Sopra la Basilica Vecchia e sotto la basilica nuova

Le prime notizie sul Santuario d'Oropa sono documenti datati 1200 descrivono il santuario già ampiamente sviluppato, questo fa dedurre quindi che ilsantuario risalga ad empoche molto antecedenti al 1200, si ipotizza che le basi del santuario fossero state poste già nel VI secolo da Sant Eusebio che nella basilica antica nascose la madonna Nera.
Nel corso dei secoli il piccolo santuario si è ampliato in modo esponenziale sotto la guida di grandi architetti quali Filippo Juvarra, Guarino Guarini, Pietro Beltramo ed altri.
Il complesso si sviluppa su tre livelli a terrazza ed è imperniato su due grandi luoghi di culto: la Basilica Antica, realizzata all'inizio del XVII secolo, e la Chiesa Nuova, inaugurata nel 1960. Completano la struttura monumentali edifici, chiostri e la solenne scalinata che conduce alla Porta Regia.


Osservatorio di Oropa
L'osservatorio meteorologico di Oropa inizia nel 1874 per opera del padre barnabita di Napoli, Francesco Denza, (1834-1894) illustre scienziato e fondatore anche del regio osservatorio C. Alberto di Moncalieri e della rete di oltre 300 osservatori nel regno 'Italia.
Attualmente l'osservatorio fa parte della rete meteo regionale del Piemonte e della rete sismica sia regionale che nazionale.

Copyright 2007 - All right reserved to Vespasiano1982@yahoo.it