono in Dio e tutte in me.

 

                                                                                Meister Eckhart

 

 

 


Il tocco della Luce del regno eterno si riconosce immediatamente dal colpo di spada che porta alla nostra natura ordinaria. È una vibrazione che proviene da un altro regno, che non ha considerazione né per la natura dialettica né per l’io, e non è né amabile né gradevole né magnifica, come vuol farlo credere l’arte dialettica. Essa provoca nel sistema vitale una tempesta, un formidabile turbine; essa rompe i lacci della natura, e l’allievo che sa sormontare questa tempesta riceve il manto del “tesoro della Luce”.


                                                                              Jan van Rijckenborgh

 

 

 

 

 

L’arte di vivere è di agire nel mondo come se foste assenti.

 

                                        Isabella Di Soragna

 

 

 

Prima del risveglio ero rinchiuso in un’identità, quella del soggetto interno che sta pensando a questo o a quello. Dopo il risveglio, il sogno si è dissolto ed ho scoperto che quello che ero realmente non era mai riducibile ad una qualunque identità.

Quest’affermazione porta lontano: si tratta del rifiuto di dare una realtà oggettiva a qualunque situazione in cui venga a trovarmi. Non è poco. Ciò equivale a trattare l’”io” che pensa a questo o a quello – che sia una questione filosofica o un pensiero banale – come scevro di realtà intrinseca in relazione a quello che sono veramente. Non c’è pericolo che mi chiuda in una qualsiasi identità.

 

                                                                        Stephen Jourdain

 

 

È nelle cose rasoterra che si trova l'infinito.

 

                               Stephen Jourdain

 

 

 

 

Non esiste una salvezza per il giudeo, un'altra per il cristiano e una terza per il pagano, no: Dio è unico, unica è la natura umana e unica è la via per attingerla, ed è il desiderio dell'anima che si rivolge a Dio.


                                                                    William Law



 

Stamani mi sono disteso
in un’urna d’acqua
e come una reliquia
ho riposato

Questo è l’Isonzo
e qui meglio
mi sono riconosciuto
una docile fibra
dell’Universo

                   Giuseppe Ungaretti I Fiumi” (1916)




La Pura Esistenza (sat), la Pura Coscienza (cit) e la Pura Beatitudine (ananda)
sono comuni non solo all'etere (akasa), all'aria, al fuoco, all'acqua e alla terra,
ma anche agli Dei, agli uomini, agli animali;
solo i nomi e le forme create dal mentale rendono un essere distinto dall'altro.

                                                              Drg drsya viveva

 



Il rimedio della calma, fa cessare le più grandi colpe. 

                                         Ecclesiaste

 

Una volta ero seduto all'aperto a Encinitas, e faceva molto freddo.
Rivolsi la mia coscienza all'interno, e in un batter d'occhio non sentii più freddo.
La gioia m'invase. Di tanto in tanto vedevo ciò che mi circondava fondersi in un'unica luce, come il raggio di un proiettore. Se mi concentravo sul film, vedevo il film, se mi concentravo sul raggio, il mondo scompariva. Non si può vedere niente senza la nostra coscienza. Perciò, se
avete il pieno dominio sulla vostra mente, e guardate dentro di voi verso la vostra anima, anche con gli occhi aperti, vedrete solo la grande luce di Dio e sentirete la Sua grande gioia.
Solo se guarderete fuori di voi attraverso i vostri occhi, la vostra coscienza percepirà il mondo esteriore.
Tutto è il film di Dio. Quel giorno a Encinitas potevo vedere da un lato le sensazioni e i pensieri, i sogni della mia coscienza provenienti da Dio, mentre dall'altro lato, quando mi ritiravo all'interno, non c'era alcuna sensazione, ma soltanto pura gioia. E benché stessi seduto in un freddo intenso, coperto solo con i calzoncini da bagno, potevo veder scomparire sia il freddo che il paesaggio attorno e venire a me solo gioia.

Più tardi sentii le leggere impressioni delle sensazioni contemporaneamente a quella grande gioia.

                                                                                        Paramahansa Yogananda

 

 



 

La forma è la configurazione visibile del contenuto.

 

                                            Ben Shahn

 

 

 

 

La nostra identità ci è data sempre dall’esterno.

 

                                    Marino Niola

 

 

 

 

La vita intensa di ogni giorno ci trascina qua e là

Così alla fine trascuriamo i cortili del nostro cuore

E dimentichiamo cose che sappiamo già.

Curiosando nei cortili del cuore scoprirai

Sentimenti e sensazioni che riconoscerai

Belli come la corolla di un fiore

E saprai che questo è amore

Anche se non sai ancora dove vai.

 

                           “Curiosando nei cortili del cuore” (sigla cartoon)

 

 

 

 


Guarda in ogni cuore

Per vedere se

C'è il cristallo chiaro e puro dell'amore.

Quel cristallo che vedrai nei cuori candidi

Dona dei poteri imbevuti di misteri forse magici.

Nel cristallo Sailor Moon brilla un sole rosso e blu

Sailor Moon e il cristallo del cuore

Quel cristallo Sailor Moon vale sempre, sempre più.

 

                             “Sailor Moon e il Cristallo del Cuore” (sigla cartoon)

 

 

 

 

È una cosa terribile usare qualcuno per provare piacere. Che tu usi un'idea, un concetto, una droga o una persona o qualsiasi cosa, non puoi avere piacere senza usare qualcosa.

 

                                                                          U.G. Krishnamurti



 

È la mortalità che crea l'immortalità. È il conosciuto che crea lo sconosciuto.

È il tempo che ha creato l'assenza di tempo. È il pensiero che ha creato l'assenza di pensiero.

 

                                                                         U.G. Krishnamurti

 

 

 

 

La cosa più ingiusta della vita è come finisce.

Voglio dire: la vita è dura e impiega la maggior parte del nostro tempo... Cosa ottieni alla fine?

La morte. Che significa! Che cos'è la morte? Una specie di bonus per aver vissuto?

Credo che il ciclo vitale dovrebbe essere del tutto rovesciato.

Bisognerebbe iniziare morendo, così ci si leva il pensiero.

Poi, in un ospizio dal quale si viene buttati fuori perché troppo giovani.

Ti danno una gratifica e quindi cominci a lavorare per quarant'anni, fino a che sarai sufficientemente giovane per goderti la pensione. Seguono feste, alcool, erba e il liceo.

Finalmente cominciano le elementari, diventi bambino, giochi e non hai responsabilità, diventi un neonato, ritorni nel ventre di tua madre, passi i tuoi ultimi nove mesi galleggiando e finisci il tutto con un bell'orgasmo!

 

                                                                              Woody Allen

 

 

 

Io non so se la verità esiste o no, ma con tutto il mio essere sento che non posso farne a meno.
Forse non esiste, ma io l’amo più di tutto ciò che esiste, mi unisco a lei come se già esistesse, per lei rinuncio a tutto, perfino ai miei quesiti e ai miei dubbi.

 

                                                                    Pavel Florenskij

 

 

 

Per me la filosofia ha rappresentato quello che comunemente si indica come meditazione profonda.

 

                                                                                    Giuseppe Faggin



 

 

Non smettiamo di divertirci invecchiando; invecchiamo quando smettiamo di divertirci.

 

                                                                                    Anonimo

                                          

 

 

Chi sono?

 

Se posso osservare il corpo, non sono il corpo;

se posso osservare l’operato dei sensi, non sono i sensi.

se posso osservare i pensieri, non sono i pensieri;

se posso osservare i desideri, non sono i desideri;

se posso osservare la volontà, non sono la volontà;

se posso osservare l’agire, non sono l’agire;

 

Chi sono quindi?

Sono ciò che non so, sono ciò che la ragione non può afferrare.

Sono ciò che non si può sapere né dire.

Sono aldilà delle parole, intangibile, intatto, assoluto, pura coscienza.

 

                                                            NowHere

 

 

Un uomo molto solo e provato dalle difficoltà della vita, un giorno si rivolse al Cielo chiedendo di essere aiutato a proseguire il suo cammino, perché da solo con le proprie forze non ce la faceva più.
Dopo giorni e giorni di pianto ed invocazioni disperate, il Maestro del Cielo si presentò all'uomo e gli disse : "D'ora in poi puoi stare tranquillo, io sarò sempre con te per dimostrartelo ti dico che da questo momento quando camminerai, vedrai le mie orme accanto alle tue sul sentiero".
Passò un anno e l'uomo si rivolse nuovamente al Cielo ed il Maestro Celeste si presentò ancora una volta davanti a lui, domandandogli perché lo avesse chiamato.
"Maestro" – rispose l'uomo – "durante il mio cammino ho visto molto spesso le tue orme accanto alle mie e di questo io ti ringrazio, ma per quale ragione proprio nei momenti più difficili, quando più avevo bisogno del tuo aiuto, sul terreno c'erano solo le mie impronte e le tue non c'erano?"
"Vedi" – replicò il Maestro Celeste – "in quei momenti così faticosi per te, le orme che vedevi sul terreno non erano le tue; ero io che ti stavo portando in braccio".

                                                                                         Anonimo

 

Nel primo paragrafo di questo schema autobiografico, sottolineai che per me la ricerca di qualcosa di assoluto è lo scopo più nobile e più degno della scienza. Il lettore potrebbe ritenere contraddittorio questo mio confessato interesse per la teoria della relatività. Ma sarebbe fondamentalmente erroneo considerare le cose in questo modo: poiché tutto ciò che è relativo presuppone qualcosa di assoluto, e ha un significato solo quando è confrontato con qualcosa di assoluto. La solita frase tutto è relativo è ambigua e priva di senso. Anche la teoria della relatività è basata su qualcosa di assoluto, cioè la determinazione metrica del continuo spazio-temporale; ed è un compito particolarmente importante la ricerca dell'assoluto, che solo può dare senso a qualcosa di relativo. Il nostro punto di partenza deve necessariamente essere qualcosa di relativo. Tutte le nostre misure sono relative. La materia che forma i nostri strumenti varia a seconda della sua origine geografica; la loro costruzione dipende dall'abilità del progettista e del costruttore; il loro impiego è contingente al particolare scopo perseguito dallo sperimentatore. il nostro compito è di trovare in tutti questi fattori e dati l'assoluto, l'universalmente valido, l'invariante che vi è nascosto.

 

                                                                                            Max Planck

 

 

 

 

La maya è ciò che non esiste: è un nome per il non-esistente.

 

                                                    Sankara

 

 

 

 

Nessun'anima nasce, non vi è causa di tale nascita;

questa è la suprema verità; non nasce assolutamente nulla.

 

                                                Gaudapada

 

 

 

Così come l'acqua scorre
senza conoscere la profondità del mare,
così il devoto ama
senza conoscere la vastità dell'Amato.

Dieci minuti vissuti nell'abbandono totale a Dio,
sono meglio di 100 anni vissuti
nell'inconsapevolezza.

 

                                       Namaskar   Madhavii

 

 

 

 

Come il movimento di un tizzone ardente sembra avere una linea dritta o curva, così la coscienza in movimento appare essere il conoscitore ed il conosciuto.

Come il tizzone ardente quando non è in moto diviene libero dalle apparenze e dalla nascita, così la coscienza quando non e' in movimento rimane libera dalle apparenze e dalla nascita.

 

                                                                         Mandukya Upanisad  (IV, 47-48 )

 

 

"Io sono la Luce del mondo"
Questa Luce è una realtà.
 

Essa vive, celata, nel nostro cuore.
Questa realtà, possiamo chiamarla "fiore meraviglioso".

Quando il fiore meraviglioso in noi sboccerà, potremo allora veramente
"essere, essere semplicemente".

 

                                               Lectorium Rosicrucianum



 

Un giorno, a Varanasi, egli [Sankara] stava camminando verso il Gange, accompagnato dai suoi discepoli. In lontananza, scorse un intoccabile venire verso di lui, seguito da quattro feroci cani. Rivolgendosi all'intoccabile, egli disse: «Allontanati, allontanati!». L'intoccabile chiese, in risposta: «Che cosa dovrebbe allontanarsi, e da che cosa? È il corpo fisico che dovrebbe allontanarsi oppure il Sé? Se fosse il corpo, tutti i corpi sono fatti della stessa sostanza, e perché dovrebbe un corpo allontanarsi da un altro corpo? Se fosse il Sé, come può allontanarsi e da che cosa, poiché esso è non-duale? È un corpo fatto di cibo da un altro corpo fatto di cibo, o è la coscienza dalla coscienza che, o migliore tra gli asceti, vuoi che si allontani, dicendo: "Allontanati, allontanati"? Dimmelo, ti prego!».
L'intoccabile passò, quindi, a spiegare la trascendente unità del Sé: «Nella realtà interiore che è l'oceano di naturale beatitudine e conoscenza, libero da onde, quale grande illusione di differenza è: "questo è un bràhmana" e "quello è un mangiatore di carne di cane"! C'è differenza nel sole che è riflesso nelle acque del Gange e nei pantani delle strade dove vivono gli intoccabili, o nell'etere che è presente in un recipiente d'oro e in un vaso di fango?».

                                                              Tratto da “Samnkaracarya”, Mahadevan

 

«Dal punto di vista del corpo, o Siva, io sono il Tuo servitore; dal punto di vista dell'anima, o Te dai tre occhi, io divento una parte di Te; e, dal punto di vista del Sé, io sono veramente Te: questa è la mia conclusione definitiva raggiunta con l'aiuto di tutti gli Sastra».

                                                                                     Sankara

 

O amico, 

la Verità non si lega.

Essa è come l'aria,

libera, sconfinata,

incalcolabile,

indistruttibile.

Essa non ha dimora,

non ha né tempio né altare;

essa non è di un Dio,

per quanto zelo dispieghino

i suoi fedeli.

Puoi dire da qual fiore

L'ape raccolga il miele soave?

O amico

lascia l'eresia agli eretici

la religione agli ortodossi,

ma raccogli la verità dalla polvere della tua esperienza.

 

                                                J. Krishnamurti

 

 

 

Il raggiungimento del Nirvana mi proiettò all' improvviso in una condizione al di sopra, senza pensiero e non contaminata da alcun movimento mentale o vitale; non c'era ego, né mondo reale; solo quando "si" guardava attraverso i sensi immobili, qualcosa percepiva o portava sul suo assoluto silenzio un mondo di forme vuote, di ombre materializzate prive di vera sostanza. Non c'era l'Uno e neppure il Molteplice, ma solo e assolutamente Quello, senza forma, senza relazioni, puro, indescrivibile, impensabile, assoluto, tuttavia supremamente reale e unicamente reale. Non si trattava di una realizzazione mentale né di qualcosa intravisto lassù da qualche parte, non era un'astrazione, era positivo, l'unica realtà positiva (sebbene non fosse un mondo fisico spaziale) che pervadeva, occupava o piuttosto inondava e sommergeva questa sembianza di mondo fisico, senza lasciar posto o spazio a qualunque realtà che non fosse se stessa, senza permettere in alcun modo ad altro di sembrare reale, positivo o sostanziale.

Non posso dire che nell'esperienza, così come la ebbi, ci sia stato qualcosa di esaltante o di affascinante - l'Ananda (beatitudine) ineffabile lo ebbi anni più tardi - ma ciò che portò fu una Pace inesprimibile, un silenzio stupendo, un'infinita liberazione e libertà. Vissi in quel Nirvana giorno e notte prima che esso cominciasse ad accogliere in sé altre cose o a modificarsi, e il nucleo stesso dell'esperienza, il suo ricordo costante e il suo potere di ritornare rimasero finché alla fine essa cominciò a scomparire in una più grande Supercoscienza più in alto. Ma, nel frattempo, una realizzazione veniva ad aggiungersi ad un'altra realizzazione e si fondeva con questa esperienza originale. Presto l'aspetto di un mondo illusorio lasciò il posto ad un aspetto in cui l'illusione - l'interpretazione sbagliata da parte della mente e dei sensi dell'esistenza manifestata - non era che un piccolo fenomeno di superficie con un'immensa Realtà divina dietro, una suprema Realtà divina al di sopra, e un'intensa Realtà divina nel cuore di tutte le cose che, all'inizio, mi erano sembrate solo immagini od ombre cinematografiche. E questo non era un reimprigionamento nei sensi, una diminuzione o una caduta dall'esperienza suprema; anzi era come un'elevazione e un ampliamento costanti della Verità; era lo spirito, non i sensi, a vedere gli oggetti, e la Pace, il Silenzio, la libertà nell'Infinità rimanevano sempre, mentre il mondo e tutti i mondi erano solo come un episodio ininterrotto nell'eternità senza tempo del Divino.

 

                                                                                 Sri Aurobindo

 

 

VISITATORE: Perché l'illusione è così forte?

MAHARAJ: Perché è basata sulla realtà.

V: Ma quanto c'è di reale in essa?

M: Trovalo, isolando e rifiutando l'irreale.

V: Qual è il legame tra l'atman e il sattva, lo spirito che sta in noi e l'armonia universale?

M: Come quello fra il sole e i suoi raggi. L'armonia e la bellezza, l'intelligenza e l'amore esprimono la realtà. Sono realtà in atto, la congiuntura dello spirito nella materia. Il tamas ottenebra, il rajas altera, il sattva esprime, e perfezionandosi elimina i desideri e le paure. Il reale si rispecchia in una mente tersa. La materia è redenta; lo spirito, svelato. Sono visti come un'unità. E sono sempre tutt'uno, ma la mente imperfetta li vede come due. Il compito dell'uomo è perfezionare la mente, perché in essa s'incontrano la materia e lo spirito.

V: Mi sento come un uomo davanti a una porta. È aperta, lo so, ma è sorvegliata dai cani del desiderio e della paura. Che posso fare?

M: Obbedisci al maestro e sfidali. Comportati come se non ci fossero. Anche qui, l'obbedienza è la regola aurea. La libertà le è sottomessa. Per evadere dal carcere, è assolutamente necessario obbedire a quelli che si adoperano per la nostra liberazione.

 

                                                    Nisargadatta Maharaj (tratto da “Io sono Quello”)

 

 

 

Ogni desiderio è qualcosa di non compiuto e nasce da un'insoddisfazione, da un'instabilità sensoriale e da una subcoscienza non pacificata. Il desiderio appaga e attutisce in modo fugace una mente che non sa comprendere; il desiderio è una semplice evasione dalla propria incompiutezza. La captazione del Fuoco radiante fa cessare ogni desiderio imprigionante, ogni manchevolezza, ogni senso di non essere.

 

                                                                                      Raphael

 

 

 

 

Frena, dunque, la parola nel manas, il manas nella buddhi, la buddhi nel Testimone e questo nell'infinito e assoluto atman. Solo allora otterrai la suprema pace.

 

                                                                               Sankara

 

 

 

 

Centro focale, separazione o distacco e ascesa sono le tre tappe che dovrai percorrere se segui la "Via del Fuoco".
Sappi che la "separazione" è soprattutto effetto di purificazione, disidentificazione e mortificazione. Questo processo esso ti renderà più leggero e pronto per il decollo.
Il Fuoco radiante e creatore lo puoi conquistare con l'abbattimento del fantasma istintuale, passionale e razionale. Sul cadavere dell'io puoi erigere la gloria immortale del Sé.

 

                                                                               Raphael

 

 

 

La suprema verità è questa: non vi è né nascita né dissoluzione,

né aspirante alla liberazione né liberato, né alcuno che sia in schiavitù.

 

                                               Gaudapada (in Mandukya Upanisad)

 

 

 

 

Non sono la mente né l’intelletto né il pensiero

Né il senso dell’ io.

Non sono l’udito né il gusto né l’odorato né la vista.

Non sono l’etere né la terra né il fuoco né l’aria.

Sono Coscienza e Beatitudine assolute

Sono Siva, sono Siva.

 

Non sono il prana né i cinque soffi vitali

Non sono i sette elementi costitutivi del corpo né le cinque guaine.

Non sono la parola né le mani né i piedi, né gli organi di generazione o di escrezione.

Sono Intelligenza e Beatitudine assolute

Sono Siva, sono Siva.

 

Non possiedo né attrazione né avversione né avidità né turbamento.

Non provo orgoglio, né invidia.

Non ho desideri, fini, doveri, né liberazione da augurarmi.

Sono Intelligenza e Beatitudine assolute

Sono Siva, sono Siva


Per me non esistono né le buone né le cattive azioni, né il piacere né la sofferenza.

Non esistono le cerimonie rituali, i luoghi santi,i Veda o l’atto sacrificale.

Non sono il fruire né l’oggetto di fruizione e neppure il soggetto che fruisce.

Sono Intelligenza e Beatitudine assolute.

Sono Siva sono Siva.

 

Non conosco la morte né il dubbio né le distinzioni degli ordini sociali.

Non ho padre né madre. Non sono mai nato.

Non ho alcun amico, parente, né maestro né discepolo.

Sono Intelligenza e Beatitudine assolute.

Sono Siva, sono Siva.

 

Sono non-determinato, senza forma.

Per la mia onnipresenza, non ho relazione con gli organi dei sensi.

Non ho da conseguire alcuna liberazione.

Non sono il soggetto conoscente e nemmeno l’oggetto conosciuto perché

Sono Intelligenza e Beatitudine assolute.

Sono Siva, sono Siva.                        

 

                                      Sankaracarya [Nirvanasatkam]

 

 

 

 

R - Chi agisce sei tu, o è il tuo corpo soggetto ai guna e ai condizionamenti?

D - L’azione la compie il corpo ma chi dà l’input è la mente in cui sono pienamente identificato.

R - Bene inizia a elidere tale identificazione attraverso l’osservazione e il distacco dalla mente.

D - Ho l’impressione di girare sempre intorno allo stesso punto che non vedo, il mio approccio a tutte le questioni avviene con la mente e alla fine non può non avvenire che mi ritrovo sempre dentro la mente, non riesco ad uscirne, puoi indicarmi una via di uscita alla mia portata?

R – So che ti sembrerà assurdo, ma lo strumento migliore è l’osservazione nel distacco.

D – Ma tutti parlano di meditazione!

R – Da quanti anni pratichi la meditazione?

D – Da oltre quindici e non ho ottenuto nulla.

R – Normale. La meditazione non serve ad ottenere qualcosa.

D – Dicono che si raggiunge la realizzazione.

R – Trovami qualcuno dei tanti che conosci che si sia realizzato con la meditazione. Anzi… trovami anche un solo insegnante che si sia realizzato attraverso la meditazione.

D – Vorresti forse affermare che mentono tutti?

R – Semplicemente i molti che la diffondono non si sono realizzati grazie alla meditazione.

D – Ma tutto il mondo medita!

R – Mostrami tutto il mondo realizzato.

D – Forse che la tradizione mente?

R – Trovami una tradizione sostenuta da un jivanmuktha che affermi che ci si realizza con la meditazione e ne parleremo.

 

                                                            Tratto da un dialogo con Raphael

 

 

 

Bisogna dunque risalire verso il Bene, che è ciò a cui tende ogni anima. Chi l'ha visto, sa cosa voglio dire, e in che senso esso è bello. Come Bene, è desiderato e il desiderio tende verso di lui; ma lo si raggiunge solo risalendo verso la regione superiore, piegandosi verso di lui e spogliandosi dei vestiti indossati nella discesa. Nello stesso modo chi sale ai santuari dei templi deve purificarsi, deporre i suoi vecchi abiti e avanzare nudo; e infine, abbandonato lungo questa salita tutto ciò che è estraneo a Dio, può guardare da solo a solo nel suo isolamento, nella sua semplicità e purezza, l'Essere da cui tutto dipende, verso cui tutto guarda, perché è l'essere, la vita e il pensiero; perché è causa della vita, dell'intelligenza e dell'essere.

                                                                                  Plotino



Ogni energia nata dal pensiero è distruttiva per il corpo. Quell'energia non può essere separata dalla vita qui. Esse (l'energia e la vita) sono un movimento unico. Tutte le energie di cui fate esperienza e che sono originate dal giocare con queste cose, non hanno nessuna relazione con il liscio funzionamento di questo organismo vivente. Stanno solo disturbando il funzionamento armonioso del corpo, il quale è una cosa veramente piena di pace.

                                                                    U.G. Krishnamurti


Coraggio, ritorna in te stesso e osservati: se non vedi ancora la bellezza nella tua interiorità, fa come lo scultore di una statua che deve diventare bella. Egli scalpella il blocco di marmo, togliendone delle parti, leviga, affina il marmo finché non avrà ottenuto una statua dalle belle linee.
Anche tu, allora, togli il superfluo, raddrizza ciò che è storto, lucida ciò che è opaco perché sia brillante, e non cessare mai di scolpire la tua statua, finché in essa non splenda il divino splendore della virtù e alla tua vista interiore appaia la temperanza assisa sul suo sacro trono.
La tua anima si è così trasformata? Ti vedi in questo modo? Hai tu con te stesso un rapporto puro, senza che alcun ostacolo si frapponga fra te e te, senza che nulla di estraneo abbia inquinato la tua purezza interiore? Sei tu, interamente, divenuto splendente di pura luce? Non una luce - dico - che si può misurare per forma o dimensione, che può diminuire o aumentare indefinitamente per grandezza, ma una luce assolutamente al di là di ogni misura, perché essa è superiore a ogni grandezza e a ogni quantità? Riesci adesso a vederti così? Tu stesso allora sei divenuto pura visione, vivi presso te stesso e, pur restando nel mondo di quaggiù, ti sei innalzato interiormente.
Allora, senza più bisogno di guida, fissa il tuo sguardo e osserva.
Il tuo occhio interiore ha dinnanzi a sé una grande bellezza.

                                                                                 Plotino



Non vi sono esseri “risvegliati”. Ci sono solo meccanismi corpo-mente in fenomenalità attraverso i quali funziona la Totalità. Come parte di questo funzionamento della Totalità attraverso questi diversi meccanismi corpo-mente alcuni diventano ricercatori. Essi si chiedono ad un certo livello se sono veramente coloro che agiscono. Quando queste domande vanno in profondità allora la vera natura delle cose può essere rivelata come parte di questo processo. Questa rivelazione non capita ad un individuo. Per un individuo identificato non è possibile concepire questo stato più di quanto non sia possibile descriverlo. Eppure questa intera discussione è un tentativo di indirizzare intellettualmente verso ciò che non può essere intellettualmente capito. Il meccanismo corpo-mente del saggio è solo un saggio in relazione ad un discepolo. Senza discepolo non vi è alcun saggio. Non c’è bisogno di un saggio. Ci si potrebbe anche spingere tanto in là da dire che concettualmente la presenza del discepolo porta in vita il saggio. A questo si riferiscono i buddisti quando dicono che il buddha appare come atto compassionevole per rendere liberi i ricercatori che si considerano in schiavitù. E’ la presenza del ricercatore che si considera in schiavitù che richiama il saggio, il buddha.

                                                                           Wayne Liquorman



Là dove termina la creatura, Dio inizia ad essere. Ora Dio non desidera da te altro che tu esca da te stesso secondo il tuo modo d'essere creaturale, e che tu lasci Dio essere Dio in te. La più piccola immagine creata che si forma in te, è tanto grande quanto lo è Dio. Perché? Perché essa è per te un ostacolo ad un Dio totale. Proprio là dove entra l'immagine, Dio deve uscire, insieme a tutta la sua Divinità. Ma quando questa immagine esce, Dio entra. Dio desidera tanto che tu esca da te stesso secondo il tuo modo creaturale, come se tutta la sua beatitudine dipendesse da ciò. E dunque! quale è il tuo danno, mio caro, quando lasci che Dio sia Dio in te? Esci completamente da te stesso per Dio, e Dio uscirà completamente da se stesso per te. Quando entrambi escono da loro stessi, ciò che permane è l'Uno, nella sua semplicità.

 

                                                                                Meister Eckhart

 

 

Anche noi dunque, emulando in terra la vita cherubica, contenendo per opera della scienza morale l'impeto delle passioni, dissipando con la dialettica la caligine che ottenebrava la nostra ragione quasi lavandoci dalle impurità dell'ignoranza e dei vizi, purificheremo l'anima acciocché né le passioni infurino all'impazzata, né la ragione abbia talvolta a deviare con imprudenza. Inondiamo poi col lume della filosofia naturale l'anima ben ordinata e purificata, acciocché possiamo, da ultimo, perfezionarla con la cognizione delle cose divine.


                                                                 Giovanni Pico della Mirandola

 

Dio è il punto massimo, è l’altezza, la profondità di tutte le profondità; la ragione, il fondamento, la forza e l’Essenza. Egli è disceso dalla Sua Altezza ed è divenuto Verbo all’interno dell’uomo.
La natura e l’Universo con tutto ciò che c’è dentro vengono abbracciati dall’unico e solo Dio.
Il Suo Spirito stimola e muove tutto, nel grande ed anche nel piccolo.
Egli è il Pensiero che regge tutto. Dio è Vita, la Vita Eterna e questa Vita Divina
di Dio quando si risveglia in noi diviene anche la nostra Vita.
Sogna o uomo! Non della morte, bensì riconosci te stesso nella tua unità con l'Universo, come uno solo con Dio, la tua vita senza confini come una vita senza principio  e senza fine, la Vita dell'Eternità. Contempla la Creazione e resta stupefatto dalla Magnificenza dell'Onnipotenza!
Dio è la Vita di tutto; è la consapevolezza della vita stessa e la meta di tutte le creature.
Pensa che tu sei libero, senza confini nella creazione dello spazio e in Dio, poiché nessun confine chiude l'Universo.

                                                          

                                                             Franz Hartmann (da “Lettere di un Rosacroce”)

 

 

 

 

L’amore deve nascere nel cuore umano e perciò non può essere dato, la Verità è Una ed eterna, c’è solo una Sorgente ed è la Sorgente dell’amore. Dove si trova l’entusiasmo notiamo sempre la nascita dell’amore Divino. Noi siamo in possesso di una Luce che illumina i profondi abissi dell’oscurità e con la quale possiamo conoscere i Misteri profondi. Noi abbiamo un Fuoco che ci alimenta ed ha origine da un miracolo della natura. Tutto quello che si trova in questo mondo inferiore è attribuito alla nostra volontà, perché quest’ultima s’identifica con la Legge Divina; nonostante ciò la nostra volontà è libera e non è legata a nessuna legge.

Vuoi divenire un membro del nostro Ordine? Se lo vuoi devi andare nel tuo proprio cuore ed ascoltare la voce del silenzio!

Cerca il Maestro in te stesso e ascolta le sue illuminazioni! Impara a conoscere la Divinità che cerca di apparire nella tua anima. Lancia la tua ignoranza lontana da te e diventa perfetto in Dio!

 

                                Un Rosacroce (da “Nel vestibolo del Tempio della Saggezza”, Hartmann)

 

 

 

La tua visione varia a seconda degli occhi che usi per vedere.

Se usi gli occhi del corpo, ti percepisci soggetto in un mondo di oggetti: materia;

se usi gli occhi dell’anima, ti riconosci Forza radiante e vedi lo Spirito in ogni cosa;

se usi gli occhi dello spirito, ti sveli Luce delle Luci e vedi ogni Ente dentro di Te che sei Dio.

 

                                                                               NowHere

 

 

Il nostro impegno non è quello di essere esenti da colpe, ma di essere Dio.

 

                                                                  Plotino

 

 

 

Avere un sogno impossibile. Portarsi dentro il dispiacere degli addii. Bruciare forse in una febbre. Partire per dove nessuno partirebbe. Amare fino alla lacerazione. Amare, persino troppo, persino male. Tentare, senza forza e senza armatura di raggiungere la stella inaccessibile.

Tale è la mia Cerca, seguire la stella. Poco contano le mie speranze, poco conta il tempo o il mio sconforto. E poi lottare incessantemente senza domande né riposo. Dannarsi, per l’oro d’una parola d’amore.

Non so se sarò io quest’eroe, ma il cuore mio sarà  calmo e le città s’infangheranno d’azzurro, poiché un disgraziato brucia ancora, benché tutto abbia bruciato, ancora brucia, persino troppo, persino male, fino a dilaniarsi pur di raggiungere la stella inaccessibile.

 

                                                                        Jacques Brel, “La Quete”

 

 

 

Se con una sola parola il contatto può essere stabilito, il risveglio aver luogo,

allora ogni altra parola sarà superflua.

 

                                                                     Jan van Rijckenborgh

 

 

 

 

La Gnosi – in quanto forza – si rivolge a due gruppi di esseri umani: da una parte agli uomini la cui scintilla di spirito è attiva, per ricondurre alla casa del Padre ciò che era perduto, dall’altra a coloro la cui scintilla di spirito è addormentata, al fine di risvegliarla, poiché questo risveglio è la condizione primaria del viaggio di ritorno.

Colui che, in quanto microcosmo, possiede lo Spirito non ha bisogno di comprendere la Gnosi né di afferrarla con il sentimento, poiché egli è Gnosi, poiché lo Spirito è il Tutto.

Un tale uomo ha il potere di ridurre al silenzio, al silenzio perfetto, il pensiero naturale, faticoso e sterile, poiché lo Spirito in lui prova e sonda, in costante progressione, le profondità divine, nella misura in cui egli matura e cresce sul cammino di ritorno alla casa paterna.

 

                                                                      Jan van Rijckenborgh

 

 

 

Il karma non nasce dall’azione, ma dall’identificazione con essa.

 

                                                       NowHere

 

 

 

La frase “io sono libero” o “io non sono libero” dà per scontato il significato di Io.

 

                                                                             Calfuria2

 

 

L'uomo è come un cane legato ad un carro. Se il carro si muove, il cane può scegliere: seguire tranquillamente il carro dovunque vada ed allora non le avverrà nessun male; opporre resistenza e lasciarsi trascinare, nel qual caso sarà strangolato. Ma, in ogni caso, il cane andrà dove va il carro.

 

                                                                                      Epitteto

 

 

 

 

I corpi-veicolo che insieme formano la personalità umana possono essere paragonati a tre animali.

·        Veicolo fisico-eterico: elefante. Grossolano, lento e pesante, ha una grande memoria che registra tutti gli eventi della sua vita. Muore solo.

·        Veicolo astrale: porco. Vizioso e materiale, non può alzare la testa verso il cielo.
 È sudicio e legato al mondo.

·        Veicolo mentale: scimmia. Inquieta e agitata, salta da un ramo all'altro senza sosta.
E' intelligente ma non realizza.

L'osservatore-coscienza è il padrone di questi animali, il testimone del loro agire.

Se la coscienza si identifica con tali animali nasce il karma, la sofferenza e l'incatenamento alla ruota della nascita-morte.

La Liberazione è quindi un processo di disidentificazione per retrocessione.

L'osservatore-coscienza deve svelarsi liberandosi dal moto caotico dei suoi veicoli in tal modo:

1.      non sono il corpo (elefante);

2.      non sono la mente-desiderio (porco);

3.      non sono la ragione-intelletto (scimmia).

Sono oltre ogni processo identificativo. Consapevolezza-Amore, Testimone, Atman inalterabile, radice stessa dell'Assoluto.

 

                                                                         NowHere

 

 

 

 

 

La nascita della coscienza individuale è un processo negativo. Si basa, cioè, sulla negazione - esclusione di una parte consistente del reale che viene così relegata nel non-io.

La totalità del non-io (il mondo oggettivo) è a sua volta suddivisa per poter essere "conosciuta oggettivamente" e usata.

Il mantenimento della propria coscienza deve lottare contro l'attrazione ed il pericolo di un ritorno nell'indistinto originario. L'amore è questa attrazione, la follia questo pericolo.

Sottolineare ad ogni istante la differenza tra l'io e gli altri e degli altri tra loro è la difesa contro l'attrazione ed il pericolo.

Differenziandomi dagli altri e differenziando gli altri tra loro, affermo la mia unicità e mi pongo al centro del creato.

Così, anche dall'Amore, in fondo, occorre difendersi, come Ulisse dalle sirene, per restare sé stessi.

O arrendersi, per incontrare l'altro e l'essere che ci ha originati (dal quale ci siamo originati negandolo) e, tornati a casa, riposare (ri-posare).

 

                                                                              Calfuria2

 

 

 

 

Avevo passato la serata in una grande città, con due amici, leggendo e discutendo di poesia e filosofia. Ci separammo a mezzanotte. Feci una lunga corsa in hansom fino al mio alloggio.

La mia mente, profondamente sotto l'influenza delle idee, le immagini e le emozioni evocate dalla lettura e dai discorsi, era calma e pacificata, immersa in uno stato di quiete, quasi passiva letizia, non proprio pensando, ma lasciando le idee, le immagini, e le emozioni fluire di per sé, com'erano. Di punto in bianco, senza alcun preavviso, mi ritrovai avvolto da una nube di colore fiammante.

Per un momento pensai al fuoco, ad una conflagrazione improvvisa nella grande città; l'istante dopo seppi che quel fuoco era dentro di me. Subito dopo sopraggiunse un senso di esultanza, di gioia immensa accompagnata o immediatamente seguita da un'illuminazione intellettuale del tutto impossibile da descrivere. Fra le altre cose, non giunsi a credere ma vidi e seppi che l'Universo non è materia morta, ma, al contrario, è una Presenza Vivente; che l'anima dell'uomo è immortale, che l'universo è strutturato e ordinato in modo che ogni cosa cooperi per il bene di sé e del tutto; che il principio fondamentale dell'universo è ciò che chiamiamo amore, e che la felicità di ciascuno, a lungo andare, è cosa assolutamente certa.

 

                                                                                Richard M. Bucke

 

 

 

 

Fino al mio trentesimo anno di età ho vissuto in uno stato di ansia quasi continua intervallato da periodi di depressione suicida. Adesso mi sembra di parlare di qualche vita passata o della vita di qualcun altro.

Una notte, non molto dopo il mio ventinovesimo compleanno, mi svegliai nelle ore piccole con una sensazione di terrore assoluto. Molte altre volte mi ero destato con una tale sensazione, ma in quella circostanza era più intensa che mai. Il silenzio della notte, i vaghi contorni dei mobili nella stanza buia, il rumore lontano di un treno in corsa: tutto sembrava così estraneo, così ostile e così totalmente privo di senso da provocarmi un profondo disgusto per il mondo. La cosa più disgustosa di tutte era però la mia esistenza. Che senso aveva continuare a vivere con questo fardello di infelicità? Perché proseguire questa lotta ininterrotta? Sentivo che una profonda brama di annullamento, di inesistenza, diveniva molto più intensa del desiderio istintivo di continuare a vivere. “Non posso più vivere con me stesso”. Era questo il pensiero che continuava a ripetersi nella mia mente. Poi all’improvviso mi resi conto di quanto fosse strano. “Io sono uno o due? Se non posso vivere con me stesso devono esserci due me: “io” e il “sé” con cui “io” non può più vivere“. “Forse”, pensai, “soltanto uno dei due è reale”. Rimasi così stordito da questa strana cosa di cui mi ero reso conto che la mente mi si fermò. Ero del tutto cosciente, ma non vi erano più pensieri. Quindi mi sentii attirato dentro quello che sembrava come un vortice di energia. Era un moto inizialmente lento e poi accelerato.  Fui colto da una paura intensa e il mio corpo si mise a tremare. Udii le parole “non opporre resistenza” come se fossero state pronunciate dentro il mio petto. Mi sentivo risucchiare in un vuoto che sembrava essere dentro di me anziché al di fuori. Improvvisamente non ebbi più paura e mi lasciai cadere in quel vuoto. Non ricordo che cosa accadde dopo. Fui svegliato dal cinguettio di un uccello fuori dalla finestra. Non avevo mai udito un suono simile. Avevo ancora gli occhi chiusi e vedevo l’immagine di un diamante meraviglioso. Sì, se un diamante potesse emettere un suono, sarebbe come quello che udivo io. Aprii gli occhi.

Le prime luci dell’alba filtravano fra le tende. Senza pensarci, sentivo, sapevo che nella luce vi è infinitamente di più di quanto noi ci rendiamo conto. Quella luminosità morbida che filtrava attraverso le tende era l’amore stesso. Mi vennero le lacrime agli occhi. Mi alzai e mi aggirai per la stanza. Riconoscevo la camera, eppure capii di non averla mai vista veramente prima d’allora. Tutto era nuovo e incontaminato, come se fosse appena venuto alla luce. Presi in mano alcuni oggetti, una matita, una bottiglia vuota, meravigliandomi della bellezza e della vitalità di tutte le cose.

Quel giorno passeggiai per la città pieno di stupore per il miracolo della vita sulla terra, come se fossi appena venuto al mondo. Per i successivi cinque mesi vissi in uno stato ininterrotto di profonda pace e beatitudine. In seguito l’intensità di tale sensazione diminuì o forse non era che una mia impressione perché era diventata la mia condizione naturale. Sapevo ancora darmi da fare nel mondo, ma capivo che niente di ciò che potevo 'fare' avrebbe aggiunto alcunché a ciò che già possedevo. Sapevo naturalmente che mi era accaduto qualcosa di profondamente significativo, ma non lo capivo affatto. Soltanto diversi anni più tardi, dopo aver letto testi di argomento spirituale e avere trascorso del tempo con maestri spirituali, mi resi conto che ciò che tutti cercavano a me era già successo. Capii che l’intensa pressione della sofferenza di quella notte doveva avere costretto la mia coscienza ad abbandonare la sua identificazione con il sé infelice e profondamente timoroso, che in definitiva è un’invenzione della mente. Tale abbandono doveva essere stato così completo che questo sé falso e sofferente era crollato subito, come un giocattolo gonfiabile a cui fosse stato tolto il tappo. Allora, ciò che rimaneva era la mia vera natura di onnipresente “io sono”: consapevolezza allo stato puro prima dell’identificazione con la forma. In seguito imparai anche a entrare in quel regno interiore senza tempo e senza morte che in origine avevo percepito come un vuoto e a rimanere pienamente consapevole. Dimoravo in stati di beatitudine e di sacralità indescrivibili, al cui confronto perfino l’esperienza originaria che ho appena descritto impallidisce.

Giunse un momento in cui per un certo periodo non mi rimase nulla sul piano fisico. Non avevo rapporti umani, né lavoro, né casa, né identità socialmente definita. Trascorsi quasi due anni seduto sulle panchine dei parchi in uno stato di gioia intensissima. Ma anche le esperienze più belle finiscono. Forse più importante di qualunque esperienza è però quel senso profondo di pace che da allora non mi ha più abbandonato. Talvolta è molto forte, quasi palpabile, e anche altri riescono a percepirlo. Altre volte sta da qualche parte in sottofondo, come una melodia lontana. In seguito qualcuno cominciò a venire da me a dirmi: “Voglio quello che hai tu. Puoi darmelo o mostrarmi come si fa ad averlo?”. E io rispondevo: “Ce l’hai già. Non lo percepisci perché la tua mente fa troppo rumore.”

 

                                                                                         Eckhart Tolle

 

 

 

 

In te risplende l’eterno atman, il Testimone universale, immanente nell’intelletto.

Rigettando ogni pensiero, contempla questo atman – distinto dal non-reale – e comprendilo come te stesso. Contemplando continuamente questo atman, senza altri pensieri, lo realizzerai chiaramente come la tua reale natura.

Rafforza la tua identità con l’atman e ripudia contemporaneamente il senso dell’io con le sue modificazioni, le quali non hanno alcun valore, come non lo ha un vaso che si è rotto.

 

                                                                                 Sankara

 

 

 

 

Nel centro della grotta del cuore il puro Brahman solo risplende direttamente nella forma dell'Io come " io-io". Entra nel cuore con mente ricercante, e dissolvendo (l'ego) mediante il controllo del respiro, dimora nell'Io.

 

                                                                                  Sri Ramana

 

 

Trasalimenti, quasi aritmie

Del tempo,

Pause brevissime

In cui s'inseriscono

Bagliori improvvisi

D'una realtà diversa.

 

Forse, quando il cuore

Sospende per un attimo i suoi battiti,

Riceviamo un segnale,

Un lampo,

Lo scatto di un diaframma

Sopra una vita

Fuori dal tempo.

 

E l'anima s'apre sgomenta

A possibili oceani celesti,

Ad accessibili paradisi.

 

                                       Emilio Servadio

 

 

 

 

 

Possiamo affermare con certezza che l'universo è tutto esso centro, o che il centro dell'universo sia dappertutto e la sua circonferenza in nessun luogo.

 

                                                                               Giordano Bruno

 

 

 

 

Generazioni di veggenti cantano che l’ente uomo è incastonato nel cosmo. Il microcosmo è identico al macrocosmo quel che c’è là c’è anche qui, quel che non c’è qui non lo si trova da nessuna parte. Conoscere sé stessi quindi è conoscere il macrocosmo.   Essendo la Radice di noi stessi… identica a quella del macrocosmo ed essendo Quella Radice immutabile, indivisibile, realizzare la Radice di noi stessi è realizzare la Radice del cosmo.

 

                                                                                      Raphael

 

 

 

 

Tu sei l’Uno, la Pura Intelligenza. L’universo è inerte e irreale.

Anche l’ignoranza non esiste. Quindi, cosa desideri conoscere ancora?

 

                                                     Astavakra Samhita

 

 

 

Non c'è percipiente, qui nessun oggetto è percepito. Entrambe sono supposizioni concettuali di una mente divisa. "Percepire" è soggettività. L'affermazione frequente che "colui che vede, il vedere e il visto" sono "una sola cosa" è ingannevole. Non esiste una simile trilogia, ... poiché il verbo percepire denota una presenza ed esclude chi vede ed il visto. Come "mente relativa" sono qualunque cosa è percepita, nei limiti del percepire sensoriale – in qualunque luogo ed in qualunque momento il percepire avvenga nello spazio-tempo.

Come Assoluto sono la presenza senza limiti "in cui" questa percezione sembra avvenire.

 

                                                                                Wei Wu Wei

 

 

 

 

Tu stesso imponi dei limiti alla tua vera natura di Essere Infinito, e poi ti lamenti di essere una creatura limitata. Allora intraprendi questo o quel sadhana (pratica) per trascendere gli inesistenti limiti. Ma se il tuo stesso sadhana presuppone l’esistenza dei limiti, come può aiutarti a trascenderli?

 

                                                                           Ramana Maharshi

 

 

 

 

Un uomo non si unisce all’universo finché trova qualcos’altro a cui unirsi.

 

                                                           Thomas Stearns Eliot

 

 

 

Creatività è portare a termine la propria nascita prima di morire.

 

                                                             Eric Fromm

 

 

 

Ciò che l’occhio non può vedere, ma Quello che percepisce tramite l’occhio, sappi che Quello è Brahman – e non quella divinità che la folla viene qui per adorare.

Ciò che l’orecchio non può udire, ma Quello che percepisce tramite l’udito, sappi che Quello è Brahman – e non quella divinità che la folla viene qui per adorare.

Ciò che la vista non può animare, ma Quello che è l’animatore di tutte le funzioni vitali, sappi che Quello è Brahman – e non quella divinità che la folla viene qui per adorare.

 

                                                                          Kena upanishad

 

 

 

Come in una giornata nuvolosa, quando il sole è oscurato da dense nebbie, il freddo e il vento affliggono l’individuo, così quando l’ātman è oscurato dal tamas (l’ignoranza), il terribile potere proiettivo perseguita l’individuo con affanni senza fine.

 

                                                                             Sankara (“Vivekacudamani”)

 

 

 

O Assoluto, recandomi in pellegrinaggio alla tua ricerca, ho negato la tua onnipresenza; meditando su di te, ti ho dato una forma nella mia mente e così ho negato la tua natura senza forma; salmodiando gli inni ti ho descritto e quindi ho negato la tua natura indescrivibile.

Perdonami queste tre offese.

 

                                                                         Avadhuta gita

 

 

 

 

Oh, errante

che vuoi percorrere

la Via delle vie,

una croce con sette rose

è l’immagine del tuo errare!

 

La croce alla quale sei inchiodato

deve consumarsi nel fuoco con te,

prima che dalle sue ceneri

possano fiorire le sette rose.

 

Manfred Kyber

 

 

 

Ascoltatemi signori del linguaggio: è meglio colmare il vo_stro cuore di luce, piuttosto che di centomila parole; quando tacete siete l’eloquenza stessa; quando aprite bocca, farfugliate solo bugie.

 

                                                                           Hakirn Sanai

 

 

 

Quando sperimenti e sai direttamente, senza bisogno degli occhi, che il mondo è apparso senza causa all'interno del tuo Sé, non avrai bisogno di chiedere se sei illuminato o se non lo sei.

 

                                                                                     Poonja

 

 

Vacuità qui, Vacuità lì, ma l'universo infinito rimane sempre davanti ai nostri occhi. Infinitamente grande e infinitamente piccolo; nessuna differenza, poiché le definizioni sono scomparse e non si vedono limiti. Così pure circa l'Essere e il non-Essere. Non perdere tempo in dubbi e discussioni che non hanno nulla a che vedere con ciò. Una cosa, tutte le cose: si muovono e si mescolano, senza distinzione. Vivere in questa realizzazione significa essere privi di ansietà circa la non-perfezione. Vivere in tale fede è la strada al non-dualismo, poiché il non-duale è uno con la mente fiduciosa. Parole! La Via è oltre il linguaggio, poiché in essa non c'è 

Nessun ieri 
Nessun domani 
Nessun oggi.

 

                                               Sosan Hsin Hsin Ming (tratto da “Il Libro del Nulla”)

 

 

 

Il “mondo” è la forma-contenuto della mente.

 

                                   NowHere

 

 

Il Kali Yuga comincia quando nella società il potere è la ricchezza, il possesso è la sola virtù, l’unico legame tra uomo e donna è la passione, l’inganno è la base del successo nella vita, la sola fonte di piacere è il rapporto sessuale…

 

                                                                             Visnu Purana

 

 

Il presente contiene sempre l’origine. Esso non è un inizio, poiché ogni inizio è legato al tempo.

Il presente non è soltanto adesso, oggi o questo momento. Non è una parte di tempo, ma un compimento totale, sempre originale. Chi può realizzare l’origine e il presente nella sua totalità trascende l’inizio e la fine.

 

                                                                      Jean Gebser (tratto da “Origine e Presente”)

 

 

Per me l'Assoluto è un attimo, l'attimo che fermi nell'istante che Lo vivi interamente, e in modo pienamente cosciente e consapevole, tanto   da farti sentire che il tempo non esiste, che si è fermato in quell'istante,   perché si è dilatato nell'espansione del cuore che avverti e che ti riempe di una grande e immensa gratitudine, che vorresti solo condividere, perchè non puoi pensare che in quello stesso istante, altri non Lo vivano e non ne godano con te.

Non puoi cercarLo perchè si realizza in te, né puoi desiderarLo perchè è proprio il desiderio ad allontanarLo, accade e si manifesta quasi per miracolo perchè e lì con te, accanto a te, per te, per realizzarsi solo se lo lasci accadere anche se non puoi fare niente per farlo accadere.

Puoi solo procedere nella speranza e con una strana nostalgia interiore, di qualcosa che non hai mai provato ma che sai che esiste e che ad un tratto si manifesterà, dono e conquista di quell'Essere che ti chiama.

                                                                        

                                                                                        Yaris

 

 

Causa, principio ed uno sempiterno,
Onde l'esser, la vita, il moto pende,
E a lungo, a largo e profondo si stende
Quanto si dic'in ciel, terr'ed inferno;
Con senso, con raggion, con mente scerno
Ch'atto, misura e conto non comprende
Quel vigor, mole e numero, che tende
Oltr'ogn'inferior, mezzo e superno.
Cieco error, tempo avaro, ria fortuna,
Sord'invidia, vil rabbia, iniquo zelo,
Crudo cor, empio ingegno, strano ardire
Non bastaranno a farmi l'aria bruna,
Non mi porrann'avanti gli occhi il velo,
Non faran mai che il mio bel sol non mire.

 

                                      Giordano Bruno

 

 

Convinciti che qualunque cosa accada, accade a te, da parte tua, attraverso di te, e che tu sei il creatore, il fruitore e il distruttore di tutto ciò che percepisci: la paura scomparirà.

E senza paura, non sarai infelice, e non cercherai la felicità.
Sullo schermo della mente scorrono tanti film. Sai che sono fatti da te, e li osservi silenziosamente andare e venire. All'erta, ma senza turbamenti. Questo atteggiamento di osservazione silenziosa, è il cardine dello yoga. Vedi il film, non sei il film.

 

                                                                            Nisargadatta Maharaj

 

 

 

Dio dona il corpo e la mente, e il maestro mostra il modo di usarli.

Ma il ritorno alla fonte è opera tua.

 

                                                              Nisargadatta Maharaj


 

 

Quando la coscienza inizia a ritirarsi il nome che porti e il ruolo che svolgi li avverti rarefatti e poi spariscono. Poi quando ti avvicini alla morte ti abbandonano rapidi tutti gli affetti ed ogni amore. Per ultimo, quando stai per morire, ogni idea sparisce compreso Dio e il sacro. Un istante prima di essere morto ti vien perfettamente chiaro che tutta la questione si riduce a SONO oppure NON SONO: quando il "sono" si attiva tutto esiste, quando si ritrae nulla esiste, tale chiarezza ti lascia indifferente, anche la morte ti lascia assolutamente indifferente, perché vedi che chiaramente che non esiste. Poi quando la coscienza cessa di essere attiva la mente si ferma e, come una pietra, non sai che sei. Non sei assente, ma sei la totale assenza sia del senso di presenza che del senso di assenza. Se la coscienza casualmente riprende, potresti cominciare a sognare e se ti capita di svegliarti dal sogno ti verrà perfettamente chiaro, che sognare o essere desti, che Dio o un escremento di cane sono manifestazioni apparentemente diverse della stessa Sostanza e che nulla è importante. Degno di attenzione sarà unicamente il messaggio binario SONO oppure NON SONO, allora, un poco divertito, vedrai che la trinità è una invenzione. Poi con l'attivarsi della consapevolezza cosciente ritornerà rapida l'abitudine e torneranno più forti dio e il sacro oppure agli affetti, ma capirai che nulla può avere senso perché hai visto che qualunque cosa pensi e vedi non esiste in sé ma solo come prodotto della coscienza che si è attivata. Come è sorto questo senso di essere? Non l'ho cercato. E' sorto spontaneo. Sicuramente, anche se ci fa essere, non ha bisogno di noi e neppure noi di lui. "Coscienza" può fare a meno del pensiero ed è ovunque. È l'origine. Non ha bisogno di noi, né noi di lei. Resteremo indifferenti quando ci abbandonerà, così come avviene ogni notte quando prendiamo sonno, o quando spegniamo la radio. Le onde radio continueranno, ma non saranno più udibili da quell'apparecchio che rimarrà, tuttavia, indifferente. Poi qualcuno accenderà altre radio e non sarà successo proprio nulla.

 

                                                                              Bruno Franchi

 

 

 

Il desiderio di salvezza che proviene dal plesso solare è un controsenso, è sempre una posa, si tratta sempre in realtà del desiderio di soddisfare il proprio io a discapito degli altri. Il vero desiderio di salvezza nasce nel santuario del cuore; si tratta di un desiderio sconosciuto fino a quel momento, frutto di un rifiuto, di un’assenza di desiderio verso tutto ciò che appartiene al dominio dialettico. Soltanto allora si imprime una nuova e positiva direzione alla coscienza astrale.

 

                                                                                   Jan van Rijckenborgh


 


 

Se ci fosse un uomo
un uomo nuovo e forte
forte nel guardare sorridente
la sua oscura realtà del presente.

Se ci fosse un uomo
forte di una tendenza senza nome
se non quella di umana elevazione
forte come una vita che é in attesa
di una rinascita improvvisa.
Se ci fosse un uomo
generoso e forte
forte nel gestire ciò che ha intorno
senza intaccare il suo equilibrio interno
forte nell'odiare l'arroganza
di chi esibisce una falsa coscienza
forte nel custodire con impegno
la parte più viva del suo sogno
se ci fosse un uomo.

Questo nostro mondo ormai è impazzito
e diventa sempre più volgare
popolato da un assurdo mito
che è il potere.

Questo nostro mondo è avido e incapace
sempre in corsa e sempre più infelice
popolato da un bisogno estremo
e da una smania vuota che sarebbe vita

se ci fosse un uomo...

Allora si potrebbe immaginare
un umanesimo nuovo
con la speranza di veder morire
questo nostro medioevo.

Col desiderio
che in una terra sconosciuta
ci sia di nuovo l'uomo
al centro della vita.

Allora si potrebbe immaginare
un neo rinascimento
un individuo tutto da inventare
in continuo movimento.

Con la certezza
che in un futuro non lontano
al centro della vita
ci sia di nuovo l'uomo.

Un uomo affascinato
da uno spazio vuoto
che va ancora popolato.

Popolato da corpi e da anime gioiose
che sanno entrare di slancio
nel cuore delle cose.

Popolato di fervore
e di gente innamorata
ma che crede all'amore
come una cosa concreta.

Popolato da un uomo
che ha scelto il suo cammino
senza gesti clamorosi
per sentirsi qualcuno.

Popolato da chi vive
senza alcuna ipocrisia
col rispetto di se stesso
e della propria pulizia.

Uno spazio vuoto
che va ancora popolato.
Popolato da un uomo talmente vero
che non ha la presunzione
di abbracciare il mondo intero.

Popolato da chi crede
nell' individualismo
ma combatte con forza
qualsiasi forma di egoismo.

Popolato da chi odia il potere
e i suoi eccessi
ma che apprezza
un potere esercitato su se stessi.

Popolato da chi ignora
il passato e il futuro
e che inizia la sua storia
dal punto zero

Uno spazio vuoto
che va ancora popolato.

Popolato da chi é certo
che la donna e l'uomo
siano il grande motore
del cammino umano.

Popolato da un bisogno
che diventa l'espressione
di un gran senso religioso
ma non di religione.

Popolato da chi crede
in una fede sconosciuta
dov'é la morte che scompare
quando appare la vita.

Popolato da un uomo
cui non basta il crocefisso
ma che cerca di trovare
un Dio dentro se stesso. 


               Giorgio Gaber


 

La vita è come andare al supermercato: finché non hai finito di fare la spesa ci ritorni sempre
...e sempre per comprare cose diverse!


                                                                                Khamla

 

 

 

 

Possiamo dare infinite interpretazioni ad un riflesso confuso nell'acqua.
Ma l'immagine che dà origine a quel riflesso, è soltanto una.

 

                                                                                         Ivo Nardi

 

 

 

 

L'acqua scende, scorre via lontano

e trova un senso,

il mare

Il sole sorge, la notte è lontana,

il giorno lo acclama;

ed io ti vedo, raccogli il tuo orgoglio di luna,

piena di una luce riflessa,

luna che incanta e che confessa

che ti guarda e si lascia amare,

luna d'amore riflessa nel mare.

E l'onda d'argento tocca la riva

ma in quel momento, mentre moriva,

trovava un senso… tornava al mare.

Ed è così che conservo il ricordo di tutte le cose,

perché perso l'orgoglio, un giorno

anch'io dovrò tornare.

 

Marco Di Leva

 

 

 

 

Tutto il mondo intero aspira alla libertà, tuttavia ciascuna creatura è innamorata delle proprie catene. Tale è il primo paradosso ed il nodo inestricabile della nostra natura.

 

                                                                       Aurobindo

 

 

 

 

Tutte le cose erano insieme; poi venne la mente e le dispose in ordine.

 

                                                          Anassagora

 

 

Non vi è nulla di nascosto che non debba essere  rivelato.
Né cosa segreta che non venga alla luce.

 

                                          Gesù Cristo

 

 

 

Sulle ginocchia dei genitori eri un neonato che piangeva,  mentre tutti intorno a te sorridevano. 
Vivi, dunque, affinché scivolando nel tuo ultimo lungo sonno,  tu possa sorridere mentre tutti intorno a te piangeranno. 

 

                                                                                 Hafiz

 

 

 

Fa che i miei occhi vedano sempre il rosso e il viola dei tramonti.
Rendimi saggio, così che io possa conoscere le cose
che tu hai insegnato alla mia gente,
i misteri che hai nascosto in ogni foglia e in ogni roccia.
Fa che io sia sempre pronto a venire a Te
con le mani pulite e a testa alta,
in modo che quando la vita svanirà come svanisce il tramonto,
il mio Spirito possa raggiungerti senza vergogna.


                                       Tom White Cloud

 

 

 

 

Noi non soffriamo per le cose del mondo,
ma per le nostre credenze sulle cose del mondo.

 

                                     Epitteto

 

 

 

 

Non è tanto importante quello che ci accade,
quanto il modo con cui vi reagiamo.


                              Hans Selye

 

 

 

La mia felicità consiste nel sapere che provengo dal principio,
nel contemplare lo yin e lo yang,
nell'osservare il succedersi delle stagioni,
l'alternarsi del giorno e della notte,
e nel sapere che al principio farò ritorno.

                                        Chuang-tzu

 

 

 

Cos'è tutto questo affannarsi per il denaro,
e tormentarsi per questo mondo?
Hai mai visto qualcuno che sia vissuto eterno?
Questi uno o due soffi di vita che sono nel tuo corpo,
sono un imprestito:
a mo' d'imprestito bisogna vivere.


                                 Omar Khayyàm

 

 

 

Noi creiamo il mondo che percepiamo, non perché non esiste realtà fuori dalla nostra mente, ma perché scegliamo e modifichiamo la realtà che vediamo in  modo che si adegui alle nostre convinzioni sul mondo in cui viviamo.

Si tratta di una funzione necessaria al nostro adattamento e alla nostra  sopravvivenza.


                                                                Gregory Bateson

 

 

 

 

Hanno detto: "Da ogni parte c'è la luce di Dio".
Ma gridano gli uomini tutti: "Dov'è quella luce?".
L'ignaro guarda a ogni parte, a destra, a sinistra;
ma dice una Voce: "Guarda soltanto, senza destra e sinistra!".

 

                                      Gialâl ad-Dîn Rûmî

 

 

 

 

So che senza di me Dio non può un istante vivere:
Se io divento nulla, deve di necessità morire.

                                 Angelus Silesius

 

 

 

 

Dio è coscienza morale. E' persino l'ateismo dell'ateo.

                                              Gandhi

 

 

 

Ma se i buoi, i cavalli e i leoni avessero le mani, o potessero disegnare con le mani, e fare opere come quelle degli uomini, raffigurerebbero gli dei, il cavallo simili ai cavalli, il bue ai buoi,

e farebbero loro dei corpi come quelli che ha ciascuno di loro.

                                                                                        Senofane

 

 

Come fiamma più cresce più contesa dal vento,
ogni virtù, che il cielo esalta,
tanto più splende quant'è più offesa


                         Michelangelo Buonarroti

 

 

 

 

Che cosa è il nostro concetto di Dio se non la personificazione dell'inconcepibile?
 

                                                              G. C. Lichtenberg

 

 

 

 

Pearce dice: - La  mente dell'uomo riflette un universo che riflette la mente dell’uomo. Un serpente che divora la propria coda, la partecipazione di coloro che partecipano.

 

                                                                       Michael Talbot

 

 

 

 

Oh, l'anima del mondo mai sarà unita a me,

finché ciò che appare fuori di me,

benché sia sempre stato in me,

deliziosamente si posa in me.

 

Rainer Maria Rilke

 

 

 

 

Noi tutti, il viso scoperto, riflettiamo come in uno specchio la gloria del Signore e siamo trasformati.

 

                                                                      Paolo di Tarso

 

 

 

 

Tutti i nostri pensieri sul reale sono in un modo o nell'altro illusioni, ma fino a che non "vediamo" noi non abbiamo modo di saperlo, e quindi non abbiamo modo di riconoscere un'illusione. Una volta superato l’io, invece, vediamo le nostre illusioni retrospettivamente e comprendiamo che erano solo ciò che pensavamo della realtà: pensieri che non avevano nulla a che fare con il mondo reale degli oggetti e delle forme in se stessi.

 

                                                                          Bernadette Roberts

 

 

L'uomo vuol svegliarsi, ma non vuol abbandonare il sogno.

 

                                                     Poonja

 

 

 

In realtà, si è sempre in samadhi, ma non lo si sa.

Per saperlo, tutto ciò che si deve fare è rimuovere gli ostacoli.

 

                                    Ramana Maharshi

 

 

 

Finché si è consci, ci sarà piacere e dolore a livello della coscienza. Per andar oltre questi, devi andar oltre la coscienza, il che è possibile solo se guardi la coscienza come qualcosa che capita a te e non in te, come qualcosa di sovrapposto ed esterno... A quel punto improvvisamente sei libero dalla coscienza... e quello è il tuo vero stato. La coscienza è un'eruzione cutanea pruriginosa. Non puoi voler saltar fuori dalla coscienza, perché l'idea stessa è all'interno della coscienza. Ma se impari a guardare alla coscienza come a una febbre, che ti è propria e in cui ti chiudi come un pulcino nel guscio, è da quest'atteggiamento che verrà la crisi che ti farà rompere il guscio.

 

                                                                   Nisargadatta Maharaj

 

 

 

 

Quando si raggiunge la consapevolezza priva di oggetto non rimane traccia dell'io e dell'altro.

Il fiume e le sue rive sono una sola cosa.

 

                                                                         John Blofeld

 

 

 

 

 

È nella natura della mente il vagabondare. Tu non sei la mente. La mente salta su e poi sprofonda.

È impermanente, transitoria, mentre tu sei eterno... rimani nel Sé! Non dar importanza alla mente... nell’uomo realizzato la mente può essere attiva o inattiva, solo il Sé rimane per lui.

 

                                                                          Ramana Maharshi

 

 

 

 

L'Assoluto non è nessuna delle cose di cui è la Sorgente; la Sua natura è tale che non si può dir nulla di Lui - né esistenza, né essenza, né vita. Trascende tutte queste cose. Ma se tu Lo possiedi, attraverso l'eliminazione dell'essere, allora custodisci una meraviglia.

 

                                                                              Plotino

 

 

Come sono percepiti gli oggetti da un Jnani...? Gli oggetti sono realmente il percepirli.

 

                                                                          Ramesh Balsekar

 

 

 

Agitata o calma, l'acqua è sempre acqua. Che differenza può fare l'incarnazione o la disincarnazione a coloro che sono Liberati? Che sia calmo o agitato dalla tempesta, l'oceano non subisce cambiamenti.

 

                                                                              Yogavashista

 

 

 

L'illusione cosmica aveva gettato su di me la sua rete
ma questo Viththal ha avuto pietà di me.
Egli mi fece uscire e mi mise in disparte,
aprì i miei occhi ad una meraviglia,
Si danza, si salta, si prende l'illusione per una meraviglia,
si prende per vera una felicità peritura.
Si piange, si geme, ci si rompe la testa,
si piange un amico da morire.
Mi stupisco io stesso, dice Toukâ,
di ascoltarmi dire queste parole.

 

Toukârâm

 

 

 

 

I nostri sensi non sono separati da ciò che è "là fuori", ma sono intimamente coinvolti in un complesso processo di feed-back, il cui risultato finale è di creare ciò che è "là fuori".

Cosa è là fuori? 

Il nostro mondo è "costruito" dalle parole... dai nostri credo culturali.

Ciò che chiamiamo realtà è imparata.

 

                                                                        Michael Talbot

 

 

 

 

L’esperienza filtrata attraverso i miei meccanismi umani crea il mio mondo. Tutto è esperienza, tanto nel mondo interno che in quello esterno.

Possiamo quindi distinguere tra il "primo momento" (Dio, Natura di Buddha, Assoluto, Ciò che è) e il mondo che ne viene istantaneamente creato, che è l’altro lato della faccenda. In realtà i due lati sono uno solo: il primo momento e il mondo che ne deriva non sono diversi. Comprendendolo, tutti i problemi finiscono perché diventa ovvio che non c’è né passato né futuro, e la nostra montagna di preoccupazioni si rivela un assurdo.

 

                                                                          Charlotte Joko Beck

 

 

 

Quando un uomo va a dormire, egli prende con sé il tessuto di questo mondo che tutto contiene, lui stesso lo distrugge, lui stesso lo costruisce, e sogna attraverso la propria chiarezza la propria luce. Allora, questa persona è illuminata. Là non vi sono né carri, né buoi, né strade. Ma egli estrae da se stesso carri, buoi e strade. Là non vi sono né gioie, né piaceri, né delizie. Là non vi sono né cisterne, né vasche di fior di loto, né correnti. Ma egli estrae da se stesso cisterne, vasche di fior di loto, correnti. Poiché egli è il creatore.

 

                                                                                 Upanishad

 

 

 

La mente nell'afferrare qualcosa, sperimenta le sensazioni che sono qualità della mente soltanto. Queste sensazioni sono proiettate dalla mente – come per vestire dei corpi adatti, nella natura circostante. Così i corpi sono percepiti con delle qualità che in realtà non appartengono a loro, ma sono qualità che sorgono soltanto dalla mente. Così la natura assume il merito che in realtà ci compete: la rosa per il suo profumo, l'usignolo per il suo canto, il sole per il suo brillare... La natura è una faccenda insipida, senza suoni, senza colori, senza profumi; solo un turbinio di materia, senza fine, senza scopo. 

 

                                                                       Alfred North Whitehead

 

 

 

Quello che Whitehead vuol dire è che la mente che potesse concepire un oggetto com'è veramente (senza modificazione o errore), non comprenderebbe assolutamente niente. Questa è la mente completa dell'jnani o del saggio.

 

                                                                          Ramesh Balsekar

 

 

Ogni espressione del pensiero e della volontà ha delle conseguenze. L’intera anima e l’intero corpo vi reagiscono. Una volta che il corpo si abitua a delle conseguenze delle attività del pensiero e della volontà e vi si accorda totalmente, comincia a risentirle come una specie di alimento necessario; le esige, per così dire, come un fattore di conservazione.

Così la coscienza è doppiamente dominata: da un lato dalle abitudini del pensare e del volere, dall’altro dal sistema corporeo che si accorda con queste abitudini. In genere gli uomini ne sono ancora vittime. E via via che gli anni passano il loro intero sistema vi si adatta, al punto da far loro spesso dire: “Non possiamo fare a meno, in tali situazioni, di fare questo o quello”.

Poveri stolti! Una semplice decisione positiva della coscienza basterebbe per liberarvi da tutte queste nevrosi. Se vi lasciate andare invece, spinti dalla frusta della volontà e del pensiero e dall’impulso del corpo, create sempre del karma.

 

                                                                      Jan van Rijckenborgh

 

 

 

“Sì, luce e vita, questo è Dio Padre, da cui proviene l’uomo.

Se dunque riconosci di provenire dalla vita e dalla luce e di

essere costituito da questi elementi, certo ritornerai alla vita.”

Queste furono le parole di Pimandro.

 

                                            Ermete Trismegisto

 

 

Secondo Bohr, il mondo impalpabile e nebuloso degli atomi si concretizza solo se vi è osservazione. Nell'assenza di osservazione, l'atomo è un fantasma. Si materializza solo se lo cerchi. E puoi decidere cosa cercare. Se cerchi il luogo in cui è, lì troverai un atomo. Se cerchi il suo moto, troverai un atomo che ha una velocità. Ma non puoi avere entrambi.

 

                                                                          Paul Davies

 

 

 

Quando dormi non percepisci più il mondo, pur continuando a esistere. Dunque il mondo ti appare solo al risveglio. Da dove viene? Dalla tua mente. I tuoi pensieri sono tue proiezioni. Prima nasce il pensiero IO, poi il mondo. Il mondo è creato dal pensiero IO che proviene dal Sé eterno.

Di conseguenza l’enigma della creazione del mondo è risolto se riesci a risolvere l’enigma della creazione dell’IO.

 

                                                                            Ramana Maharshi

 

 

  

La beatitudine è l’ultima guaina che va rifiutata... c'è ancora l’intervento di qualcuno che gode qualcosa. C'è separazione... 

La volontà di essere liberi... ti condurrà dove deve condurti, e poi svanirà. Il desiderio si consumerà da sé, e ciò che resta è la tua vera natura.

 

                                                                               Poonja

 

 

 

 

Chi è non-pensiero?(munen)

Chi è non-nato?(musho)

Se il non-nato esiste realmente,

non può neppure nascere.

 

Che cos'è musho?

Né un'illusione né una imitazione o un -ismo.

Ma un fatto reale.

 

Yoka Daishi

 

 

 

 

D.: La mia realizzazione è di aiuto agli altri?

 

R.: Sì certamente. E’ il miglior aiuto possibile. Ma in realtà non ci sono "altri" da aiutare, perché un Essere Realizzato vede soltanto il Sé, così come un orefice vede soltanto l’oro.

 

                                                               Ramana Maharshi

 

 

 

Come onde, schiuma e bolle non sono diverse dall'acqua, così alla luce della conoscenza,

l'Universo nato dal Sé, non è diverso dal Sé.

 

                                                                         Astavakra Gita

 

 

Nel corso della vostra giovinezza vi siete impegnati nei vari problemi inerenti alla crescita e al raggiungimento di una posizione sociale. Ora nella prima giovinezza tanto delicata e promettente del vostro tirocinio gnostico, giunti alle porte della vita nuova, dovete prepararvi pienamente ad essa, maturare come essere-anima e giungere nel mondo dell’anima.

 

                                                                    Jan van Rijckenborgh

 

 

 

 

Chi vive dell’anima stabilisce la vera armonia ovunque vada.

 

                                              Jan van Rijckenborgh

 

 

 

 

La parola io è uno strano grido che nasconde invano

la paura di non essere nessuno.

 

                              Giorgio Gaber (tratto da “La parola io”)

 

 

 

Io non so quel che sono, non sono quel che so.

Cosa e non cosa sono. Io sono un punto e un cerchio.

 

                                       Angelus Silesius

 

 

 

Vera realtà: abisso senza fondo, imperscrutabile, incommensurabile, cuore di ogni cosa.

 

                                                                             Upekkhā

 

 

 

Trenta raggi convergenti, riuniti al mozzo, formano una ruota;

ma è il suo vuoto centrale che fa andare il carro.

I vasi sono fatti d’argilla, ma è il vuoto che ne permette l’uso.

La casa ha porte e finestre, ma è il vuoto che la rende abitabile.

Così, l’essere produce l’utile; ma è il non essere che lo rende efficace.

 

Lao Tzu (tratto dal “Tao Te Ching”)

 

 

 

È soltanto per tua ignoranza che l’universo esiste. In realtà tu sei l’Uno.

Non c’è un Sé individuale o un Sé supremo all’infuori di te.

 

                                                                          Astavakra Samhita

 

 

 

Tutti sanno che la goccia si perde nell'oceano,

ma pochi sanno che l'oceano si perde nella goccia.

 

                                      Ramana Maharshi

 

 

 

 

Tutto quello che c'è e che forma il tuo io, è la conoscenza di te stesso e del mondo attorno a te.

Il mondo attorno a te non è diverso dal mondo che tu hai creato per te stesso all'interno di te.

Quello che ti spaventa (non te ma il movimento del pensiero) è che quella continuità termini.

 

                                                                          U.G. Krishnamurti

 

 

 

 

Il bufalo ha la sola preoccupazione di salvare il suo nascondiglio. La preoccupazione del ciabattino è ancora un’altra. Il Dharma è la preoccupazione di alcuni mentre il Karma è quella di altri.

Io mi preoccupo di me stessa mentre le tue passioni sono tua preoccupazione. Vattene, lascia andare il mio sari stolto! La mia unica preoccupazione è se il mio signore Chennamallikaarjuna farà sentire o no la sua presenza.

 

                                                                                 Akka Mahadevi

 

 

 

 

Tu non sei nato né muori. Non hai mai un corpo.

La scrittura dichiara in molti modi differenti il ben noto detto: “Tutto è Brahman”.

 

                                                                                      Avadhuta gita

 

 

 

 

Dio è principio senza principio, processo senza mutamento, fine senza fine.

 

                                                          Il Libro dei XXIV Filosofi

 

 

 

 

 

Ricorda che nella vita devi comportarti come a un banchetto. Una portata girando tra i convitati è arrivata davanti a te: allunga la mano e prendi la tua parte, con educazione; il piatto passa oltre: non fermarlo; non è ancora arrivato da te: non protenderti inseguendo l'appetito, aspetta che ti sia di fronte. Così fai con i figli, così con la moglie, con le cariche pubbliche, con la ricchezza: e un giorno sarai degno di stare a banchetto con gli dèi. Se poi, invece di prendere la porzione che ti sarà servita, la ignorerai, allora sarai degno non solo della mensa degli dèi, ma anche di governare con loro.

 

                                                                                            Epitteto

 

 

 

 

Devi cominciare da te stesso ed abbandonare te stesso. In verità, se non fuggi prima da te stesso, dovunque tu fugga troverai ostacoli ed inquietudine. Chi cerca la pace nelle cose esteriori, luoghi o modi, gente o opere, paese lontano o povertà o umiltà - qualsiasi cosa ciò sia, per quanto grande -, ciò non è niente e non dà pace. Chi cerca così cerca male: più si allontana e meno trova ciò che cerca; come chi ha perduto la strada, più si allontana e più si fuorvia. Allora come bisogna fare? Bisogna prima di tutto abbandonare se stessi: così si abbandonano tutte le cose. In verità, se un uomo abbandonasse un regno o il mondo intero e mantenesse se stesso, non avrebbe abbandonato proprio niente.

 

                                                                                           Meister Eckhart

 

 

 

 

Chi entra nel soffio di vita perfetto e partecipa ad esso entra in un processo di crescita che consiste nell’abbandonare l’essere dialettico per il “non essere” divino.

Chi si trova in questo processo si libera sempre più dalle barriere, dalle limitazioni, dai fenomeni del mondo relativo della forma e finisce per non incontrare più alcuna opposizione. Prende insensibilmente il posto che gli è destinato e si trova al sicuro là dove il tempo non esiste; libero dalla materia, libero dalla sfera riflettrice e nascosto nell’infinito.

 

                                                                                        Catharose de Petri

 

 

 

 

Ciò che sei, lo sei già. Conoscendo ciò che non sei, te ne liberi, e rimani nel tuo stato naturale.

Tutto accade spontaneamente e senza sforzo.

 

                                                                           Nisargadatta Maharaj

 

 

 

 

Io non faccio niente, dice quest'Anima; ma se cercate chi “fa”, troverete che è la Ragione a “fare”.

 

                                                                                 Margherita Porete

 

 

 

Divenni subito consapevole di stare guidando attraverso me stessa. Per anni non c’era stato assolutamente nessun io, tuttavia qui, su questa strada, ogni cosa era me e io stavo guidando attraverso me per arrivare dove ero già. In sostanza, non stavo andando da nessuna parte perché ero già ovunque. L’infinita vacuità che sapevo di essere adesso appariva come l’infinita sostanza di ogni cosa che vedevo.

 

                                                                                                Suzanne Segal

 

 

 

L’individuo sciocco pensa: io sono il corpo, l’individuo erudito nelle scritture pensa: io sono una combinazione di corpo e anima vivente, ma il conoscitore (lo gnostico), fornito di discernimento, pensa: io sono Brahman, e considera il sempre esistente ātmā come il supremo ātman.

[…]

Se realizzi l’Uno senza secondo – che è sat-cit-ānanda, di là da tutte le forme e da ogni agire – tu porrai fine all’illusione di essere i tre corpi. Così, come l’attore all’ultimo atto, saprai gettare la maschera del personaggio con cui ti sei identificato.

[…]

Così, senza porre indugio, cessa d’immedesimarti con l’ahamkāra, con lo sperimentatore, semplice riflesso dell’ātman; con quel senso dell’io che ti ha fatto conoscere la sofferenza della nascita, della vecchiaia e della morte, per quanto tu sia stato sempre il Testimone, essenza di conoscenza e di beatitudine assoluta.

 

                                                                                                 Sankara

 

 

 

 

Tutti i veicoli sovrapposti, e quindi tutte le loro conseguenti qualificazioni, sono visti come appartenenti ad un altro individuo. Il realizzato, essendo ātman-assoluto, come può partecipare al gioco degli upādhi e alle esigenze automatiche di questi?

 

                                                                                         Raphael

 

 

 

 

Tutti ci chiamiamo "io", il nome ci viene dato dagli altri...

 

                                                       NowHere

 

 

 

 

Quando egli si sveglia e non vede nessuno in casa tranne se stesso,

allora dice, "io sono", e non c'è nient'altro che "io".

 

                                              Djalâl-ud-Din Rûmî

 

 

 

D.: Chi sono?

P.: Chiunque tu ti immagini di essere.

Quando smetti di crearti delle identità, troverai chi sei veramente.

 

                                                                           Poonja

 

 

 

 

lightnight: ciao loo, come va?

Loo_Nsu: va, come va te?

lightnight: va, senza sforzo.

Loo_Nsu: discesa.

lightnight: la discesa è solo un punto di vista, dipende da dove si guarda.

Loo_Nsu: da dove si guarda?

lightnight: se non guardo non ho punto di vista.

Loo_Nsu: light da dove guarda?

lightnight: l'immagine sempre ha un punto di vista, perché lui è il punto di vista.

Loo_Nsu: lui chi è?

lightnight: se light è un'immagine allora parte dall'immagine l'osservazione. Ma se light non è un’immagine ma solo qualcosa che è, esiste, senza definire un limite, allora non c'è punto di vista.

 

                                                              Tratto dalla chat  “Sentiero di Luce”

 

 

 

 

È chiaro che tu non hai un problema, ne crei uno. Se non hai un problema non senti di star vivendo.

 

                                                                                       U.G. Krishnamurti

 

 

 

 

Prima che il mondo fosse, la coscienza esisteva.

Nella coscienza esso sorge e dura, e nella pura coscienza si dissolve.

 

                                                  Nisargadatta Maharaj

 

 

 

Non cercare la verità; smetti solo di avere opinioni.

 

                                   Sosan Hsin Hsin Ming

 

 

 

Ci sono molti modi di arrivare.

Il migliore è di non partire…

 

                      Ennio Flaiano

 

 

Il processo morte-vita è un'apparenza sul candido schermo della coscienza.

 

                                                                          NowHere

 

 

 

 

Dietro lo sterno brilla l’atomo primordiale e l’allievo risveglia questa stella di Betlemme. Se egli fissa la sua attenzione su questo principio igneo interiore e gli si abbandona in autoresa, un nuovo desiderio nasce fin nelle ossa, un desiderio dagli aspetti straordinari, poiché si tratta di un desiderio nato non dal sangue, dall’io-sangue o da una qualche attività della natura, ma da un’altra natura, da una natura preumana.

 

                                                                                   Jan van Rijckenborgh

 

 

 

 

Io non sono io,

io sono quello

che cammina al mio fianco senza che io lo veda,

che a volte vado a cercare,

e che, a volte, dimentico.

Lui, che tace sereno quando io parlo,

che perdona, dolce, quando io odio,

che passeggia dove io non sono,

che rimarrà in piedi quando io sarò morto.

 

J.R. Jiménez

 

 

 

 

I.: Che pensate della causa-effetto?
M.: Ogni momento contiene tutto il passato e crea tutto il futuro.
I.: Ma il passato e il futuro esistono?
M.: Nella mente. Il tempo e lo spazio sono mentali. Anche la legge di causa-effetto è un modo di pensare. In realtà tutto è qui e ora, unico. La molteplicità e la differenza sono solo nella mente.

 

                                                                          Nisargadatta Maharaj

 

 

 

 

Dobbiamo comprendere che l’io-mio non ha realtà intrinseca, è una costruzione. È un’illusione, come l’onda suscitata dal vento. L’acqua e il vento sono reali, ma l’onda è un’illusione.

 

                                                                                         Buddhadāsa

 

 

 

Voi create me. Io non creo voi per il semplice motivo che non ho alcuna immagine di me stesso.

 

                                                                                  U.G. Krishnamurti

 

 

 

Desidera solo ciò che è dentro di te.

Desidera solo ciò che è al di sopra di te.

Desidera solo ciò che è irraggiungibile.

Poiché dentro di te è la luce del mondo, l’unica luce che può illuminare il sentiero.

Se tu sei incapace di discernerla entro di te, è inutile cercarla altrove.

È al di là di te, perché quando la raggiungi hai perduto te stesso.

È irraggiungibile, perché continuamente recede.

Tu entrerai nella luce, ma non toccherai mai la fiamma.

 

Tratto dal libro “La Luce sul Sentiero”

 

 

 

 

I.: Sono libero di desiderare, ma non d'intervenire sul mio desiderio. Spinte diverse mi svieranno. Il desiderio, benché abbia tutta la mia approvazione, non è abbastanza forte. Altri, che disapprovo, lo sono di più.
M.: Forse t'inganni. Dai forma ai tuoi veri desideri, ma in nome della rispettabilità tieni in superficie solo quelli che approvi.

 

                                                                                 Nisargadatta Maharaj

 

 

 

 

Nella mia nascita eterna nacquero tutte le cose, ed io fui causa originaria di me stesso e di tutte le cose; e, se non lo avessi voluto, né io né le cose sarebbero; ma se io non fossi neanche Dio sarebbe: io sono causa originaria dell'esser Dio da parte di Dio; se io non fossi, Dio non sarebbe Dio.

 

                                                                                         Meister Eckhart

 

 

 

 

Devi sapere che l'inclinazione al peccato ha sempre grande profitto ed utilità per l'uomo dabbene.

 

                                                                                       Meister Eckhart

 

 

 

 

Tutte le creature si portano nel mio intelletto, per essere in me spiritualmente. Io soltanto procuro di nuovo tutte le creature a Dio! Guardate cosa voi tutti fate!

 

                                                                                        Meister Eckhart

 

 

I.: Che significa oltrepassare la mente?
M.: Il corpo lo oltrepassi di già, non è vero? Non segui consapevolmente i processi della digestione, della circolazione e dell'evacuazione: sono automatici. Anche la mente dovrebbe funzionare senza pretendere attenzione. La nostra coscienza della mente e del corpo è pressoché ininterrotta perché ci costringono a occuparcene. Dolore e pena non sono altro che il corpo-mente che strilla perché gli si badi. Per andare oltre il corpo, devi essere sano. Per oltrepassare la mente, devi averla in perfetto ordine. Non puoi lasciarti alle spalle una bolgia, e tirar dritto. Ti c'impantanerai. "Raccogli le tue immondizie" sembra essere la legge universale. E più che giusta.

 

                                                                                     Nisargadatta Maharaj

 

 

 

 

Chi cerca quello che ha, è perché manca di conoscenza.

 

                                             Margherita Porete

 

 

 

 

Se il papa fosse abbattuto dalla mia mano, senza che ciò fosse avvenuto per mia volontà, mi accosterei all'altare e direi nondimeno messa!

 

                                                                                        Meister Eckhart

 

 

 

 

La crudeltà sta nella motivazione, non nel fatto.

 

                                           Nisargadatta Maharaj

 

 

 

 

Profitta dello scompiglio per decidere, finalmente,

di certificare l’origine del mondo…

 

                                           Max Gazzè

 

 

 

 

Come i cani amano masticare ossi,

la mente ama affondare i denti nei problemi.

 

                                   Eckhart Tolle

 

 

 

Nel cuore di una stella si cela un cristallo grande come la Luna.

 

                                                              Anonimo

 

 

 

Non è l'ignoto  a farmi paura, ma l'imprevisto, ciò che improvvisamente scioglie l'Incantesimo, che rompe ogni Specchio, che ti pone davanti alla Verità che non è più soltanto Tua, Verità che ti ha condotto, in cui fino a poco prima avevi creduto, nel quale avevi vissuto…

E tutto ciò che avevi fino a poco prima controllato, si perde, reso vano da ciò che eri impreparato ad affrontare, e che ti trovi davanti senza mezzi termini…

Ed è un'Implosione, senti ogni parte di te frantumarsi, e non sai come ricomporTi, perché non hai più un'identità…

Ed è per recuperare questa Identità che ti muovi fra l'una e l'altra parte, cercando, setacciando ma con la paura di perderne, con il timore di lasciarle andare, perché non sei certo di ritrovarle, perché non tutte le conosci…

E la paura cresce, perché si fa paura, perché  paura di perdere la parte Più importante, la Migliore, perché non hai ancora chiaro in te quale sia, forse non l'hai mai vista, proprio perché ne hai avuto paura, forse l'hai sepolta, come "il talento" datoti dal tuo Re che non hai fatto fruttare…

Ed è questo Talento che è stato sepolto che brama di venir fuori, che vorrebbe disperatamente che Tu lo cercassi, affinché Tu possa portare a termine il Tuo compito e possa tornare al Tuo Re ricco dei doni che ti ha dato e che finalmente hai fatto fruttare, perché la paura Ti ha sempre impedito questo, perché la Paura che è la tua Ombra, ti impedisce di vederne il riflesso...il Tuo Riflesso…

Ma è quella stessa Paura a chiamarti, a impedirti di reprimerla, a impedirti di lasciarla andare, finché non l'avrai accolta come parte di Te, la Sola che può condurti in quel Sepolcro da quale …finalmente… Risorgi.

Ma per accogliere questa Paura devi amare e sentirti amato, perché solo l'Amore ti può dare la forza e il coraggio di affrontare l'imprevisto per entrare nei sotterranei dove finalmente incontrerai Te stesso, Riflesso di quel Dio che ti ha voluto così.

 

                                                                                            Yaris

 

 

 

 

Chi è troppo occupato nel fare il bene non ha tempo per esserlo.

 

                                                Rabindranath Tagore

 

 

 

 

Chi controlla il passato, controlla il futuro; chi controlla il presente, controlla il passato [...]. Credi davvero che il passato abbia un'esistenza reale? [...]. Il passato esiste forse concretamente nello spazio? C'è da qualche parte un luogo, un mondo di oggetti solidi, dove il passato sta ancora avvenendo? [...] dove esiste il passato, seppure esiste?". "Nei documenti. Vi è registrato". "Nei documenti. E... nella mente. Nella memoria degli uomini".

 

                                                                             George Orwell (tratto da “1984”)

 

 

 

Siamo tutti strumenti a corda nel concerto della gioia di Dio.

 

                                                    Jacob Böhme

 

 

 

Sono giorni che questa frase, riecheggia dentro di me....  per la parola debito,  con la quale mi sento, scusate il gioco di parole, in debito; con la parola ignoranza, perché chi non lo è davanti agli eventi della vita? 

La conoscenza, il sapere, sono per lo più basati su presupposti logici e concreti, su dati di realtà inconfutabili, che portano a riconoscere e ad accettare gli  eventi  che rispondono ad una logica di causa ed effetto, diffidando del nuovo e dell'inesplorato che richiedono prove concrete... 

E' questa la tela del Ragno?

  E siamo noi che come il Ragno cominciamo a costruire una tela, nella quale ci rinchiudiamo in attesa di chissà che cosa, senza renderci nemmeno conto che così non ci spostiamo di un millimetro dall'angolo in cui ci siamo relegati? 

Se fosse così, non sarà allora che il debito dell'ignoranza è il debito che noi dobbiamo pagare alla nostra incredulità e alla nostra indifferenza? Al nostro non voler ascoltare, al nostro voler negare, al nostro disconoscere anche i fatti più evidenti perché colorati di chissà quali fantasie e proiezioni? 

E di quante prove, abbiamo bisogno prima di svegliarci e di renderci conto che la realtà non è colorata, né incolore ma risponde solo al nostro "bisogno" di vederla tale? 

O ancora pensiamo che noi piccoli uomini, siamo così superiori da pensare di poter plasmare noi il mondo a nostra immagine e somiglianza? 

E lo abbiamo plasmato si, tanto da disconoscerlo perché l'immagine che ci rimanda, non è quella che vorremo vedere, non è quella che corrisponde a ciò che intendevamo costruire, ma così l'abbiamo costruito...forse solo per ignoranza... 

Allora direte voi? 

Niente dico io, null'altro, perché se volessimo davvero cambiare il mondo, dovremmo cominciare a cambiare noi stessi, pagando tutti i debiti che l'ignoranza causa e ha causato ma che non hanno niente a che vedere, con ciò che pensiamo di conoscere.. 

Ma siamo capaci di smettere di tessere la Tela?

 

                                                                                                 Yaris

 

 

Attenta Yaris, il ragno è assai insidioso e la tela è tessuta proprio là dove meno te l'aspetti.

Così le tue domande, condivisibili, eterne domande, contengono già al risposta, la tua, la mia, più o meno coincidenti. Risposte ragionevoli a domande ragionevoli.

Perché, vedi, tutto il tuo dire fila perfettamente, e fila proprio perché segue quel filo logico, consequenziale, con cui il ragno tesse la tela. Per questo, per questo comune ragionale, di cui il linguaggio stesso testimonia, possiamo trovarci d’accordo.

Perfetta la tua conclusione. Inevitabile, logica conseguenza delle premesse.

Anche questa fa parte della tela del ragno? Non lo so, forse.

Una cosa so, o credo di sapere: difficile fare a meno della tela. Non la eviti con brevi frasi ad effetto.

Una cosa sospetto: visto che c'è la tela, non sarà meglio percorrerla fino in fondo? L'uscita è sempre alla fine del labirinto.

Come? Si può uscire anche dall'alto? Si, ma allora ragionare non serve. Si rischia di fare la fine di Icaro.

Serve solo il silenzio.

 

                                                                                    Calfuria

 

 

 

Grazie Calf, per quanto dici, che per altro corrisponde   a verità...

Ma aggiungo....

Inutile pensare di non tessere la tela nonostante ne abbiamo bisogno, perché molto semplicemente è nella nostra natura, il tesserla...

Io credo però che l'insidia della tela, non sta nelle sue pur  splendide spire, ma l'insidia sta nel dimenticarsi di averla tessuta, e di caderci poi successivamente nei panni della mosca, che pensando di non averla costruita e   inconsapevolmente, ignara, ci cade...

Ma se il nostro grado di comprensione determina una consapevolezza tale, e un sentire tale che, ci faccia   riconoscere che nel gioco delle parti, il ragno e la mosca sono aspetti dello stesso individuo, forse non ci sarà bisogno di uscire dalla tela, perché non ci sarà bisogno di costruirla, se non per il puro diletto di vedere la manifestazione della nostra Opera...

Questa è la svolta auspicabile per la coscienza che si riconosce   parte del tutto, pur  ammettendo e manifestando la propria individualità: non potrà mai fare ad un altro ciò che non farebbe a se stesso ma saprebbe discriminare tra ciò che è necessario  e ciò che non lo è, compiendo "l'azione   giusta"

Non più il male minore, ma il Bene maggiore.

 

                                                                                                         Yaris

 

 

 

È quello il guaio, essere qualcuno!

 

                                Brucus

 

 

 

E improvvisamente

La verità fu chiara

E la notte del mio niente

Cadde

E le pietre delle mie catene

Sgretolate

E l'alto apparve abbagliante

E mi ritrovai…

E volo con ali di gabbiano

E mi illumino come raggio di sole

E la mia pelle è il vento

E il mio sguardo è l'alba

E ora sono

Infinito...

 

                     Ninni

 

 

 

 

La mente di un fanatico è come la pupilla dell’occhio,

più luce la illumina più si contrarrà.

 

                               Oliver W. Holmes Jr.

 

 

 

Non v'è parola per la semplicità di quel distacco da ogni cosa,

di quella non-domanda non posta più a nulla.

Non v'è parola per la non-opinione, per il non-scopo che, magicamente,

in un istante ti riporta a casa, nella tua non-volontà.

Non v'è viaggio né sentiero che porti alla primeva immobilità.

Non v'è posto alcuno per la non-assenza in cui, non chiedendo più nulla,

si scopre di aver sempre avuto tutto.

E quando sarò davanti alla Sfinge che mi porrà la triplice, eterna domanda:

"Uomo, chi sei? Da dove vieni? Dove vai?"

Le risponderò:

"Sono il Tutto, immobile e indiviso. Da dove potrei venire? Dove potrei mai andare?

Io sono anche te che fai la domanda..."

Io sono anche te che, dal tuo "presunto presente", mi stai leggendo.

 

                                                                  NowHere

 

 

 

 

Non so chi sono, che anima ho.

Quando parlo con sincerità, non so con quale sincerità parlo.

Sono variabilmente altro da un io che non so se esiste (se è quegli altri).

Sento fedi che non ho.

Mi prendono ansie che ripudio.

La mia perpetua attenzione su di me perpetuamente mi denuncia tradimenti d'anima di un carattere che forse non ho, né essa crede che io possegga.

Mi sento multiplo. Sono come una stanza con innumerevoli specchi fantastici che riflettono falsamente un'unica realtà precedente che non si trova in nessuno e in tutti.

Come il pianista si sente albero e perfino fiore, io mi sento diversi esseri.

Mi sento vivere vite altrui, in me, in modo incompleto, come se il mio essere partecipasse all'esistenza di tutti gli uomini incompletamente di ciascuno, attraverso una somma di non-io sintetizzati in un io posticcio.

 

                                                                               F. Pessoa

 

 

 

 

Tradire gli altri non è lecito, ma tradire se stessi è suicidio.

 

                                                   Raphael

 

 

Ciò che è senza seme e senza radici, che non germoglia, non cresce, non fiorisce né fruttifica, che sorge all'improvviso, gloriosamente, in modo misterioso e abbagliante, puoi chiamarlo "Dio". È del tutto inaspettato benché inevitabile, infinitamente intimo e tuttavia sorprendente, al di là di ogni speranza eppure certissimo. Poiché è senza causa, non è ostacolato. Obbedisce a una sola legge: la legge della libertà. Tutto ciò che implica una continuità, una sequenza, un movimento da uno stato all'altro, non può essere reale. La realtà non progredisce: è definitiva, perfetta, senza riscontro.

 

                                                                                  Nisargadatta Maharaj

Un giorno un derviscio dalla mentalità convenzionale, prodotto di un'austera scuola religiosa, stava passeggiando lungo un corso d'acqua, completamente assorto in problemi teologici e morali, perché quella era la forma che l'insegnamento sufi aveva assunto nella comunità cui apparteneva. Per lui la religione emotiva corrispondeva alla ricerca della Verità Suprema.

All'improvviso il filo dei suoi pensieri fu interrotto da un forte grido: qualcuno stava ripetendo l'invocazione derviscia. "Non serve a niente", si disse, "perché quell'uomo pronuncia male le sillabe. Anziché salmodiare YA HU, dice U YA HU ...".

Il derviscio ritenne allora che fosse suo dovere - lui che aveva studiato con tanto zelo - correggere quel poveretto che sicuramente non aveva avuto l'opportunità di essere guidato nel modo giusto, e che probabilmente faceva solo del suo meglio per entrare in armonia con l'idea sottesa nei suoni.

Noleggiata una barca, remò in direzione dell'isola donde sembrava provenire la voce.

In una capanna di canne scorse, seduto per terra, un uomo vestito da derviscio che si dondolava al ritmo della ripetizione della formula iniziatica. "Amico mio", gli disse, "la tua pronuncia è sbagliata. Mi incombe dirtelo perché è meritevole dare consigli e altrettanto meritevole accettarli. Ecco come devi pronunciare". E glielo spiegò.

"Grazie", disse l'altro con umiltà.

Il primo derviscio risalì in barca, molto soddisfatto di aver compiuto una buona azione. Dopo tutto, non è detto che colui che riesce a ripetere correttamente la formula sacra possiede anche il potere di camminare sulle acque? Il derviscio non aveva mai visto nessuno compiere un simile prodigio, ma aveva sempre sperato, per qualche ragione, di riuscirci prima o poi.

Dalla capanna non arrivava più alcun suono; tuttavia, era convinto che la lezione aveva dato i suoi frutti.

Fu allora che udì un U YA pronunciato con esitazione: il derviscio dell'isola si era messo nuovamente a pronunciare la formula a modo suo…

Mentre il primo derviscio era assorto nelle sue riflessioni, meditando sulla perversità degli uomini e sulla loro cocciutaggine nel perseverare nell'errore, i suoi occhi scorsero uno strano spettacolo: il derviscio della capanna aveva lasciato la sua isola e stava venendo verso di lui camminando sulla superficie dell'acqua…

Stupefatto, smise di remare. L'altro lo raggiunse e si rivolse a lui con queste parole: "Fratello, perdonami se ti importuno, ma sono venuto a pregarti di insegnarmi ancora una volta il modo corretto di ripetere l'invocazione, perché ho difficoltà a ricordarlo".

 

                                                                                            Storia Sufi

 

 

 

L’utopia deve germogliare nell’intimo di un cuore prima che possa fiorire in una comune virtù, le trasformazioni interiori portano con naturalità a quelle esteriori. Un uomo che ha trasformato se stesso, ne trasformerà migliaia.

 

                                                                                     Paramahansa Yogananda

 

 

 

 

Mettere da parte quello che avete nella testa; dare generosamente quello che avete nelle mani;

non ritirarsi mai di fronte alle avversità della vita.

 

                                                                                         Abu Said

 

 

La felicità è la vostra natura. Non è sbagliato desiderarla.
Ciò che è sbagliato è cercarla fuori quando invece è dentro.

 

                                               Ramana Maharshi

 

 

 

 

Desiderare di lasciar andare e lasciar andare sono due cose differenti.
Il lasciar andare accade soltanto quando non si sta desiderando di lasciar andare.

 

                                                        Ramesh Balsekar

 

 

 

 

Lasciate le difficoltà dialettiche per quello che sono. Non cercate di scioglierle, poiché per ogni nodo districato forse ne farete altri due ancora più stretti. Nessuno è ancora riuscito a trovare sul piano orizzontale l’uscita dal labirinto della natura ordinaria. Percorrendo in tutti i sensi il dedalo della vita, incontrerete sempre nuovi corridoi, nuove porte, e dietro ogni porta un altro labirinto. In questa direzione non v’è alcuna via d’uscita.

Lasciate le vostre difficoltà per ciò che sono e perdetevi.

Congedatevi da voi stessi e, contemporaneamente, dalle vostre difficoltà. Se lo fate, vi libererete da tutte le vostre difficoltà e da tutte le vostre miserie.

 

                                                                                Jan van Rijckenborgh

 

 

 

 

L'uomo intelligente che è orgoglioso della propria intelligenza è come un condannato orgoglioso della sua cella spaziosa.

 

                                                                            Simone Weil

 



 

 

Non vi è alcun bisogno di cercare il Vero,

basta smettere di avere punti di vista.

 

                                                Seng-ts'an

 




 

Il fanatico è un uomo che sovracompensa consciamente un dubbio segreto.

 

                                                              Aldous Huxley

 

 

 

Se hai integrità, nient'altro importa.

Se non hai integrità, nient'altro importa.

 

                                Alan Simpson



 

 

 

Potremmo dire che la meditazione non ha una ragione o uno scopo. In questo senso è diversa da quasi tutte le altre cose che facciamo eccetto forse comporre musica e danzare. 

Quando componiamo musica non lo facciamo allo scopo di raggiungere un certo punto, quale ad esempio la fine del componimento. Se fosse quello lo scopo della musica allora ovviamente il musicista più veloce sarebbe il migliore.

Così pure, quando stiamo danzando non stiamo cercando di raggiungere un punto particolare sul pavimento come se fosse un tragitto.  Quando danziamo, il tragitto in sé è la meta, così come quando suoniamo il suonare di per sé è la meta.

Ed esattamente la stessa cosa è vera nella meditazione. Meditazione è la scoperta che la meta dell'esistenza è sempre raggiunta nell'istante presente.

 

                                                                                          Alan Watts

 

 

 

 


Chiunque può contare i semi in una mela,

nessuno può contare le mele in un seme.

 

                                         Anonimo

 

 

 

 

 

Uomini, uomini del mio presente
non mi consola l'abitudine
a questa mia forzata solitudine,
io non pretendo il mondo intero
vorrei soltanto avere un luogo, un posto più sincero,
dove un bel giorno, magari molto presto,
io finalmente possa dire: questo è il mio posto.
Dove rinasca non so come e quando
il senso di uno sforzo collettivo per ritrovare il mondo

 

Giorgio Gaber

 

 

 

 

 

"Dove dovrò cercare l’Illuminazione?"
"Qui"
"Quando succederà?"
"Sta avvenendo proprio adesso"
"Allora perché io non la sperimento?"
"Perché tu non guardi"
"Cosa dovrei cercare?"
"Niente, guarda e basta"
"Cosa?"
"Qualsiasi cosa i tuoi occhi guardino"
"Devo guardare in un modo speciale?"
"No. Il modo ordinario va bene"
"Ma non guardo forse sempre nel modo ordinario?"
"No"
"Perché mai no?"
"Perché per guardare devi essere qui. Tu sei per lo più da qualche altra parte"

 

                                                                 Anthony De Mello

 

 

 

 

Dire non è insegnare e ascoltare non è imparare.

 

                                        Bob Marley

 

 

 

 

Ci sono due tipi di libertà che possiamo trovare nel nostro mondo: la libertà di desiderare e la libertà dal desiderare.
La nostra moderna cultura occidentale riconosce solo la prima di queste, la libertà di desiderare. Essa allora venera questo tipo di libertà al punto di consacrarla a fondamento delle costituzioni nazionali e dei progetti di legge sui diritti umani.
Si può affermare che il credo alla base della maggior parte delle democrazie occidentali sia tutelare la libertà della gente di realizzare i propri desideri, sino al limite del possibile. Bisogna rilevare che in tali paesi la gente non si sente molto libera.
Il secondo tipo di libertà, la libertà dai desideri, è celebrata solo in alcune comunità religiose.

È questo che procura appagamento e la pace che è libera dai desideri.

 

                                                                                          Ajahn Brahm

 

 

 

 

La realtà non è altro che un’illusione, sebbene molto persistente.

 

                                                  Albert Einstein

 

 

 

Prima di poter lasciare qualcosa, devi sapere di cosa si tratta.

 

                                            Nisargadatta Maharaj

 

 

 

 

A proposito della mente... In verità non c'è niente di realmente sbagliato a riguardo. Se la mente non è in pace è perché segue gli stati d'animo.

Le impressioni dei sensi arrivano e la inducono con l'inganno alla felicità, alla sofferenza, all'allegria e al dolore, ma la vera natura della mente non è nessuna di queste cose.

La mente inesperta si smarrisce e segue queste cose, si dimentica di se stessa. Allora pensiamo che siamo noi ad essere irrequieti o a nostro agio o qualsiasi altra cosa.

La nostra pratica sta semplicemente nel vedere la Mente Originale. Quindi dobbiamo educare la mente a riconoscere queste impressioni dei sensi, senza smarrirci in esse.

 

                                                                                    Ajahn Chah Bodhinyana

 

 

 

 

I.: Di anno in anno il vostro insegnamento rimane immutato. Sembra che ciò che dite non si rinnovi.
M.: In ospedale i pazienti sono curati e migliorano. La terapia, con rare modifiche, è uniforme, ma non c'è niente di monotono circa la salute. Il mio insegnamento può non essere nuovo, ma il suo frutto varia da uomo a uomo.

[…]

I.: Molti sperimentano l'estasi del samadhi. In quello stato di rapimento la coscienza è particolarmente intensa, ma non succede niente.

M.: Che cosa ti aspetti? Perché la realizzazione dovrebbe essere il risultato di qualcosa? Una cosa porta all'altra, ma la realizzazione è del tutto al di là della causalità. Dimora immutabilmente nel Sé. Lo yogi può avere la chiave di molti prodigi, ma il Sé continua a restargli ignoto. Il realizzato, invece, può apparire un essere molto ordinario e sentirsi tale, ma conosce assai bene il Sé.

 

                                                                                        Nisargadatta Maharaj

 

 

 

 

Ogni cosa che ci irrita degli altri può condurci alla comprensione di noi stessi.

 

                                                                          C.G. Jung

 

 

 

 

Non lasciare che alcuno ti disturbi, non lasciare che nulla ti spaventi.

Ogni cosa passa eccetto Dio.

 

                                                         Teresa di Lisieux

 

 

 

Non ho ottenuto proprio nulla dall’illuminazione suprema,

proprio per questa ragione è chiamata illuminazione suprema.

 

                                                       Buddha

 

 

 

 

Io contraddico me stesso.

Sono ampio, contengo molteplicità.

 

                             Walt Whitman

 

 

 

 

Non ho nulla di nuovo da insegnare al mondo.

La verità e la non violenza sono Antiche come le Montagne.

 

                                                    Gandhi

 

 

 

 

Mi considerano anarchico, ma io non sono anarchico, sono cristiano.

Il mio anarchismo è solo l'applicazione del cristianesimo ai rapporti fra gli uomini.

 

                                                                    Leone Tolstoi

 

 

 

 

Ogni uomo mente, ma dategli una maschera e sarà sincero.

 

                                              Oscar Wilde

 

 

 

 

La differenza tra essere e avere non è essenzialmente quella tra Oriente e Occidente,

ma piuttosto tra una società imperniata sulle persone e una società imperniata sulle cose.

 

                                                                              Erich Fromm

 

 

 

 

Il più grande sbaglio che può commettere un uomo è temere di commetterne uno.

 

                                                                             Elbert Hubbard

 

 

 

La nessun-mente non-pensa i nessun-pensieri alle nessun-cose.

 

                                                          Buddha

 

 

 

 

Chi non è vero non distinguerà la verità.

 

                                  Paracelso

 

 

 

 

Una nuova verità scientifica generalmente non è presentata in modo da convincere i suoi oppositori. Tuttavia, essi muoiono e una nuova generazione si familiarizza con la verità sin dall’inizio.

 

                                                                                 Max Planck

 

 

 

 

Fate attenzione ad ogni senso di difesa dentro di voi.
Che cosa state difendendo?

Una identità illusoria, un'immagine della vostra mente, un'entità fittizia.

 

                                                    Eckhart Tolle

 

 

 

 

Perciò io dico: se l'uomo si distoglie da se stesso e da tutte le cose create – tanto tu fai questo, tanto sei unito e felice nella scintilla dell'anima, che non tocca mai né il tempo né lo spazio. Questa scintilla rifiuta tutte le creature, e non vuole altro che Dio nella sua nudità, come è in se stesso. Non le bastano né il Padre né il Figlio né lo Spirito santo, e neppure le tre Persone insieme, in quanto ciascuna permane nella sua particolarità. Io dico in verità che a questa luce non basta neppure l'unicità del fecondo seno della natura divina. Voglio dire ancora qualcosa di più, che suonerà ancor più stupefacente: dico nella eterna e sempre permanente verità che a questa luce non basta l'essere divino unico, impassibile, che non dà né riceve: essa vuole sapere da dove questo essere provenga; essa vuole penetrare nel semplice fondo, nel silenzioso deserto, dove mai ha gettato uno sguardo la distinzione, né Padre né Figlio né Spirito santo. Nella interiorità più profonda, dove nessuno è in patria, là trova soddisfazione questa luce, e là essa è in una interiorità più profonda di quanto sia presso se stessa. Infatti questo fondo è un semplice silenzio, immobile in se stesso; da questa immobilità vengono mosse tutte le cose.

 

                                                                                            Meister Eckhart

 

 

 

 

 

Abbiamo paura delle nostre migliori possibilità (così come delle nostre peggiori).
Siamo generalmente spaventati all’idea di poter diventare ciò che intravediamo nei nostri momenti migliori.

 

                                                                                        Abraham Maslow

 

 

 

 

L’arte è nata dalla frustrazione.

Ogni cosa è nata dalla frustrazione.

 

                      U.G. Krishnamurti

 

 

 

 

Un fiore non predica.

 

                  U.G. Krishnamurti

 

 

 

 

"Qual è il più grande nemico dell’Illuminazione?"

"La paura"

"E da dove proviene la paura?"

"Dall'illusione"

"E cos’è l'illusione?"

"Pensare che i fiori intorno a te sono dei serpenti velenosi"

"Come raggiungerò l’illuminazione?"

"Apri i tuoi occhi e vedi"

"Cosa?"

"Che non c’è nemmeno un serpente intorno a te".

 

                                  Anthony de Mello

 

 

 

 

I ricordi del passato e le anticipazioni del futuro esistono solo ora, quindi il tentativo di vivere completamente nel presente è lo sforzarsi per qualcosa che già avviene.

 

                                                                                Alan Watts

 

 

 

Non potrà mai esserci pace tra le nazioni finché non si conoscerà la vera pace che si trova negli animi degli esseri umani.

 

                                                                                  Alce Nero

 

 

 

Ero un figlio della terra

e del cielo stellato (la lipika).

Ma la mia origine è celeste.

 

Dioniso

 

 

 

Tutti i Buddha e tutti gli esseri senzienti

non sono altro che la Mente Unica,

all’infuori della quale non esiste nulla.

 

                         Huang-Po

 

 

 

 

Tra tutte le miniere, la propria viene scavata per ultima.

 

                                  Friedrich W. Nietzsche

 

 

 

 

Dal vento della sera

alla mano che si posa sulla mia spalla,

ogni cosa ha la propria verità.

 

                                      Albert Camus

 

 

 

 

Il non-sapere mette a nudo.

 

                   Georges Bataille

 

 

 

 

Nessuno sa da dove la creazione sia iniziata;

e se Lui l’abbia prodotta o no.

Colui che la scruta dal più alto dei cieli,

Lui solo sa, o forse neanche Lui.

 

                           Rg-Veda

 

 

 

 

Siete fondamentalmente completi sotto ogni aspetto.

 

                                         Huang-Po

 

 

 

 

Ci credo perché è assurdo.

 

                   Tertulliano

 

 

 

 

Se il mondo vi attira e se sapete nello stesso tempo che tale desiderio è solo una forma di vanità, può darsi che ciò vi impedirà di entrare nell'arena. Tuttavia, giorno e notte, sarete oscuramente tormentati dal desiderio. Questo inconscio tormento non sarà che sterile ipocrisia. Gettatevi nel mondo e quando avrete conosciuto le sue gioie e le sue pene, verrà il tempo della rinuncia. Abbandonatevi perciò ai vostri desideri e presto comprenderete la loro vanità. Ma finché non avrete ceduto, finché non avrete provato voi stessi il peso delle cose, vi sarà impossibile rinunciare a voi stessi e conquistare la serenità.

 

                                                                     Principessa Brinda di Kapurthala

 

 

 

 

Due draghi litigano per una pietra preziosa.
Quale dei due riuscirà ad averla?
A quello che perde non manca nulla,
quello che vince non ne ha bisogno.

                                Joshu



Il nostro generale istinto di cercare e di imparare ci spingerà, com'è ragionevole, a indagare nella natura dello strumento che usiamo per ricercare.

                                                                 Plotino (Enneade IV, 3, 1)



Chiama il mondo, ti prego, la valle del fare anima.
Allora scoprirai a che serve il mondo.

                                                 Keats


 

Mantra significa riflettere sul non divenire.

                              J. Krishnamurti



L'uomo ha libero arbitrio fino ad un certo punto. Egli può decidere se rilassarsi ed arrendersi alla volontà del Supremo o seguire caparbiamente le inclinazioni personali, ma la felicità si trova nel primo e non nel secondo modo di vivere. Il nostro massimo appagamento ci verrà sicuramente come risultato del completo abbandono a Dio.

 

                                                                                            Mere




Quando l'Illuminazione è compiuta, un Bodhisattva è libero dalla schiavitù delle cose, ma non cerca di essere liberato dalle cose. Il Samsara non è odiato da lui né egli ama il Nirvana. Quando raggiunge la perfetta illuminazione, essa non è né schiavitù né liberazione.

 

                                                                                    Huang-Po




Come i piccoli organismi che vivono nell'acqua non possono fare a meno di quell'elemento,
così l'universo esiste in te e non può farne a meno.

 

                                                                        Nisargadatta Maharaj

 


Quando quest'Anima cercava Dio, non sapeva che Dio è dappertutto:
se l'avesse saputo, non l'avrebbe cercato.

 

                                                 Margherita Porete




La medicina è in te, e non la usi, la malattia viene da te stesso e non te ne accorgi.

 

                                                                           Hazrat Alì

 

 

Proprio perché la verità non é lineare ma globale, e perché non è successiva ma simultanea, non può essere espressa a parole: bisogna viverla.

                                                                                      Mere

 


Ciò che tu sei interiormente godrai al di fuori, non c'è meccanismo che possa riscattarti dalla legge del tuo essere.

 

                                                                            Aurobindo

 

 

 

 

Si può dire, con la medesima esattezza, che tutto è divino e che niente lo é. Dipende dal punto di vista da cui si considera il problema. Negare o affermare l'esistenza di Dio sono due punti di vista egualmente veri, ma ciascuno lo è solo parzialmente: solo mettendosi contemporaneamente al di sopra dell'affermazione e della negazione ci si può avvicinare alla verità.
Si può anche dire che tutto quanto succede nel mondo è il risultato della volontà divina, come pure che tale volontà dev'essere espressa e manifestata in un mondo che la contraddice e la deforma; si tratta di due atteggiamenti da cui consegue in pratica, rispettivamente, un sottomettersi in pace e con gioia a tutto quello che succede oppure invece un lottare senza tregua per far trionfare ciò che deve essere. Per vivere la verità, bisogna saper innalzarsi al di sopra di entrambi questi atteggiamenti e conciliarli tra loro.

 

                                                                                           Mere

 

 

 

 

La meditazione è la mente che si libera dal conosciuto. La preghiera si muove dal conosciuto al conosciuto; può ottenere dei risultati ma è sempre nel campo del conosciuto, e il conosciuto è il conflitto, l'infelicità e la confusione. La meditazione è la negazione assoluta di tutto ciò che la mente ha accumulato. Il conosciuto è l'osservatore, e l'osservatore vede solo attraverso al conosciuto. L'immagine appartiene al passato e la meditazione è la fine del passato .

 

                                                                                        J. Krishnamurti

 

 

 

 

Ci sono tre differenti uomini in ogni singolo individuo: il primo pensa soltanto, il secondo percepisce soltanto, il terzo vive soltanto tramite il suo istinto e le sue funzioni motorie. In ogni individuo esiste perciò un uomo logico, un uomo emotivo e un uomo fisico. Questi tre in uno non si possono comprendere tra loro e inoltre, coscientemente ma anche incoscientemente, essi si censurano a vicenda; ma quando è il momento di agire ognuno di loro si dimentica degli altri due e dice con autorità "IO". Se osserviamo il lavoro di questi tre centri, noteremo che esso è disarmonico, perché questi centri si contraddicono, sono divisi. Si comprende perciò come l'uomo non possa essere il padrone di sé stesso, perché egli non può controllare il lavoro dei suoi centri. Non sa neppure quale dei suoi centri sta per entrare in funzione. Non ci accorgiamo di ciò perché ci illudiamo che esista una specie di unità tra i nostri vari "Io" .

 

                                                                                               Gurdjieff

 

 

 

 

Ama la natura e lavora con lei e la natura ti considererà uno dei suoi creatori e ti renderà obbedienza e aprirà dinnanzi a te le porte delle sue camere segrete e scoprirà al tuo sguardo i tesori nascosti nel suo puro virgineo seno. Incontaminata dalla mano della materia, essa mostra i suoi tesori soltanto all'occhio dello spirito, l'occhio che mai non si chiude, l'occhio per il quale non ha velo nessuno dei suoi regni. Allora ti mostrerà essa i mezzi e la via, la prima porta e la seconda, la terza e fino alla settima oltre la quale stanno, immerse nel solare splendore dello spirito, glorie inespresse non viste che dall'occhio dell'anima.

 

                                                                                  La Voce del Silenzio

 

 

 

 

Ogni esperienza vissuta è occulta, mentre è scientifico

ogni accertamento che non ha valore di esperienza.
 

                                                     H. Hesse

 

 

 

 

Non vi è azione al mondo che possa esser classificata come peccato o virtù, poiché essa diviene l'uno o l'altra, secondo il suo rapporto all'anima che la compie.

 

                                                                                        Gurdjieff

 

 

 

 

Il vero significato dei precetti non è solamente che uno deve astenersi dal bere alcool,

ma anche dall'essere ubriaco di nirvana.

 

                                                                        Bassi

 

 

 

 

"Perché diavolo è accaduto che io sia?"

Nessuno inquisisce su questo, ognuno lo dà per scontato.

 

                                             Latriplice4

 

 

 

 

La luce, sebbene passi attraverso l'impurità, non è impura.

 

                                                   Agostino

 

 

 

Se sei intenzionato a parlare, chiediti sempre: è vero, è necessario, è gentile?

 

                                                                            Buddha

 

 

 

 

Il problema è che l'ego può convertire qualsiasi cosa per i suoi comodi, anche la spiritualità.

L'ego prova continuamente ad assorbire e applicare gli insegnamenti spirituali per i suoi scopi.

 

                                                                                           Chogyam Trungpa

 

 

 

 

Non credere che sarai sicuramente consapevole della tua propria illuminazione.

 

                                                                             Dogen

 

 

 

 

Non vale la pena avere la libertà se non prevede anche la libertà di sbagliare.

 

                                                                    Gandhi

 

 

 

 

I risultati spirituali hanno un costo elevato, anche se mai quanto valgono.

 

                                                            Evelyn Underhill

 

 

 

 

Un cane non viene considerato un bravo cane perché abbaia bene.

Un uomo non viene considerato un brav'uomo perché è un buon oratore.

 

                                                               Chuang Tzu

 

 

 

 

In un affare commerciale, se il tuo socio rifiuta di consegnare la merce o non la consegna affatto, il rapporto d’affari si incrina. Ma nel campo della religione è possibile farla franca facendo semplicemente delle promesse, e non consegnando affatto la merce. Non riesco a capire come sia possibile credere a una cosa simile. È un inganno che dura da secoli.

 

                                                                             U.G. Krishnamurti


 

 

Nessuno dipende dagli uomini per ciò che concerne i doni di Dio per la redenzione e la liberazione.

Se vi ritenete legati, allora è questa illusione che vi lega. Se, cercando la Luce, vi credete fondamentalmente dipendenti da altri, è tale illusione a rendervi dipendenti; se trovate sbarrato il vostro cammino verso la liberazione, allora è l’illusione del vostro io che vi incatena.

L’anima umana è e rimane un essere autonomo, in qualsiasi situazione si trovi a vivere.

 

                                                                    Jan van Rijckenborgh

 

 

 

 

Per l’uomo dialettico, abituato alla legge naturale dei contrari, la libertà è l’opposto della sottomissione, quindi corrisponde alla licenza; per il trasfigurista invece la libertà è l’ascesa autonoma alla realtà divina nella sottomissione alla legge, alla ragione e al cosmo.

 

                                                                    Jan van Rijckenborgh

 

 

 

 

Io sono stato tutto quanto è dissacrante;

se Dio può lavorare attraverso di me può farlo con chiunque.

 

                                             Francesco d'Assisi

 

 

 

 

La natura della pioggia è sempre la stessa,

ma fa crescere le spine nelle paludi e i fiori nei giardini.

 

                                                   Detto arabo

 

 

 

 

Un santo è tale finché non viene a saperlo.

 

                                     Rumi

 

 

 

 

La vita è un banchetto, e la tragedia è che

la maggior parte della gente sta morendo di fame.

 

                                Anthony De Mello

 

 

 

 

Continuare ad affermare ciò che si crede è un'indicazione di paura.

 

                                                     J. Krishnamurti

 

 

 

 

Ciò che lo scienziato chiama Infinito, l'artista chiama Amore

e il religioso chiama Dio, sono tutti Uno.

 

                                              Hazrat Inayat Khan

 

 

 

 

Quando un essere stupido sta facendo qualcosa di cui si vergogna,

dichiara sempre che è il suo dovere.

 

                                                   George Bernard Shaw

 

 

 

 

Ci sono solo due errori che si possono fare nel cammino verso il vero:

non andare fino in fondo e non iniziare.

 

                                                            Buddha

 

 

 

 

La famiglia di cinque componenti si stava godendo la sua giornata in spiaggia. I bambini stavano facendo il bagno nell’oceano e stavano costruendo dei castelli di sabbia quando una vecchina apparve da lontano.

I suoi capelli grigi venivano scompigliati dal vento e i suoi vestiti erano sporchi e logori. Stava borbottando qualcosa tra sé e sé mentre raccoglieva cose dalla spiaggia e le metteva in una borsa.

I genitori richiamarono i bambini e gli dissero di star lontani dalla vecchia. Mentre passava, piegandosi di tanto in tanto per raccogliere delle cose, sorrise alla famiglia. Ma il suo saluto non fu ricambiato.

Molte settimane dopo essi appresero che la vecchina aveva condotto tutta la sua vita in una crociata per raccogliere pezzi di vetro sulla spiaggia così che i bambini non si tagliassero i piedi.

 

                                                                               Anthony De Mello

 

 

 

 

La natura non fa tante chiacchiere, eppure fa tutto quanto.

 

                                                  Lao-Tzu

 

 

 

"La sottile connessione tra soggettività e la espressione oggettiva che si tramuta in manifestazione è l'immaginazione."

L'Albero di Metatron è il tentativo di descrivere una unità coscienziale secondo i parametri della mente che deve separare e opporre per capire, gli stessi parametri che se sopravvalutati conducono inevitabilmente alla dimenticanza di sé, a quel senso di separazione, causa di conflitto e smarrimento.

Scambiare le apparenze per realtà assimilando la tua vera ed immutabile natura ad oggetti transitori (corpo-emozioni-pensieri), introduce una falsità tale da condizionare il tuo essere e la tua percezione del mondo:

"Tu vedi il mondo attraverso l'idea che hai di te stesso."

Ora poniti questa domanda: un uomo debole, in balia delle proprie passioni, tormentato dai sensi di colpa, che mondo può creare? Naturalmente il suo mondo sarà soltanto il riflesso di se stesso, costruito su sensazioni e opinioni, di attrazioni e repulsioni, di importanze e motivazioni, un mondo mentale nel suo insieme.

Nel definirti ti sei limitato, e in questa limitazione è nato il senso di separazione (ego) che ti ha allontanato dal tuo stato indifferenziato, rendendoti carente e unilaterale, il terreno fertile dal quale germoglia il desiderio come tentativo di colmare l'abisso creatosi e di ricomporre l'unità originaria.

La tua mente sollecitata dal desiderio ha proiettato una struttura spazio-temporale (matrice) allo scopo di riconoscersi e trovare appagamento, una brama così intensa, tale è la forza di anelare alla fonte, da creare un intero universo:

"Ogni persona vive in un suo mondo che rispecchia i suoi desideri."

Il problema nasce dal fatto che hai definito e quindi limitato te stesso, e in conseguenza a questo sei sospinto dai desideri nell'illusione di trovare la compiutezza, e di porre fine al tuo continuo peregrinare da un oggetto all'altro.

La soluzione è nel realizzare che il mondo così come lo conosci è un sogno, che tu stavi sognando, e che il desiderio stesso ha plasmato la tua prigione. Compreso questo sei sveglio.

Ricordati:

"Il colore blu del cielo non è nel cielo che per sua natura è incolore, ma nella tua mente".

 

                                                                                         Metatron

 

 

 

 

"Ciò che la mente inventa, la mente distrugge. Ma il reale non è inventato e non può essere distrutto". La maggior parte di noi si identifica con il corpo-mente, ma che cosa è questo corpo-mente? Non viene dal seme del padre e dall'ovulo della madre? Quindi il corpo è il prodotto del cibo consumato ed è sostenuto dal cibo che è l'essenza dei 5 elementi.

Possiamo essere questo? Senza coscienza il corpo è materia morta, e quando la coscienza lascia il corpo non c'è individuo, non c'è il mondo e non c'è Dio. La coscienza può essere consapevole di se stessa solo quando si manifesta in forma fisica. La coscienza è latente in ogni briciola di cibo, in tutti i cinque elementi; essa è universale, impersonale, onnipervasiva. Tutto è coscienza e questo è ciò che siamo attualmente; essa agisce attraverso le forme secondo la combinazione degli attributi caratteriali e secondo i condizionamenti ricevuti. Cosa accade quando una di queste forme "muore"? La forma torna a far parte dei 5 elementi e la coscienza si fonde nella coscienza universale .

Questo è tutto il processo del divenire, il gioco della consapevolezza. Prima che venisse questa forma, cos'ero? Questo è ciò che siamo veramente. Quell'Assoluto, l'eterno "IO", l'Essere assolutamente incondizionato, senza tempo, senza spazio, inconsapevole di essere (perché non c'è altro). "Io sono ciò che sono, come sono sempre stato e come sempre sarò, per l'eternità".

 

                                                                                           Latriplice4

 

 

Quando non hai niente, non hai niente da perdere.

 

                                            Bob Dylan

 

 

 

Io vi spiego ciò che concerne l'illuminazione, ma non tentate di fissare la vostra mente su questo.

Volgetevi semplicemente verso l'oceano della vostra essenza e sviluppate un pratico accordo con la sua natura.

 

                                                                          Yangshan

 

 

 

 

Quando risplendi di luce, l'oscurità scompare.

Potremmo credere che si tratti di una sorta di lotta tra la luce e l'oscurità,

ma in realtà è un abbraccio.

 

                                                     Thich Nhat Hanh

 

 

 

 

Cos'è davvero tuo, dunque?

Il tuo comportamento di fronte alle rappresentazioni.

 

                                               Epitteto

 

 

 

 

Può l’essere felice aumentare con il tempo,

visto che esso riguarda sempre il presente?

 

                                     Plotino

 

 

 

 

La luce di un attimo vale più che una eternità di tenebra.

 

                                              Filone d’Alessandria

 

 

 

Dio è anonimo.

 

         NowHere

 

 

 

Il mondo non dev'essere messo in ordine, il mondo è l'ordine incarnato.

Sta a noi porci in unisono con questo ordine.

 

                                                   Henry Miller

 

 

 

 

La conoscenza di Dio non si può ottenere cercandola;

tuttavia solo coloro che la cercano la trovano.

 

                                            Bayazid al-Bistami

 

 

 

 

Chi non cerca è addormentato, chi cerca è un accattone.

 

                                                 Yun Men

 

 

 

 

Se vivo secondo una tradizione tradisco il presente.

 

                                         J. Krishnamurti

 

 

 

 

Il sommo sacerdote non farà ingresso nel Sancta Sanctorum in abito talare, ma, dopo aver spogliato l’Anima della tunica della opinione e della rappresentazione, lasciandola a coloro che prediligono le realtà esteriori e stimano l’opinione in luogo della verità, entrerà “nudo, senza vesti colorate e senza rumore, a versare a mo’ di sacrificio, il sangue dell’Anima e a bruciare l’intelletto intero, per offrirlo a Dio Salvatore e Benefattore”.

 

                                                                                      Filone d’Alessandria

 

 

 

 

Quasi tutti i nostri errori sono più perdonabili dei metodi che inventiamo per nasconderli.

 

                                                                         La Rochefoucauld

 

 

 

 

Chi ha cuore possiede le lacrime per sciogliere il Mondo.

 

                                                Bruno Franchi

 

 

 

Nel ’96, senza che ne avessi fatto richiesta, violente scosse interiori hanno improvvisamente fatto cedere il terreno dove poggiava la mia vita di certezze ed abitudini, facendomi precipitare in una remota e tenebrosa zona della mia mente di cui non sospettavo l’esistenza.

Quando ho, lentamente, avuto il coraggio di riaprire gli occhi e gettare uno sguardo intorno, con enorme stupore mi sono reso conto che ciò che mi circondava completamente era… amore!

Una sconfinata, eterna distesa d’amore…

 

                                                                                                  Roberto

 

  

 

Un uomo non impara nulla se non lo ama.

 

                                        Goethe

 

 

 

 

L’uomo sta cercando il segreto della vita.

La vita sta aspettando che l’uomo viva.

 

                              Bruno Franchi

 

 

 

 

Come posso parlare ai miei amici di ciò che mi preoccupa? Alcuni – come me – cercano, ma io non riesco a spiegare loro cosa mi attira verso la Rosacroce.

Voi potete soltanto parlare di ciò che state vivendo. Una saggezza teorica non porterebbe a nulla, né a voi né ai vostri amici. È abbastanza facile distinguere se qualcuno vuole imparare veramente qualcosa dalla Scuola, o se si tratta di semplice curiosità. Ho iniziato la mia carriera di lavoro come segretario di redazione nel ramo pubblicitario. Il mio capo e io avevamo il tempo di chiacchierare, e gli rivolgevo continue domande sui perché della vita. Potevo intrattenerlo per ore con tutto ciò che avevo scoperto. Lui una volta disse: «Se questa è la tua idea, vai a dare un’occhiata alla Rosacroce d’Oro», senza rovesciarmi addosso una valanga di citazioni e di frasi erudite.

Le sue risposte stimolavano e chiarivano le mie aspirazioni.

Un giorno seguii il suo consiglio. Cercai l’indirizzo della Scuola Spirituale e ci andai: fu il mio capo ad aprirmi la porta!

 

                                                                    Tratto da Pentagramma (Lectorium Rosicrucianum)

 

 

 

 

L'uomo è più vicino a se stesso quando ha la serietà di un bimbo mentre gioca.

 

                                                                      Eraclito

 

 

 

La nostra concezione di tempo, di morte e di cosmo sono

un inganno della parola umana, al quale siamo soggetti senza saperlo.

 

                                                     Davide Colonnari

 

 

 

 

Se vivessimo i nostri sogni, non li sogneremmo ogni notte.

 

                                            Bruno Franchi

 

 

 

 

Eccolo qui – proprio ora.

Inizia a pensarci e lo perdi.

 

                   Huang-Po

 

 

 

 

La Compassione e la Carità trovano senso proprio in quella Consolazione che gli afflitti hanno, nell'Eredità che i miti ricevono, nella Giustizia che i perseguitati subiscono, perché non con la ribellione si entra nel  Regno ma con la Povertà dell'Affidarsi, quando tutto è perduto, quando solo il Vuoto rimane per poter accogliere l'Amore.

Ma quando sei quel Vuoto e l'Amore ti riempie, lo sguardo si fa trasparente, gli occhi lucenti, il sorriso estatico, tanto da poter dire "Sono Felice perché Sei in me, con me e nulla più mi potrà essere tolto… perché ho il Tuo Amore... Sono il Tuo Amore.

 

                                                                                               Yaris

 

 

 

 

Perché lavate l'esterno della tazza?

Non pensate che Colui che ha fatto l'interno è anche Colui che ha fatto l'esterno?

 

                                                                Gesù Cristo

 

 

 

 

La guarigione è toccare con amore ciò che prima toccavamo con paura.

 

                                                           Stephen Levine

 

 

 

 

Non possediamo un ego.

Siamo posseduti dall’idea di averne uno.

 

                             Wei Wu Wei

 

 

 

 

I buddha del passato e del futuro parlano soltanto di questa mente.

La mente è il buddha. E il buddha è la mente.

Oltre la mente il buddha non esiste. E oltre il buddha non esiste alcuna mente.

Se tu pensi ci sia un buddha oltre la mente, dov’è?

Non c’è alcun buddha oltre la mente, quindi perché immaginarne uno?

Tu non puoi conoscere la tua vera mente finché inganni te stesso.

Finché sei affascinato da una forma senza vita, non sei libero.

Se non mi credi, ingannare te stesso non ti è di alcun aiuto.

Non è colpa del buddha. La gente, tuttavia, è ingannata.

Essi sono inconsapevoli che la loro stessa mente è il buddha.

Altrimenti, non cercherebbero un buddha al di fuori della mente. 

 

                                                    Bodhidharma

 

 

 

 

Sapete cosa mi ha più sorpreso del mondo? L'incapacità di forzare la creazione di qualsiasi cosa. Alla lunga, la spada viene sempre battuta dallo spirito.

 

                                                                             Napoleone Bonaparte

 

 

 

 

Una miriade di bolle stavano galleggiando sulla superficie di un’onda.

«Chi siete?» gridai loro mentre venivano trascinate dalla corrente.

«Sono una bolla, naturalmente» rispose quasi una miriade di bolle, e c’era sorpresa e indignazione nelle loro voci mentre passavano.

Ma, qua e là, alcune bolle solitarie rispondevano: «Siamo questa corrente», e non v’era né sorpresa né indignazione nelle loro voci, ma solo una quieta certezza.

 

                                                                                 Wei Wu Wei

 

 

 

 

Continuiamo a credere che siamo separati. Non lo siamo – neanche per un solo istante.

Lascia andare l'idea della separazione e sparirà la paura della morte.

Se diventi uno con il tutto, vivrai per sempre, sarai al di là della nascita e della morte.

 

                                                                                 Osho

 

 

Se c'è sempre il sole si crea il deserto.

 

                        Proverbio Arabo

 

 

 

 

Non siamo forse vespe che trascorrono tutto il giorno nell’infruttuoso tentativo di attraversare il vetro, mentre l’altra metà della finestra è spalancata?

 

                                                                                 Wei Wu Wei

 

 

 

 

Il contatto con la consapevolezza dell'Assoluto può giungere solo quando la mente sta digiunando, quando il processo di concettualizzazione è definitivamente terminato.

Quando la mente si abbuffa, la Realtà scompare.

Quando la mente digiuna entra la Realtà.

 

                                                                                Ramesh Balsekar

 

 

 

 

Ci prepariamo sempre per vivere, ma non viviamo mai.

 

                                            Ralph Emerson

 

 

 

 

Se vuoi un'illuminazione speciale, osserva un viso umano;

guarda profondamente dentro una risata e riconosci l'essenza della Verità.

 

                                                                         Rumi

 

 

 

 

Spiega le tue ali, o Grande Anima

Airone di fuoco!

Destati dal sonno che ti limita

In un sogno che ti vuole prigioniera!

Spiega il tuo furore, o Grande Anima,

dissolvi la gabbia arrugginita di un mondo ingiallito

e vola negl’infiniti spazi del tuo cuore.

 

NowHere

 

 

 

C'è un evoluzione comune a tutti i cercatori? Passiamo tutti attraverso gli stessi stadi?

I buddisti posseggono un eccellente compendio non solo di come un illuminato vede il mondo, ma di come è giunto a vederlo così. Si parla di tre stadi di comprensione. Il primo è la visione individuale ancora coinvolta, il secondo è un certo grado di comprensione, e il terzo è la comprensione totale.

All'inizio le montagne e i fiumi sono visti come montagne e fiumi. Cioè un soggetto individuale vede un oggetto. È il coinvolgimento, la visione della persona ordinaria.

Poi, le montagne e i fiumi non sono più visti come montagne e fiumi. Gli oggetti sono visti come riflessi oggettivati del soggetto. Sono percepiti come oggetti illusori nella Coscienza, e perciò irreali.

Infine, le montagne e i fiumi sono visti di nuovo come montagne e come fiumi, Il risvegliato li vede cioè come Coscienza stessa che si manifesta in forma di montagne e di fiumi. Soggetto e oggetti non sono più separati.

In questa immagine, le montagne e i fiumi corrispondono al mondo nella sua interezza, compresi gli uomini. L'individuo coinvolto vede  gli oggetti come un soggetto individuale che percepisce oggetti. Gli oggetti o gli eventi percepiti producono in lui reazioni, cioè l'organismo individuale reagisce alle cose viste.

Nel secondo stadio, con la comprensione che tutto e' un sogno irreale, la visione cambia e s'incomincia a vedere che nessun evento in realtà importa. Le cose sono irreali perché viene trascesa l'apparenza. Anche l'apparenza è qualcosa che accade nella Coscienza. Questa comprensione reca una tale gioia che è difficile tenersela per sé, e si vorrebbe gridare al mondo: "È tutto irreale!". Tentando di comunicare agli altri l'irrealtà del mondo, si vorrebbe cambiare il mondo, cambiare il modo di percepire degli altri. Non si comprende ancora che il cambiamento deve venire dall'interno. Così, nel tentativo di cambiare il mondo, continuiamo a crearci problemi. Questi problemi, che nascono nel secondo stadio, scompaiono nel terzo.

Nel terzo stadio, gli oggetti non sono visti da un individuo, né da un oggetto che vede un altro oggetto, né da un soggetto che vede un oggetto. Il vero percettore è compreso come ciò che ha creato l'apparenza e che la percepisce (e che non c'è una reale causa dell'esistenza del mondo). Le due cose sono una sola. A questo stadio c'è la COM-PRENSIONE che il mondo non solo è irreale, ma che è anche reale. È irreale nel senso che dipende dalla Coscienza per la sua esistenza, non ha una esistenza propria.

Il mondo esiste solo in quanto conosciuto dalla Coscienza. Se tutti gli uomini e gli animali diventassero improvvisamente incoscienti, chi potrebbe ancora dire che c'è il mondo? Non solo il mondo non apparirebbe, ma non esisterebbe.

La comprensione finale è l'Essere. Non si tratta di vedere alcunché. Tutto è apparenza, e questa apparenza è vista attraverso lo strumento dell'organismo, attraverso i sensi, senza un individuo che vede. Se si continua a dire: "Vedo le montagne", lo si dice solo in virtù della presenza della Coscienza. Infatti le montagne sono viste dalla Coscienza, che è nello tempo le sue apparenze.

La Totalità della manifestazione è un'apparenza creata dalla Coscienza nella Coscienza.

(Per spiegare il "reale" e l'"irreale" viene spesso usata l'analogia dell'ombra. Un'ombra è irreale, nel senso che la sua esistenza dipende dal sole. In quanto ombra, però, è reale. Quindi è reale e irreale nello stesso tempo. La manifestazione dipende per la sua esistenza dalla Coscienza. La Coscienza è intrinseca a ogni oggetto della manifestazione. La Coscienza trascende la manifestazione, ma vi è immanente. La manifestazione è contenuta nella Coscienza).

 

                                                                                                  Latriplice4

 

 

 

 

In verità, fremo per il mio paese quando rifletto che Dio è giusto.

 

                                             Thomas Jefferson

 

 

 

Quando il ricco dichiara guerra, è il povero che muore.

 

                                     Jean-Paul Sartre

 

 

 

 

Se gli stupidi persistessero nella loro stupidità, diverrebbero saggi.

 

                                                    William Blake

 

 

 

 

"Chi accetta realisticamente una trasformazione che è regresso e degradazione, vuol dire che non ama chi subisce tale regresso e degradazione, cioè gli uomini in carne ed ossa che lo circondano. Chi invece protesta con tutta la sua forza, anche sentimentale, contro il regresso e la degradazione, vuol dire che ama quegli uomini in carne ed ossa. Amore che io ho la disgrazia di sentire, e che spero di comunicare anche a te".

 

                                              Pier Paolo Pasolini, 27 Marzo 1975, "Lettere Luterane"

 

 

 

 

In un certo senso, l'elogio migliore di Dio è la negazione della sua esistenza da parte dell'ateo, il quale pensa che la creazione è talmente perfetta che non necessita di un creatore.

 

                                                                            Marcel Proust

 

 

 

 

Ogni volta che vuoi fare esperienza del vuoto, questo è disponibile.

 

                                                           Ken Wilber

 

 

 

 

Poiché la verità non può essere espressa accuratamente a parole, non ha senso interrogare l'opinione di un uomo sulla verità con un'altra collezione di parole.

 

                                                                         Ramana Maharshi

 

 

 

 

La materia è energia e l’energia è un aspetto della mente.

 

                                               NowHere

 

 

 

Tra qualche anno sapremo se dovremo ammettere che viviamo in un universo che contiene totalmente se stesso, senza un inizio né una fine.

 

                                                                               Stephen Hawking

 

 

 

L’universo è, così, un infinito immobile. Una è la possibilità assoluta, una è la realtà, una è la forma o anima, una è la materia o corpo. Una è la causa, uno è l’essere. Uno è il supremo e l’eccellente che non si potrà mai comprendere al meglio, per la semplice ragione che esso è indeterminabile e illimitato; di conseguenza assoluto e indeterminato, quindi immobile.

[…]

I mondi, i sistemi cosmici, sono in perpetuo movimento, mutevoli e transitori. Solo l’energia creatrice, da cui tutto procede, è eterna. Eterna è anche la forza originale che opera in ogni atomo. Ma tutto ciò che ha una forma, comprese le costellazioni, è soggetto alla legge del cambiamento.

 

                                                                               Giordano Bruno

 

 

 

 

Fiducia non vuol dire aver fiducia in qualcosa, ma è il restare nello stato di fiducia, libero dalla competizione o dal desiderio di primeggiare. Questo è uno stato incondizionato, nel quale semplicemente possiedi una disposizione d’animo stabile che non ha bisogno di alcun punto di riferimento.

Non c’è spazio per il dubbio; proprio la questione del dubbio non si pone. Questo tipo di fiducia ha in sé gentilezza, perché il concetto di paura non sorge; vigoria,  perché nello stato di fiducia c’è una assidua pienezza di risorse; e gioia, perché la fiducia nel cuore porta un gran senso dell’umorismo.

Questa fiducia si può manifestare come regalità, eleganza, e ricchezza nella vita della persona.

 

                                                                            Chogyam Trungpa

 

 

 

 

È quando un uomo smette di fare ciò che deve fare e inizia a fare ciò che gli piace, che viene rivelato il suo carattere.

 

                                                                                   Lin Yutang

 

 

 

 Se si guarda negli occhi un animale, tutti i sistemi filosofici del mondo crollano.

 

                                                                Luigi Pirandello

 

 

 

L'uomo è l'unico animale che arrossisce, ma è anche l'unico che ne ha bisogno.

 

                                                                        Mark Twain

 

 

 

 L'uomo ha grande discorso, del quale la più parte è vano e falso.

Gli animali l'hanno piccolo, ma è utile e vero. È meglio la piccola certezza che la grande bugia.

 

                                                                              Leonardo Da Vinci

 

 

 

 

Questo dolore è il pungiglione del rimorso e possiamo dire che il rimorso è una virtù. Il rimorso assomiglia a un cigno che non osa alzarsi in volo perché la coscienza della sua caduta lo trattiene ancorato alla Terra. Però, disgustato da essa, cerca l’acqua: l’acqua formata dalle lacrime versate a causa del rimorso. Nell’acqua, il cigno cerca di purificarsi per diventare simile alla candida innocenza.

[…]

Anche se l’errore e il peccato sono la causa del rimorso, io conferisco all’anima il nome della rosa purpurea che cresce tra le spine acuminate. Le assegno il nome di scintilla di luce che, scaturendo da una dura selce, s’innalza fino al Sole con il quale è intimamente imparentata.

 

                                                                                    Giordano Bruno

 

 

 

 

 

Quanto più ti opponi al destino, tanta più forza gli dai per il suo compimento.

 

                                                                     NowHere

 

 

 

 

 

Immagina che non ci sia il paradiso.

È facile se ci provi.

Nessun inferno sotto di noi.

Sopra di noi solo il cielo.

Immagina tutta la gente vivere per l'oggi...

 

John Lennon

 

 

 

 

La vita abita tutte le stelle.

Esse amano seguire insieme

il puro cammino che si sono scelte.

 

                          Goethe

 

 

 

Pensate che siano parole

questi tratti verticali? Queste curve,

questi angoli, questi punti?

No, non sono parole,

le parole colme di sostanza sono nella

terra e nel mare,

esse sono in ciò che è, esse sono in voi.

 

                         Walt Whitman

 

 

 

 

Secondo quanto già detto, quando soggiornai – come Pegaso – nelle regioni cele_sti, capitò più volte che sentissi una gran voglia di ridiscendere nelle sfere inferio_ri... Anestetizzato da un nettare e diretto dal destino verso la terra, fui rinviato per lavorare sino allo sfinimento: una volta come filosofo, altre volte come poeta, altre ancora come maestro di scuola. Ritornai, allora, nel_la mia dimora celeste e scrissi le mie esperienze in un libro. Così, alla fine apparve un’intera biblioteca, che lasciavo dietro di me quando andavo a dimorare per un periodo di tempo sulla terra. Sono notevoli i ricordi della mia vita ai tempi di Filippo il Macedone (359 – 336 a.C.), sotto il regno del qua_le mi incarnai sotto il nome di Nicomaco.

 

                                                                                Giordano Bruno

 

 

 

 

Sviluppati per raggiungere una grandezza senza misura, elevati al di sopra di tutti i corpi, trascendi il tempo, diventa eternità. Allora comprenderai Dio. Compenetrati dell’idea che nulla è impossibile. Considerati immortale e in grado di comprendere tutto: le arti, le scienze, la natura di tutto ciò che vive. Sii più elevato di qualunque altezza e più profondo di ogni profondità... allora comprenderai Dio.

 

                                                                                Ermete Trismegisto

 

 

 

 

Voi pregate nella necessità e nel bisogno, dovreste pregare anche nella pienezza della gioia e nei giorni di abbondanza.

 

                                                                                    Kahlil Gibran

 

 

 

 

Cosa ha imparato l'albero dalla terra per essere in grado di parlare con il cielo?

 

                                                                 Pablo Neruda

 

 

 

Subhuti chiese: "È la saggezza perfetta al di là del pensiero? È inimmaginabile e assolutamente unica ma ciò nonostante raggiunge l’irraggiungibile ed ottiene l’inottenibile?"

Buddha rispose: "Si, Subhuti, è esattamente così. E perché la perfetta saggezza è oltre il pensiero?

È  perché tutti i suoi punti di riferimento non possono essere pensati ma possono essere afferrati.

Una è la scomparsa della persona conscia di sé nella pura presenza. Un altro è il semplice risveglio alla realtà. Un’altra è la conoscenza dell’essenza senza essenza di tutte le cose del mondo.

E un’altra è la luminosa conoscenza che conosce senza il conoscente.

Nessuno di questi punti può sostenere il pensiero ordinario perché essi non sono oggetti o soggetti. Essi non possono essere immaginati o toccati o avvicinati in nessun modo da nessun modo di coscienza ordinario, quindi essi sono oltre il pensiero".

 

                                                                                        Buddha

 

 

 

Per coloro che credono in Dio, la maggior parte delle grandi domande ha trovato risposta.

Ma per quelli di noi che non possono accettare facilmente la formula di Dio, le grandi risposte non restano scolpite nella pietra.

Ci adattiamo a nuove condizioni e scoperte. Siamo flessibili. L’amore ha bisogno di non essere una imposizione o una fede o un giudizio. Io sono il mio stesso Dio.

Siamo qui per disimparare gli insegnamenti della chiesa, dello stato, e del nostro sistema educativo.

Siamo qui per bere birra. Siamo qui per annientare la guerra. Siamo qui per ridere dei contrasti e vivere le nostre vite così bene che la Morte avrà paura di prenderci.

 

                                                                               Charles Bukowski

 

 

 

Lo Zen non confonde la spiritualità con il pensare a Dio mentre uno sta pelando le patate.

La spiritualità Zen è solamente pelare le patate.

 

                                                                             Alan Watts

 

 

 

 

 

Da un errore all'altro uno scopre l'intera verità.

 

                                  Sigmund Freud

 

 

 

 

Sapere esattamente che chi siamo non ci riguarda, che ciò che vogliamo è ciò che non vorremmo, né forse qualcuno ha voluto; sapere tutto questo a ogni minuto, sentire tutto questo in ogni sentimento, non significherà essere straniero nella propria anima, esiliato nelle proprie sensazioni?

 

                                                                               Bernardo Soares

 

 

 

 

Non sono un cristiano né un ebreo né un musulmano, né mormone, poligamo, omosessuale, anarchico o ribelle cinese.

Non credo che per essere religioso nel senso buono e genuino della parola, uno debba distruggere l'amore nella propria vita e diventare rigido e contratto nel corpo e nell'anima.

So che quello che chiamate Dio esiste davvero, ma in un modo diverso da quello che pensate: esiste come l'energia cosmica primordiale dell'universo, come l'amore che c'è nel vostro corpo, come l'onestà e il sentire la natura dentro e intorno a voi.

           

                                                                                  Wilhelm Reich

 

 

 

 

Nulla al mondo è più molle e più debole dell'acqua
eppur nell'abradere ciò che è duro e forte
nessuno riesce a superarla,
nell'uso nulla può cambiarla.
La debolezza vince la forza,
la mollezza vince la durezza:
al mondo non v'è nessuno che non lo sappia,
ma nessuno v'è che sia capace di attuarlo.
Per questo il santo dice:
chi prende su di sé le sozzure del regno
è signore dell'altare della terra e dei grani,
chi prende su di sé i mali del regno
è sovrano del mondo.
Un detto esatto che appare contraddittorio.

 

Lao Tzu

 

 

 

 

 

Solitudine nella folla. In tutta la tua attività diretta all' esterno, resta internamente libero.

Impara a non identificare te stesso con una cosa qualunque.

 

                                                                            Detto Sufi

 

 

 

 

 

Cercate di realizzare la forza che è in voi, cercate di farla uscire; in tal modo vedrete che tutto ciò che fate non viene da voi ma da quella verità che sta dentro voi... perché non siete voi, ma qualcosa all'interno di voi.

 

                                                                                  Sri Aurobindo

 

 

 

 

Se hai ragione non hai bisogno di gridare.


                               Proverbio zen

 

 

 

 

Cerca la verità nella meditazione e non nei libri ammuffiti.

Per cercare la luna guarda il cielo, e non nello stagno.

                                       Proverbio persiano

 

 

 

Che cos'è la vera meditazione? Riassumere tutto – tossire, deglutire, agitare le braccia, muoversi, star fermi, parlare, agire, male e bene, prosperità e onta, guadagno e perdita, giusto e sbagliato – in un solo koan.

 

                                                                                         Hakuin

 

 

 

Le nostre più grandi potenzialità sono spesso distrutte dal desiderio di migliorarci.

La fine del bruco è la nascita della farfalla; la scomparsa del bocciolo è la nascita della rosa; la morte o la distruzione del seme sono il preludio alla nascita del grano.

È durante la notte, nelle ore più oscure, quelle che precedono l'alba, che le piante crescono meglio e più velocemente rispetto a qualsiasi altro momento della giornata.

 

                                                                               William G. Jordan

 

 

 

 

Non andare al giardino dei fiori,

amico, non ci andare.

In te è il giardino dei fiori.

 

                          Kabir

 

 

 

Se la tua mente è fissata su un unico obiettivo, sarà completamente occupata da quell'obiettivo, e nessun’altra attività potrà essere eseguita in modo efficiente.

È essenziale non fissare la mente su alcunché. Non fissandosi in nessun modo la mente potrà essere ovunque.

La Mente Originale è come l'acqua che scorre liberamente, mentre le mente illusa è come il ghiaccio.

C'è un passaggio nel Sutra del Diamante che dice: "La mente dovrebbe funzionare senza rimanere in alcun posto."

      

                                                                                              Takuan

 

 

Disse: “Dio, fa’ che io non abbia niente che non sia mio…”.

E svanì.

 

                                          Alejandro Jodorowsky

 

 

 

 

Mosse da desideri egoistici, le persone aspirano a fama e gloria. Ma quando le ottengono, sono già avanti negli anni.

Se brami la fama nel mondo e non segui la Via, le tue fatiche vengono applicate nella direzione sbagliata e la tua energia andrà sprecata.

È come bruciare un bastoncino d'incenso. Per quanto venga apprezzata la sua piacevole fragranza, il bastoncino verrà lentamente consumato dal fuoco.

 

                                                                                  Buddha

 

 

 

 

Lo scopo della vita è come un orizzonte: più avanziamo, più si allontana.  

               

                                                    Hazrat Inayat Khan

 

 

 

 

Partirono alla ricerca della Verità. Trovarono chi li stava sognando.

 

                                          Alejandro Jodorowsky

 

 

 

 

D.: Ci sono varie vie all'Illuminazione, anche quella dell'unione con un partner come via al Divino. Lei pensa sia possibile la vera liberazione in quel modo?

P.: Le attività fisiche producono risultati fisici. Le attività mentali producono attività mentali. Le attività sessuali producono bambini. L'illuminazione non è prodotta da nessuna di loro.

 

                                                                                    Poonja

 

 

 

 

Hai dedicato tutta la vita agli altri, e nemmeno un minuto al Sé.

Sei proprietà degli altri. Nasci, e i genitori dicono "mio figlio". Vai a scuola, e diventi "il mio studente". Ti sposi, ed eccoti "mio marito". Hai dei figli , ed eccoti "mio padre".

Rimuovi tutti questi possessi. Non essere proprietà di nessuno.

 

                                                                                 Poonja

 

 

 

 

Il sé della nostra auto-referenza è dovuto a un’intricata gerarchia, tuttavia la nostra coscienza è la coscienza dell’Essere che è oltre la scissura tra soggetto e oggetto. Non v’è altra sorgente nell’universo. Il sé dell’auto-referenza e la consapevolezza della coscienza originale, insieme, producono ciò che chiamiamo auto-coscienza.

In un senso, stiamo riscoprendo l’antica verità. È davvero meraviglioso che implicitamente l’umanità ha sempre saputo che l’auto-coscienza deriva da un’intricata gerarchia. Tale conoscenza, innata presso molte culture, è apparsa in differenti luoghi e tempi nel dipinto archetipo del serpente che si morde la coda.

È l’apparenza del mondo della manifestazione che ci porta verso l’esperienza di un sé o di un soggetto che è separato dagli oggetti dell’apparenza. Cioè, soggetto e oggetto si manifestano simultaneamente nel crollo iniziale dello Stato Quantico del Cervello-mente. Come intuì il poeta romantico John Keats: “Per favore, guarda il mondo/Come una valle del fare anima”.

Senza il mondo immanente della manifestazione non vi sarebbe anima né l’io che sperimenta se stesso come separato dagli oggetti che percepisce.

 

                                                                                      Amit Goswami

 

 

 

 

L’approssimarsi al momento della morte dell’ego potrebbe sembrare come la fine del mondo.

Paradossalmente, mentre solo un piccolo passo ci separa da una esperienza di liberazione radicale, abbiamo una sensazione di ansietà onnipervasiva e di imminente catastrofe di enormi proporzioni. Ci si sente come se stessimo perdendo tutto ciò che noi siamo; allo stesso tempo, non abbiamo alcuna idea di cosa ci sia dall’altra parte, o addirittura se ci sia cosa alcuna. Questa paura porta molte persone a opporre resistenza al processo in questa fase; come risultato, esse possono restare psicologicamente bloccate in questo territorio problematico.

Quando l’individuo supera la paura metafisica incontrata in questo frangente importante e decide di lasciare che le cose avvengano, egli o ella sperimentano un annichilimento totale a tutti i livelli – distruzione fisica, disastro emotivo, sconfitta intellettuale e filosofica, fallimento morale definitivo e persino dannazione spirituale. Durante questa esperienza, tutti i punti di riferimento – tutto ciò che è importante e significativo nella vita dell’individuo – sembra essere distrutto senza pietà.

Immediatamente dopo l’esperienza di annichilimento totale – toccare il fondo cosmico – si è spesso sopraffatti da visioni di luce che ha uno splendore e una bellezza soprannaturale ed è usualmente percepita come divina. Il sopravvissuto di ciò che sembrava l’apocalisse definitiva sperimenta solo secondi dopo fantastiche apparizioni di arcobaleni, forme a coda di pavone, e scene celestiali. Egli o ella si sentono redenti e benedetti dalla salvezza, reclamando le loro nature divine e lo status cosmico. A questo punto, si è frequentemente sopraffatti da un impeto di emozioni positive verso se stessi, gli altri, la natura e la vita in generale.

 

                                                                         Cristina e Stanislav Grof

 

 

 

 

Questo Paese, con le sue istituzioni, appartiene alle persone che lo abitano.

Ogni volta che esse si stancheranno del governo esistente, potranno esercitare il diritto costituzionale di correggerlo, o il diritto rivoluzionario di smembrarlo o rovesciarlo.

 

                                                                      Abraham Lincoln

 

 

 

 

Spesso mi è stato chiesto quale sia, secondo me, il segreto del sorriso del Buddha.

Esso è – e non può essere altrimenti – che il Buddha sorrideva a se stesso, per avere cercato tanti anni ciò che già possedeva.

 

                                                                      Paul Brunton

 

 

 

 

Le menzogne più crudeli vengono spesso dette in silenzio.

 

                                           Adlai Stevenson

 

 

 

 

Non si può raggiungere l’alba se non attraverso il sentiero della notte.

 

                                                       Kahlil Gibran

 

 

 

 

La nostra più grande illusione è la disillusione.

Immaginiamo di essere disillusi dalla vita, quando la verità è che non abbiamo nemmeno cominciato a vivere.

 

                                                                            Paul Brunton

 

 

 

 

L'uomo comune si aggrappa all'oggetto, colui che cerca predilige il cuore.

Chi ha dimenticato entrambi – cuore e oggetto – a questi si manifesta la verità assoluta.

 

                                                                           Huang-Po

 

 

 

 

  

Tu sei una fiamma del fuoco unico che tutto pervade.
Sei in conflitto e vivi la solitudine dell'io perché ti consideri
una fiammella distinta dalla fonte.


Raphael (La Triplice via del fuoco)

 

 

 

 

Il modello operativo della mente Nell' "Atto di Osservare" è quello di stabilire una relazione che di fatto è inesistente, tra un soggetto osservante e un oggetto osservato, che da un attento esame è il processo mentale attraverso il quale, oltre ad alimentare il senso dell'ego, gli oggetti fenomenici traggono origine e giungono in esistenza.

Ne consegue che il nome e la forma che da questo approccio vediamo, siano in verità confinati entro la propria spazialità psichica e che non trovano corrispondenza nella realtà, essendo questa unità indivisibile e non l'effetto di una proiezione mentale.

Ricordati:

La Forma-immagine che hai dell'albero, non è nell'albero ma nella tua mente, la quale non sa cogliere nella pura osservazione l'identica essenza di tutte le cose.

 

                                                                                   Metatron

 

 

 

 

Tutte le irritazioni e tutti i problemi che ci succedono, sono cruciali. Senza gli altri non possiamo ottenere l’illuminazione – in effetti, non possiamo neppure percorrere il cammino.

In altre parole, potremmo dire che se non c’è nessun rumore fuori durante la nostra seduta di meditazione, non possiamo sviluppare l’attenzione. Se tutto fosse amabile - tutto zucchero e miele, non ci sarebbe niente con cui lavorare.

Possiamo scrivere la nostra propria arringa e assumere i nostri avvocati di parte per provare che abbiamo ragione e che qualcun'altro ha torto – ma anche quello è un problema che dobbiamo affrontare. E provare a dimostrare il nostro caso in qualche modo non funziona.

In ogni caso, assumere un avvocato per ottenere l’illuminazione non si fa. Non è possibile. Buddha stesso non aveva un avvocato. Senza gli altri, non avremmo assolutamente nessuna possibilità di evolverci oltre l’ego.

Quindi qui l’idea è di sentirsi grati che gli altri ci presentino degli ostacoli tremendi – persino minacce e sfide. Senza di loro, non potremmo seguire affatto la via.

 

                                                                              Chogyam Trungpa

 

 

 

 

Si deve riporre la propria fede unicamente nella convinzione che questa stessa mente possiede la natura del Dharma.

Quando sorgono dei pensieri, è la natura del Dharma che sorge. Quando i pensieri cessano, è la natura del Dharma che cessa.

 

                                                                                     Zhiyi

 

 

 

Non hai bisogno di lasciare la tua stanza.

Resta seduto al tavolo e ascolta.

Non ascoltare nemmeno, aspetta e basta.

Non aspettare nemmeno, resta immobile e in solitudine.

Il mondo ti si rivelerà spontaneamente, non ha scelta.

Rotolerà in estasi ai tuoi piedi.

 

                                  Franz Kafka

 

 

 

I dubbi sorgono perché non ci siamo arresi.

 

                          Ramana Maharshi

 

 

 

 

È il nemico che può davvero insegnarci a praticare le virtù della compassione e della tolleranza.

 

                                                                                      Dalai Lama

 

 

 

 

Nessuno può dare solo quello che porta dentro.

La domanda dell’altro lo insemina. Il dono si crea in due.

 

                                          Alejandro Jodorowsky

 

 

 

 

Il dubbio entra dalla finestra quando la ricerca trova la porta chiusa.

 

                                                    Benjamin Jowett

 

 

 

 

Se solo fosse così semplice! Se solo da qualche parte ci fossero dei malvagi che stessero compiendo azioni cattive, e bastasse isolarli dal resto di noi e distruggerli!

Ma la linea di confine tra il male e il bene passa attraverso il cuore di ogni essere umano.

E chi desidera distruggere un pezzo del proprio cuore?

 

                                                         Aleksandr Solzenicyn (da “Arcipelago Gulag”)

 

 

 

 

Evitare le superstizioni è una forma di superstizione.

 

                                     Francesco Bacone

 

 

 

 

Incontrare tutto e tutti attraverso il silenzio, anziché attraverso il rumorio della mente,

è il dono più grande che puoi fare all’universo.

 

                                                                    Eckhart Tolle

 

 

 

Nessuno predica meglio della formica, benché non dica niente.

 

                                                Benjiamin Franklin

 

 

 

 

Un uomo dotato di coraggio esteriore osa morire;

un uomo dotato di coraggio interiore osa vivere.

 

                                         Lao Tzu

 

 

 

 

I.: Ognuno è cosciente, ma non tutti sono consapevoli.

M.: Non dire "ognuno è cosciente", ma "c'è la coscienza", in cui tutto appare e scompare. Le nostre menti sono onde che si accavallano nell'oceano della coscienza. Come onde, vanno e vengono. Come oceano, sono infinite e perenni. Conosciti come l'oceano dell'essere, il grembo di ogni esistenza. Beninteso sono metafore: la realtà è oltre la descrizione. La conosci solo se sei essa.

 

                                                                           Nisargadatta Maharaj

 

 

 

 

Nessuno va chiamato nemico; tutti sono tuoi benefattori, e nessuno ti fa del male.

Non hai nemici, eccetto te stesso.

 

                                Francesco d’Assisi

 

 

 

 

L'ignoranza è l’inizio del sapere, il sapere è l’inizio della saggezza,

la saggezza è la consapevolezza dell’ignoranza.

 

                                                  William Rotsler

 

 

 

 

Re Janaka sognò di essere un mendicante. Quando si svegliò disse al suo maestro, Vasishta: "Sono io un re che sogna di essere mendicante o un mendicante che sogna di essere re?". Il maestro rispose: "Né l'uno né l'altro, sia l'uno sia l'altro. Voi siete e insieme non siete ciò che pensate di essere. Lo siete perché agite in conformità. Non lo siete perché non dura. Potete essere un re o un mendicante per sempre? Tutto muta. Ma voi siete ciò che non muta. Che cosa siete?". Disse Janaka: "Sì, non sono né un re né un mendicante, sono il testimone spassionato". Disse il maestro: "Questa è la nostra ultima illusione, di essere un sapiente (gnani), diverso e superiore all'uomo comune".

 

                                                                                      Anonimo

 

 

 

Come un bruscolino nell'occhio producendo un'infiammazione può cancellare il mondo, così l'idea errata, "Sono il corpo-mente", fa ripiegare su se stessi e così oscura l'universo3. È inutile combattere il senso di essere una persona limitata e separata finché non ne sono messe a nudo le radici. L'egoismo è radicato nelle idee sbagliate di se stessi. La chiarificazione della mente è yoga.

 

                                                                      Nisargadatta Maharaj

 

 

 

 

 Se entri in un luogo oscuro con una lampada, la luce cade su tutti coloro che ti circondano.

Non devi dire alla gente: “Ho una lampada”, perché tutti lo sapranno.

 

                                                                              Annamalai Swami

 

 

 

 

Se hai la pace della mente e l’appagamento, la vecchiaia non è un peso intollerabile.

Senza di essi, sia la gioventù sia la vecchiaia sono dolorose.

 

                                                               Sofocle

 

 

 

 

È scientificamente provato che il calabrone non può volare, ma lui non lo sa e vola.

 

                                                                         Anonimo

 

 

 

 

L’intossicazione della rabbia, come quella del vino, ci rivela agli altri, ma ci nasconde a noi stessi.

 

                                                                                 Charles C. Colton

 

 

 

 

La fede è simile all’amore: non si può forzare.

Come l’amore forzato conduce all’odio, così la fede imposta porta allo scetticismo.

 

                                                                          Arthur Schopenhauer

 

 

 

 

Chi rifiuta di correre rischi paga con una diminuzione della vita, in una forma o l’altra.

 

                                                                                 Alexis Carrel

 

 

 

Tutti gli esseri umani, benché apparentemente camminino su sentieri divergenti,

tendono a un unico obiettivo: l’Autorealizzazione.

 

                                                                    Bhagavad-Gita

 

 

 

 

Gli eroi diventano buddha con un pensiero, ai pigri vengono date le Tre Raccolte delle Scritture

(la “Tripitaka”) per lavorarci su.

 

                                                                                   Detto zen

 

 

 

 

L’amore che diamo è l’unico che teniamo.

 

                           Elbert Hubbard

 

 

 

 

Il momento peggiore per un ateo è quando prova gratitudine, ma non sa chi ringraziare.

 

                                                                          Wendy Ward

 

 

 

 

È impossibile immaginare la varietà delle contraddizioni in ogni cuore.

 

                                                    Francois La Rochefoucauld

 

 

 

 

 

Il potere è dolce, è una droga. Come per quest’ultima, il desiderio cresce con l’abitudine.

 

                                                                      Bertrand Russell

 

 

 

 

È bene ricordare che l’intera popolazione dell’universo,

con un’insignificante eccezione, è composta dagli altri.

 

                                          Andrew J. Holmes

 

 

 

 

Se volessimo essere felici e basta, sarebbe facile; ma noi vogliamo essere più felici degli altri,

il che è difficile, perché li riteniamo più felici di quanto siano.

 

                                                                         Charles Montesquieu

 

 

 

 

Cercare di soddisfare i propri desideri con il possesso

è come cercare di spegnere il fuoco con la paglia.

 

                                                       Confucio

 

 

 

 

Le persone egoiste sono incapaci di amare gli altri,

ma non sono capaci nemmeno di amare se stesse.

 

                                                   Erich Fromm

 

 

 

 

È inutile viaggiare per predicare in un luogo,

se il nostro viaggio non è già esso stesso la predica.  

 

                                                Francesco d’Assisi

 

 

 

È un peccato che viviamo su una montagna di tesori, ma non possiamo vederla.

Se sviluppiamo una mente che ricerca l’illuminazione, tutto diventa la pratica dell’illuminazione, anche se siamo in mezzo ai vari mondi del samsara.

 

                                                                                             Dogen

 

 

 

Seduto sul ciglio della strada

ebbro e dimentico

sfogliavo i petali del mio essere...

 

                           NowHere

 

 

 

Non sarai punito per la tua rabbia, sarai punito dalla tua rabbia.

Lasciamo che l’uomo vinca la rabbia con l’amore.

 

                                                     Buddha

 

 

 

Sì, ho una pratica personale. La mia pratica è chiamata "vivere la vita umana" e cerco di eseguirla regolarmente.

A volte dimentico la mia pratica e comincio a fare cose bizzarre o strane come meditare o trattenere il respiro o qualcosa di simile. Ma la pratica in cui mi sono impegnato è quella di vivere una normale vita umana.

E così la mia pratica comprende la sadhana di essere il padre di due magnifici bambini. La mia sadhana comprende il fatto di ascoltare quando qualcuno nota che vi sono in me cose che non vanno e di dover tornare all'umiltà di non essere al di sopra dei rimproveri.

La mia pratica consiste anche nel ricordare quello che ho detto di fare. Include l’accettare di essere assolutamente nel fango dell’umanità ed allo stesso tempo Coscienza.

La mia pratica è quella di non usare idee spirituali o fugaci esperienze spirituali in alcun modo per poter evitare il programma della vita umana.

…Non penso vi sia alcuna necessità di pratica, a parte quella di essere qui su questo pianeta ed andare incontro a quanto la vita ci porta con un cuore aperto.

 

                                                                                            Arjuna Nick Ardagh

 

 

 

 

I limiti del mio linguaggio sono i limiti del mio mondo.

 

                                            Wittgenstein

 

 

 

 

 

La pace non è solo l’assenza di violenza, ma la manifestazione della compassione umana.

 

                                                                                        Dalai Lama

 

 

 

 

 

Mettere una persona di fronte alla sua ombra vuol dire mostrarle la sua luce.

 

                                                                     C. G. Jung

 

 

 

 

La gelosia vive di dubbi. Diventa follia o sparisce completamente

non appena passiamo dal dubbio alla certezza.

 

                                                          La Rochefoucauld

 

 

 

 

Dopo aver investigato il rumore

scoprii che a percepirlo era il silenzio.

Dopo aver scoperto l'errore

scoprii che a indicarlo era la verità.

 

Non c'è scelta

non c'è errore

non c'è sofferenza.

 

Tu: l'Unico,

hai proiettato un sogno,

e l'oceano sorride

delle onde indaffarate

alla ricerca del mare...

 

NowHere

 

 

 

 

Chi non ha occhi non vede la bellezza. La bellezza che c'è.

Chi non ha occhi non vede il disastro. Il disastro che c'è.

Chi non ha occhi ha cessato di vivere, o almeno, ha cessato di vivere direttamente, come persona, come essere pienamente umano. Vive in seconda persona, mediatamente, attraverso ciò che viene loro dato come vita. Immagini, frasi vuote, ripetute fino ad apparire vere, emozioni in scatola, a brevissima conservazione, da consumare in fretta. Idee prese in prestito, da rottamare al più presto, per poterle sostituire rapidamente. Ci sono anche coloro che gli occhi li hanno, certo. La bellezza si mostra loro come dono, il più bel dono. Si consegna "come per miracolo" e parla al cuore con una emozione antica, nuova, che sembra non potere tramontare mai. Si mostra loro anche il disastro, attraverso gli stessi occhi aperti. E ci sono aggregazioni di costoro. dalla semplice coppia a gruppi più grandi, male strutturati, improvvisati, ma saldi, sicuri. In perenne lotta per non essere sopraffatti, per mantenere la fiducia in loro stessi, sempre sul punto di sentirsi "malati", inadatti, pazzi. Sempre sul punto di arrendersi, di addormentarsi, di chiuderli quegli occhi perché è così dolce abbandonarsi al canto delle sirene. Non so cosa ci riserva il futuro, ma la tenenza mostra la continua erosione di questi gruppi, la contaminazione, la resa. E le nuove generazioni crescono già plagiate: videogiochi, McDonald e coca cola. Non cercare di aprire loro gli occhi. Ti guardano come venissi da un altro mondo; non hanno più né testa né cuore per capire. Diretti verso un destino oscuro che si rifiutano di vedere, abbagliati dalle immagini di folle rumorose ed istupidite. Si chiamino discoteche, stadi sportivi, o piazza san Pietro. E proprio in piazza san Pietro, si chiede il papa santo con gli stessi slogan con cui si chiede un gol del Totti di turno. In tutto questo, la bellezza resta là, immutata, intangibile, cercando due occhi ed un cuore che ancora sappiano vedere, credere, percepire.

Resistiamo allora. Nel nostro intimo sta la vittoria. Nel mondo è evidente la nostra sconfitta.

 

                                                                                             Calfuria2

 

 

 

 

La verità non può essere tuo monopolio: è per il bene di tutti.

 

                                                        Vivekananda

 

 

 

Benché debole e sottile

Il crisantemo

Fiorirà inevitabilmente.

 

                 Basho

 

 

 

 

Non riesco a immaginare un Dio che punisca e ricompensi gli oggetti della Sua creazione, con motivazioni modellate sulle nostre.

Un Dio, cioè, che sia un riflesso della debolezza umana.

 

                                                                         Albert Einstein

 

 

 

 

Il falegname piega il legno, l’arciere crea le frecce, il saggio modella se stesso.

 

                                                                         Buddha

 

 

 

 

Il terrore implica per lo più una crudeltà insensata messa in atto da persone spaventate,

per rassicurare se stesse.

 

                                                                           Friedrich Engels

 

 

 

 

 

Il bene permanente non può essere il risultato della falsità e della violenza.

 

                                                                    Gandhi

 

 

 

 

Chi non riesce ad amare deve imparare ad adulare.

 

                                         Goethe

 

 

 

Non ho un talento particolare, ma solo una grandissima curiosità.

 

                                                   Albert Einstein

 

 

 

Se abbandoni la speranza, troverai che la vita è infinitamente più ricca.

Ecco perché.

Se vivi nella speranza, è perché di solito stai evitando la realtà.

Se speri che il tuo partner smetta di bere, non hai forse paura che non lo faccia? Non hai forse paura di prendere una decisione per cambiare la situazione? Se continui a sperare che il suo consumo di alcool cessi, stai cercando di evitare il duro lavoro di occuparti della situazione con efficacia.

La speranza diventa una droga o un sonnifero per farti sopportare il dolore un po’ più a lungo. Come tutte le droghe, ha effetti secondari. Uno degli effetti secondari è che ti intontisce, e diventi un po’ meno vivo.

Sperare che una situazione cambi, ti mantiene a distanza dai tuoi veri sentimenti di tristezza, rabbia, paura. Ognuno di questi sentimenti è apprezzato meglio se affrontato con riserbo.

Sperimentali in profondità ed essi smetteranno di disturbarti. Spera di vederli andar via e ti molesteranno tutto il giorno.

 

                                                                                   Gay Hendricks

 

 

 

 

 

Coloro che conseguono il Tao sono i maestri di se stessi. Per loro, l’universo si è dissolto.

Metteteli in compagnia dello sporco e del rumoroso, e saranno come un fiore di loto.

Cresceranno dal fango, ne saranno toccati, ma resteranno immacolati.

 

                                                                                Lao Tzu

 

 

 

 

 

Quando guardiamo nel nostro cuore e cominciamo a scoprire cosa è confuso e cosa brillante, cosa amaro e cosa dolce, non stiamo scoprendo soltanto noi stessi, ma l’universo intero.

 

                                                                               Pema Chodron

 

 

 

 

  

Il maestro ultimo, l'assoluto, non è mai separato da noi

ma la gente immatura lo ignora e lo cerca all'esterno, lontano da sé...

Maestro di saggezza, tu che abbracci l'universo e gli esseri, il samsara e il nirvana,

ci mostri come tutti i fenomeni diventano insegnamenti

e mi convinci che tutto è il maestro assoluto.

 

Dilgo Khyentse

 

 

 

 

D.: Che mi dite del testimone? È reale o irreale?

M.: Tutte due. È l'ultimo residuo dell'illusione e il primo tocco del reale. Se dici "sono solo il testimone", è falso e vero allo stesso tempo: falso, a causa dell’ "io sono"; vero, per via del testimone. È meglio dire " c’è il testimoniare". Quando dici: "io sono", I'intero universo viene alla luce insieme al suo creatore.

 

                                                                                   Nisargadatta Maharaj

 

 

 

 

 

A questo punto l’osservatore, o il testimone, scompare… Perché l’osservatore alla fine scompare? Quando niente vede niente, cosa resta? La meraviglia della vita. Nessuno è separato da nulla. C’è soltanto la vita che vive: udire, toccare, vedere, odorare, pensare. È lo stato dell’amore o compassione. Non "Sono io" , ma "Sei tu".

 

                                                                                   Charlotte Joko Beck

 

 

 

 

 

Il vuoto fluttua in modo aleatorio tra essere e non-essere.

Su scala quantica il vuoto è pieno!

 

                                             Basarab Niculescu

 

 

 

 

 

Da principio bisogna mantenere il senso dell' "io sono". Bisogna adorare questa presenza dell' "io sono", bisogna gioirne, farsela amica. Devi diventare una cosa sola con lei e allora spontaneamente finisce per apparire in te il senso: "Io non sono questo" "io sono".

Realtà significa il primo e l'ultimo stato. Ma noi siamo emotivamente attaccati a questo stati... siamo convinti di essere questo "io sono".

Quindi, affinché questo stato illusorio, legato al tempo, possa dissolversi, bisogna trascendere il nostro attaccamento emozionale a questa conoscenza "io sono". Finché la nuvola non se ne andrà, lo stato primordiale non potrà apparire. Lo stato primordiale non è qualcosa da conquistare. È già li; bisogna semplicemente eliminare lo schermo che lo nasconde.

 

                                                                               Nisargadatta Maharaj

 

 

 

 

Che il problema sia insolubile è di per sé la soluzione.

 

                                     Ramesh Balsekar

 

 

 

Finché si è consci, ci sarà piacere e dolore a livello della coscienza. Per andar oltre questi, devi andar oltre la coscienza, il che è possibile solo se guardi la coscienza come qualcosa che capita a te e non in te, come qualcosa di sovrapposto ed esterno... A quel punto improvvisamente sei libero dalla coscienza... e quello è il tuo vero stato. La coscienza è un'eruzione cutanea pruriginosa. Non puoi voler saltar fuori dalla coscienza, perché l'idea stessa è all'interno della coscienza. Ma se impari a guardare alla coscienza come a una febbre, che ti è propria e in cui ti chiudi come un pulcino nel guscio, è da quest'atteggiamento che verrà la crisi che ti farà rompere il guscio.

 

                                                                             Nisargadatta Maharaj

 

 

 

 

Gesù diceva: Quando vedrai Colui che non è stato generato dalla femmina, Prosternati,adoralo.

Eccolo il Padre!

...invito a scoprire in noi "l'increato" – ciò che non è nato dalla femmina, dalla carne... dall'emozione; a dirigere il nostro sguardo verso la nostra vera origine, non-nata, non-creata.

 

                                                                                          Loggia 15

 

 

 

 

Gesù diceva: Beato colui che È prima di esistere...

"Prima che Abramo fosse, Io Sono". Meister Eckhart dirà anch'egli: "Prima di nascere, IO SONO dall'eternità". Beato colui che nello spazio-tempo, si rende conto del suo Essere Eterno... "Egli è nel mondo, ma non di questo mondo".

 

                                                                                           Loggia 19

 

 

 

 

 

Il mio io è Dio, né riconosco alcun altro io, eccetto il mio Stesso Dio.

 

                                                S. Caterina da Genova

 

 

 

 

 

Questo concetto "io sono" ha bisogno di venire continuamente sostenuto. Il flusso dei concetti rinnova e rafforza l’"io sono" iniziale.

Questo spettacolo effimero può essere paragonato a questo: supponiamo che io sia in buona salute, poi di colpo mi ammali. Il dottore arriva, mi dà una medicina e tre giorni dopo la febbre è scomparsa. Questo periodo di tre giorni di febbre è come la coscienza "io sono". Esattamente la stessa cosa: uno spettacolo passeggero, legato al tempo. Questo principio "amore dell'essere, della vita" non si tratta di denigrarlo. Questo sentimento "io sono" contiene il cosmo intero.

 

                                                                           Nisargadatta Maharaj

 

 

 

E come se in mezzo al nostro essere ci fosse un non-essere… I confuciani lo chiamano il centro della vacuità; i buddisti, la terrazza della vita; i taoisti, il paese degli antenati o il castello giallo… o lo spazio del cielo primordiale.

 

                                                                  Segreto del fiore d'oro

 

 

 

 

In realtà, niente accade. Sullo schermo della mente il destino proietta eterno le sue immagini, che sono i ricordi di proiezioni anteriori, sicché l'illusione si rinnova costantemente. Le immagini vanno e vengono: sono luce intercettata dall'ignoranza. Scorgi la luce e dimentica l'immagine.

M.: Quando è iniziato questo processo dell'osservare? E' iniziato con l'arrivo dello stato di veglia, del sonno profondo e della conoscenza "io sono"; è tutto avvolto in un "io sono". Questo è conosciuto come nascita.

Nel momento in cui sopraggiunse, l’ "io sono" viene usato per sperimentare, osservare, eccetera. Ma prima di questa nascita, dov'era quell' "io sono"? Non c'era. ... Quali domande puoi avere senza questa triade? Supponiamo che tu abbia cinquant'anni. Hai avuto l'associazione di quella triade per cinquant'anni; vai indietro ora,... prima, qual'era la tua esperienza? Che cos'eri?

D.: Non lo so.

M.: Questo è corretto. Era uno stato di non-conoscenza. In quello stato di non-conoscenza, improvvisamente è apparsa la capacità di conoscere. Ciò ha creato tutto questo misfatto.

Questa coscienza non è altro che energia. Quando l'essenza del corpo diventa più debole, la coscienza diventa più debole e alla fine se ne va; non muore nulla.

Una volta che questa coscienza è conscia di se stessa, a causa del condizionamento considera certi oggetti come suoi ed altri come non suoi e combatterà per questi cercando di proteggere quelli che considera propri. Quando la coscienza realizza il suo potere latente, la sua universalità, i concetti "me" e "mio" vengono perduti.

Questa coscienza universale è conosciuta come Dio, che è l'Onnipotente, l'Onniscente, e l'Onnipresente, tutti gli attributi. Questi attributi vengono dati a Dio nella coscienza, non all'Assoluto. L'Assoluto è senza attributi.

Qualunque cosa tu abbia inteso, non lo sei. Perché ti perdi in concetti? Tu non sei ciò che conosci, sei il conoscitore.

Quest'insieme dei tre stati e dei tre attributi (veglia, sonno e coscienza "io sono", e i tre guna: sattva, rajas e tamas) è nato e qualunque cosa accada, accade a quell'insieme ed io non ho nulla a che fare con esso. Questo è il motivo per cui sono totalmente privo di paura, senza alcuna reazione nei confronti di una malattia che sarebbe traumatica per altri.

Chi dormendo sogna, ha prima di tutto risvegliato il suo essere nell'universo del sogno. Nel momento in cui sorge, l'essere crea uno spazio che è immediatamente occupato dall'universo del sogno; ma la sorgente è in questo senso profondo di essere... lo spazio in realtà non esiste. Lo spazio è un'illusione.

 

                                                                                    Nisargadatta Maharaj

 

 

 

 

Il proprio sé è ben celato a se stesso.

Di tutte le miniere di tesori, la propria è l’ultima a essere scavata.

 

                                                         Nietzsche

 

 

 

Affinché accada qualcosa, deve coincidere l’universo intero.

 

                                           Nisargadatta Maharaj

 

 

 

 

Perdonare l’impenitente è come fare disegni sull’acqua.

 

                                   Proverbio giapponese

 

 

 

 

Finché una persona urla “Oh Dio! Oh Dio!”, possiamo stare certi che non ha trovato Dio.

Infatti, chi l’ha trovato diventa silenzioso.

 

                                                                      Ramakrishna

 

 

 

 

Più poti un albero, più cresce.

Quindi, più cerchi di annullare l’ego, più esso si sviluppa.

Devi cercare la radice dell’ego e distruggerla.

 

                                           Ramana Maharshi

 

 

 

 

Il fallimento provoca un cambiamento in meglio, il successo in peggio.

 

                                                                 Seneca

 

 

 

Finché credi che vi siano altri, vivi in nell'inferno

 

                                                Karl Renz

 

 

 

 

D.: Una volta che si è illuminati, c´è rischio di perdere questo stato?

K.: Continuamente.

D.: Non succede invece una volta per tutte?

K.: No. Finché c´è un illuminato, egli esce di nuovo da quello stato. Dev´essere invece quell'Aha! che realizzi che il Sé, l´Essere è già da sempre realizzato. E questo riconoscere non accade a nessuna persona. Il Sé non ha bisogno di nessuna entità fenomenica che realizzi quello che sia l´Essere.

 

                                                                                            Karl Renz

 

 

 

 

La fede nella verità comincia dubitando di tutto ciò che finora si è ritenuto vero.

 

                                                                          Nietzsche

 

 

 

 

L’inferno non esiste. L’inferno è solo ciò che l’ego ha fatto del presente.

Credere nell’inferno è ciò che ti impedisce di comprendere il presente.

 

                                                      Un corso in miracoli

 

 

 

 

L´assoluta rassegnazione a capire se stessi, non potersi mai conoscere, questa è l´assoluta quiete. Dove non esiste più nessun desiderio di conoscere se stessi. Questa à la vera conoscenza di se stessi. Che non potrò mai sfuggirmi e che non potrò mai afferrarmi.

 

                                                                                        Karl Renz

 

 

 

 

 

Nessuna verità resta tale nel momento in cui le si dà espressione, ma diventa un concetto.

 

                                                                           Nisargadatta Maharaj

 

 

 

 

È impossibile eliminare il rischio dalle relazioni umane.

 

                                         Barbara Harrison

 

 

 

 

 

Tu solo sei la causa della tua sofferenza.

Nessun altro ti costringe a soffrire.

 

                               Buddha

 

 

 

 

È diventato spaventosamente chiaro che la nostra tecnologia ha superato la nostra umanità.

 

                                                                             Albert Einstein

 

Se vuoi conoscere la Verità, devi avere il cento per cento di amore per la Verità.

In tal modo, non c’è differenza tra la via dell’Amore e quella della Conoscenza.

 

                                                                     Papaji

 

 

 

 

Voi che emettete questa sentenza avete più paura di me che la ricevo.

 

                                                        Giordano Bruno

 

 

 

 

La vita continua, sia che ci comportiamo da codardi che da eroi.

La vita non ha altra disciplina da imporre, se riuscissimo a realizzarlo, che quella di accettare la vita senza stare a discutere. 

Ogni cosa da cui distogliamo lo sguardo, ogni cosa da cui fuggiamo, tutto quello che neghiamo, denigriamo o disprezziamo, finisce per sopraffarci.

Quello che sembra cattivo, doloroso, malvagio può diventare una sorgente di bellezza, gioia e forza, se affrontato con mente aperta.

Ogni momento è d’oro per colui che riesce a riconoscerlo come tale.

 

                                                                                      Henri Miller

 

 

 

 

Ogni creatura è una parola di Dio.

 

                   Meister Eckhart

 

 

 

 

Il perdono è finalizzato innanzitutto al nostro bene, a non farci più portare il peso del risentimento.

Ma perdonare non vuol dire permettere ancora l’ingiustizia.

 

                                                                                     Jack Kornfield

 

 

 

 

Molti possono astenersi da lauti banchetti, guardaroba pieni, belle case…

È dall’ego che non riescono ad astenersi.

 

                                                                 Gandhi

 

 

 

Lo scopo della vita è vivere, e vivere significa essere consapevoli;

gioiosamente, estaticamente, serenamente, divinamente consapevoli.

 

                                                                Henry Miller

 

 

 

 

Se non ti aspetti l’inaspettato non lo troverai,

perché non si raggiunge attraverso la ricerca o i tentativi.

 

                                                Eraclito

 

 

 

 

Non puoi scoprire nuovi orizzonti se non hai il coraggio di lasciare la spiaggia.

 

                                                                      Anonimo

 

 

 

 

La perfezione dei mezzi e la confusione dei fini sembra,

a mio giudizio, la caratteristica della nostra epoca.

 

                                         Albert Einstein

 

 

 

 

Non so nulla con certezza, ma la vista delle stelle mi fa sognare.

 

                                                  Vincent Van Gogh

 

 

 

 

Se desideri i soldi più di ogni altra cosa, sarai comprato e venduto.

Se sei avido di cibo, sarai una fetta di pane.

Questa è una verità sottile: ciò che ami, sei.

 

                                          Rumi

 

 

 

Puoi disporti ad accettare la tesi che tutto nell’universo sia un’illusione,

ma è più che probabile che in tale illusione mancherai di includere

il fattore più essenziale, cioè te stesso.

 

                                                    Ramesh Balsekar

 

 

 

 

Si diventa ciò che si pensa, questo è l'eterno mistero.

                                          Upanishad




Se non comprendi e non direzioni la tua natura, essa ti annienterà.
Gli onanisti si dilettano a manipolare il pensiero.
Coloro che affermano, pensano e SONO.
L'idea deve diventare carne e espressione.
Chi ha deciso non può attendere, né lasciare che il pensiero divaghi in quel sottosuolo d'incompiutezza che è privo di speranza.
A chi sa AFFERMARE è dato impossessarsi dell'immortalità.
A sera, ricoperto di polvere e di stanchezza, osa riconoscere tutti gli alibi che il tuo io si è creato per sfuggire alla mannaia risolutrice.
L'io è assetato di sostegni; a sera chiediti: quanti sostegni ho dovuto mendicare?
L'io per non morire sfrutta istintivamente il tuo sentimentalismo e anche le ideologie.

 

                                                                    Raphael

 

 

 

Chi pò dir com’egli arde, è ‘n picciol foco.

[Riuscire a dire quanto si ama vuol dire amare poco.]

 

                                                     Petarca

 

 

 

Se metti da parte i tuoi sentimenti verso le cose del mondo, queste ultime si trasformano in insegnamenti sull’illuminazione.

Se diventi emotivo verso gli insegnamenti sull’illuminazione, questi ultimi si trasformano in cose mondane.

 

                                                                              Muso Kokushi

 

 

 

 

Se uccidere è naturale, perché gli uomini devono essere addestrati a farlo?

 

                                                              Joan Baez

 

 

 

Tutti i pensieri davvero saggi sono già stati pensati migliaia di volte.

Per renderli veramente nostri, però, dobbiamo ripensarli fino a quando non mettano radici nella nostra esperienza personale.

 

                                                                                   Goethe

 

 

 

Se lo capisci, le cose sono così come sono…

Se non lo capisci, le cose sono così come sono.

 

                                           Detto zen

 

 

 

Gli uomini infelici, come quelli che dormono male, sono sempre orgogliosi di esserlo.

 

                                                                        Bertrand Russell

 

 

 

Sii paziente verso tutto ciò che è irrisolto nel tuo cuore e... cerca di

amare le domande, che sono simili a stanze chiuse a chiave e a libri scritti in

una lingua straniera. Non cercare ora le risposte che non possono esserti date

poiché non saresti capace di convivere con esse. E il punto è vivere ogni cosa.

Vivi le domande ora. Forse ti sarà dato, senza che tu te ne accorga, di vivere

fino al lontano giorno in cui avrai la risposta.

 

                                               Rainer Maria Rilke

 

 

 

 

Se un uomo sta attraversando un fiume e una imbarcazione vuota collide con la propria barca a remi, anche se è un uomo di cattivo carattere non si arrabbierà molto. Ma se vede un uomo nella barca, gli urlerà di virare.

Se l’urlo non viene udito, egli griderà di nuovo, e ancora di nuovo, e comincerà a imprecare. E tutto perché c’è qualcuno nella barca. Eppure, se la barca fosse vuota, egli non griderebbe, e non si arrabbierebbe.

Se puoi svuotare la tua propria barca attraversando il fiume del mondo, nessuno ti ostacolerà, nessuno cercherà di farti del male...

Chi può liberare se stesso dal conseguimento, e dalla fama, scendere e perdersi nella massa degli uomini? Egli scorrerà, come il Tao, non visto, andrà in giro come la Vita stessa con nessun nome e nessuna casa.

Egli è semplice, senza distinzione. A tutta apparenza egli è uno sciocco. I suoi passi non lasciano alcuna traccia. Egli non ha alcun potere. Egli non consegue niente, non ha alcuna reputazione. Poiché non giudica nessuno, nessuno lo giudica.

Così è l’uomo perfetto: la sua imbarcazione è vuota.

 

                                                                                      Chuang Tzu

 

 

 

 

Infralle cose grandi che fra noi si trovano, l’essere del nulla è grandissima.

 

                                                      Leonardo da Vinci

 

 

 

 

L’unica consapevolezza vera e piena è la consapevolezza della consapevolezza.

Fino a quando la consapevolezza non è consapevolezza di se stessa, non conosce pace.

 

                                                                   Ramana Maharshi

 

 

 

 

Finché abbiamo compassione, il nostro “oceano di lacrime” non riuscirà a sommergerci.

Questo è il motivo per cui il Buddha può continuare a sorridere.

 

                                                                   Thich Nhat Hanh

 

 

 

 

Amico, il pensiero discorsivo ti

porta nell'indugio e lungo salite

che donano stanchezza.

Sappi che il tuo io di sogno

abbisogna solo di una cosa:

un epitaffio.

 

Raphael

 

 

 

 

 

Perché sei infelice?

Perché il 99.9 per cento di ciò che pensi e fai è per te stesso.

Ma non c'è nessun te stesso.

 

                                           Wei Wu Wei

 

 

 

 

 

La cura per il dolore è nel dolore.

 

                         Rumi

 

 

 

 

Devi avere qualcosa da mangiare e un po’ d’amore nella tua esistenza,

prima di poter seguire gli insegnamenti di chicchessia sulla vita.

 

                                                     Billie Holiday

 

 

 

 

In realtà, è un vero e proprio miracolo il fatto che il moderno sistema dell’istruzione non abbia completamente soffocato la sacra curiosità per la ricerca.

 

                                                                            Albert Einstein

 

 

 

 

 

Tutti gli uomini preferiscono credere piuttosto che esercitare il giudizio.

 

                                                              Seneca

 

 

 

 

 

La meditazione non consiste nel cercare di raggiungere l’estasi, la beatitudine spirituale o la tranquillità, né nel cercare di migliorare la personalità.

Essa è semplicemente la creazione di uno spazio nel quale possiamo portare allo scoperto e disfare i nostri giochi nevrotici, autoinganni, paure e speranze nascoste.

 

                                                                             Chogyam Trungpa

 

 

 

 

 

L’individuo non si manifesta mai tanto come quando dimentica se stesso.

 

                                                       Andrè Gide

 

 

 

 

 

La rabbia è un sistema di allarme che segnala semplicemente la presenza di una paura.

Ci dice che stiamo andando contro la nostra felicità, perché temiamo la perdita di qualcosa più di quanto ne apprezziamo la presenza.

 

                                                                       Jesse Jennings

 

 

 

 

Affinché tu possa avere piacere in ogni cosa, cerca piacere nel nulla.

Affinché tu possa conoscere ogni cosa, cerca di conoscere il nulla.

Affinché tu possa avere ogni cosa, cerca di avere il nulla.

Affinché tu possa essere ogni cosa, cerca di essere il nulla.

 

                                      San Giovanni della Croce

 

 

 

 

Dove sono i pensieri?

Non nel cervello. I pensieri non sono prodotti dal cervello.

Piuttosto, il cervello è come un’antenna che raccoglie pensieri su una lunghezza d’onda comune, una sfera di pensiero collettiva.

 

                                                               U. G. Krishnamurti

 

 

 

 

Devi fare la tua crescita senza preoccuparti di quanto era alto tuo nonno.

 

                                                      Abraham Lincoln

 

 

 

 

La realtà universale è tanto sottile che quando ti metti deliberatamente in suo ascolto, non la odi, né la vedi quando la guardi.

È come la pura verità: non ha insegnante, per cui come può essere conseguita attraverso il pensiero o lo studio?

 

                                                                         Huanglong

 

 

 

 

 

Qualsiasi sistema religioso che contenga qualcosa capace di scioccare la mente di un bambino,

non può essere un sistema autentico.

 

                                                                     Thomas Paine

 

 

 

 

 

Quello che hai in mente, dimenticalo.

Quello che hai in mano, donalo.

Quello che è nel tuo destino, affrontalo!

 

                          Abu Sa’id

 

 

 

 

Se hai davanti a te un grande problema, vuol dire semplicemente

che hai la grande forza interiore di risolvere un grande problema.

 

                                                   Peace Pilgrim

 

 

 

 

Le emozioni dovrebbero essere dei servitori, non dei padroni.

O almeno, non dei tiranni.

 

                                                  Robert Benson

 

 

 

 

La fortuna non cambia gli uomini, li smaschera.

 

                                  Suzanne Necker

 

 

 

 

Perché dovremmo amare i nostri nemici?

Il nostro nemico è il nostro più grande amico.

Chi parla male di me, mettendo a nudo le mie debolezze, mi fa il più grande dei favori.

 

                                                         Vinobe Bhave

 

 

 

 

Forse pensavi che l’illuminazione sarebbe stata zap!, istantanea e permanente.

Questo è improbabile.

Dopo la prima esperienza di estasi, l’illuminazione può essere descritta

come l’assottigliarsi di uno strato di nuvole.

 

                                                              Ram Dass

 

 

 

 

 

Così, credo, i grandi veggenti e poeti vedono ogni cosa: come se fosse la prima volta.

Ogni mattina scorgono un nuovo mondo davanti ai loro occhi; in realtà non lo vedono, lo creano.

 

                                                                           Nikos Kazantakis

 

 

 

 

Un eremita è una persona che rinuncia al mondo dei frammenti,

per apprezzare il mondo interamente e senza interruzioni.

 

                                                    Kahlil Gibran

 

 

 

 

Se aiuti gli altri, sarai aiutato.

Forse domani, forse tra cento anni, ma sarai aiutato.

La natura deve ripagare il debito…

È una legge matematica, e tutta la vita è matematica.

 

                                          Gurdjieff

 

 

 

 

L’appagamento è assolutamente necessario, perché ciò che sarai nel prossimo stato,

o nella prossima vita, sarà il desiderio insoddisfatto che hai adesso.

Quindi, desidera solo l’infinito.

 

                                                             Papaji

 

 

 

 

Potremmo dire che le persone New Age, in generale, sono dipendenti dall’armonia.

 

                                                                    Robert Bly

 

 

 

 

Subhuti, non pensare che quando si dà origine alla mente più elevata, appagata e risvegliata, occorra ritenere tutti gli oggetti mentali non esistenti e separati dalla vita.

Per favore, non pensare così.

Chi dà origine alla mente risvegliata non nega gli oggetti né dice che sono inesistenti.

 

                                                                           Sutra del diamante

 

 

 

 

Non basta conoscere la strada, dobbiamo percorrerla.

 

                                            Alice Rice

 

 

 

 

 

La saggezza di una persona colta deriva da una grande quantità di tempo libero.

Se un uomo deve essere saggio, va liberato da altri compiti.

 

                                                           Vangeli apocrifi

 

 

 

 

 

Non esiste un sentiero della verità.

La verità va scoperta, ma non esiste una formula per la sua scoperta.

Quello che viene formulato non è vero.

Devi metterti in viaggio su un mare inesplorato, e quel mare inesplorato sei tu stesso.

 

                                                                J. Krishnamurti

 

 

 

 

 

Esistono due modi di distruggere la vita: credere in ogni cosa o dubitare di ogni cosa.

Entrambi i modi ci evitano di pensare.

 

                                                                 Alfred Korzybski

 

 

 

 

 

Qualsiasi autorità io abbia, si basa soltanto sul sapere quanto poco so.

 

                                                               Sofocle

 

 

 

 

Le lacrime sono gli acquazzoni estivi sull’anima.

 

                                     Alfred Ustin

 

 

 

 

Pensa a un vasto oceano colmo di acqua da ogni lato. In esso è immersa una brocca.

L’acqua è sia dentro sia fuori la brocca, ma non può unirsi se non si rompe la brocca.

Cos’è la brocca? È la consapevolezza dell’io, l’ego.

Quando l’io scompare, resta ciò che è.

 

                                                                     Ramakrishna

 

 

 

 

 

Quello che di solito gli uomini chiedono a Dio quando pregano,

è che due più due non faccia quattro.

 

                                                  Proverbio russo

 

 

 

 

 

Sii gentile, perché tutti coloro che incontri stanno combattendo una difficile battaglia.

 

                                                             Filone d’Alessandria

 

 

 

 

Un bambino diventa un adulto quando comprende

che ha diritto non solo ad avere ragione, ma anche ad avere torto.

 

                                                        Thomas Szasz

 

 

 

 

Apre i polmoni, pulisce il viso, esercita gli occhi e addolcisce l’umore:

non vergogniamoci del pianto.

 

                                                      Charles Dickens

 

 

 

 

Il primo e ultimo requisito per il genio è l’amore della verità.

 

                                                         Goethe

 

 

 

 

I venti e le acque della montagna, il puro ghiacciaio bianco e il cuore della montagna cantano qualcosa di più vasto dei tuoi piccoli, preziosi pensieri.

 

                                                                                       Ji Aoi Isshi

 

 

 

 

Il risveglio non può accadere finché persiste l’idea di essere un ricercatore.

 

                                                               Ramesh Balsekar

 

 

 

 

Noi siamo quel che pensiamo: tutto ciò che siamo nasce con i nostri pensieri.

Con i nostri pensieri noi creiamo il mondo.

 

                                                                Kenji Tokitsu

 

 

 

 

 

Se giudichi le persone, non hai tempo per amarle.

 

                                   Madre Teresa

 

 

 

Nessuno sforzo particolare è necessario per realizzare il Sé. Tutti gli sforzi sono intesi a eliminare l’oscuramento della Verità nel momento.

Una signora porta una collana attorno al collo. Lo dimentica, s’immagina che l’ha smarrita e impulsivamente la cerca qui, là ed in ogni luogo. Non trovandola chiede agli amici se per caso l’hanno trovata, finché un amico gentile punta il dito verso il collo di lei e le consiglia di toccare la collana che ha attorno al collo. Colei che cercava, esegue il consiglio dell’amico ed è felice di aver ritrovato la propria collana.

In seguito, quando incontra altri amici, essi s’informano se ha potuto ritrovare la sua collana. Essa risponde loro di sì, come se effettivamente l’avesse smarrita e poi ritrovata. La sua felicità per averla riscoperta attorno al proprio collo è la stessa di quella che uno prova quando recupera un oggetto perduto.

In realtà non l’aveva mai smarrito né ritrovato. Eppure era infelice un tempo e poi di nuovo felice.

Lo stesso dicasi per la Realizzazione del Sé.

 

                                                                              Ramana Maharshi

 

 

 

 

 

Coloro che ballavano erano considerati folli da coloro che non potevano sentire la musica.

 

                                                                               Angela Monet

 

 

 

 

Tutte le cose buone e cattive vengono dalla tua mente.

Trovare qualcosa al di là della mente è impossibile.

 

                                          Bodhidharma

 

 

 

Si può comunicare la conoscenza, ma non la saggezza.

 

                                        Hermann Hesse

 

 

 

 

È nel donare se stessi che si riceve.

 

                     Francesco d’Assisi

 

 

 

 

Nessun fatto cesserà mai di esistere, ma questi vengono spesso ignorati.

 

                                                           Aldous Huxley

 

 

 

La meditazione consiste semplicemente nel vedere la realtà e riconoscerla con pura onestà.

In definitiva, ciò vuol dire non fare più affidamento su qualsiasi tipo di autorità esterna.

È una grande rivoluzione.

 

                                                                                  Bo Lozoff

 

 

 

La causa di tutti i nostri problemi personali e più o meno di tutti i problemi del mondo può essere riassunta in una singola frase:

La vita umana è molto profonda, e il nostro stile di vita moderno dominante non lo è.

 

                                                                           Bo Lozoff

 

 

 

 

 

Se dici la verità, abbi un piede nella staffa.

 

                              Proverbio turco

 

 

 

Il mondo è un’illusione, ma è un’illusione che dobbiamo prendere sul serio,

perché fino a un certo punto è reale.

 

                                                               Aldous Huxley

 

 

 

 

Sii quieto nella mente, nei sensi e nel corpo.

Poi, quando tutto ciò sarà quieto, non fare nulla.

In quello stato, la verità ti si rivelerà.

Apparirà di fronte a te e chiederà: “Cosa vuoi?”.

 

Kabir

 

 

 

 

L’uomo saggio non accumula i suoi tesori.

Più dona agli altri, più ha per se stesso.

 

                                     Lao Tzu

 

 

 

 

Dal momento in cui lo stato semplice e originale si espande, le cose si formano.

 

                                                                 Lao Tzu

 

 

 

 

La legge della natura detta che, allo scopo di sopravvivere, le api debbano lavorare insieme.

Come risultato, esse possiedono istintivamente un senso di responsabilità sociale. Esse non hanno nessuna costituzione, nessuna legge, nessuna polizia, nessuna religione o educazione morale, ma per via della loro natura, esse lavorano insieme fiduciosamente.

Occasionalmente, esse potrebbero lottare, ma in generale, basata sulla collaborazione, l’intera colonia sopravvive.

Noi esseri umani abbiamo una costituzione, leggi e forze di polizia.

Abbiamo la religione, notevole intelligenza e un cuore con una grande capacità di amare. Abbiamo molte qualità straordinarie, ma nella pratica effettiva, penso che siamo rimasti indietro rispetto a quei piccoli insetti.

Per alcuni aspetti, sento che siamo più poveri delle api.

 

                                                                                      Dalai Lama

 

 

 

 

Penso sempre che riuscire a guardare negli occhi un Maestro autentico valga cento anni di studio della Sua dottrina e dei Suoi insegnamenti.

In Lui hai un esempio diretto dell’illuminazione, della vita, mentre negli altri hai solo un’ombra, che potrebbe aiutarti, ma non direttamente.

Come dice il Buddha: “La mia dottrina è solo una zattera per portarti sull’altra sponda, non la realtà assoluta; non dovresti venerarla”.

 

                                                                        Thich Nhat Hanh

 

 

 

 

 

Crescere per il piacere di crescere è l’ideologia della cellula cancerogena.

 

                                                        Edwin Abbey

 

 

 

 

L’uomo medio, che non sa cosa fare della sua vita, ne vuole un’altra che duri per sempre.

 

                                                                       Anatole France

 

 

 

 

La prima lezione, per sei mesi, dovrebbe essere Uno-Uno-Uno-Uno.

Unità di Dio, unità nelle relazioni umane, unità di forze, unità di tempo,

unità di scopi, unità in ogni sforzo.

Unità, unità!

 

                                                                Edgar Cayce

 

 

 

 

Il tempo, i cui denti divorano ogni altra cosa, è impotente contro la verità.

 

                                                     Thomas Huxley

 

 

 

 

Se vuoi la felicità per un’ora, fatti un sonnellino.

Se vuoi la felicità per un giorno, vai a pesca.

Se vuoi la felicità per un mese, sposati.

Se vuoi la felicità per un anno, eredita una fortuna.

Se vuoi la felicità per una vita intera, aiuta qualcun altro.

Se vuoi la felicità eterna, conosci te stesso.

 

                                     Proverbio cinese