PROGRAMMAZIONE

Il collegio dei docenti, nell’elaborare la programmazione, assume come premessa la centralità 
dell’alunno in tutto l’atto formativo e fa riferimento al diritto inviolabile dell’alunno  a ricevere
 un’educazione e un’istruzione adeguate alle esigenze del contesto culturale e sociale.

Il progetto formativo si prefigge lo scopo di sviluppare  negli studenti capacità 
 di interventi ed intraprendenza mentale insieme a competenze 
 organizzative  autonome sollecitandone la consapevolezza e consentire 
l’acquisizione di professionalità polivalenti e flessibili in grado di 
adattarsi al cambiamento e capaci di autonomia operativa .

 Gli obiettivi definiti da ogni consiglio di classe saranno consegnati, 
per un’adeguata conoscenza, agli studenti in modo da renderne concreta 
l’opportunità di inserimento attivo nel dialogo formativo.

Allo stesso modo i genitori vengono messi al corrente dell’offerta formativa nel corso del primo 
Consiglio di classe dove possono esprimere pareri, fare proposte e collaborare con la scuola. 

Il Collegio dei docenti formula gli obiettivi di carattere generale e trasversale rimandando ad ogni 
singolo consiglio di classe la definizione dei traguardi individualizzati,
secondo quanto 
stabilito dai programmi ministeriali, dai profili professionali e dalle capacità e competenze 
definite in sede collegiale. 

Per i primi tre anni, pertanto, possono essere così definiti:

 Per il quarto e quinto anno essi consisteranno nel:

  1. comprendere e analizzare autonomamente testi di diverso genere cogliendone la specificità

  2.  pervenire a sintesi culturali

  3saper elaborare criticamente i contenuti disciplinari

   4.  saper organizzare una ricerca personale  

   5.   saper riflettere sui propri processi mentali e sulla propria operatività

   6.   affinare la sensibilità e il gusto personale mediante il piacere della lettura

 7. viluppare la propria creatività, l’autonomia e la capacità di risolvere problemi

 8. saper operare scelte funzionali e responsabili

1