Teatro scarno, essenziale, povero, con i segni tangibili di un quotidiano che ha in sé secoli e millenni di storia: la ricerca di uno stato esistenziale dell'uomo.

Fondamentale è il rapporto (il rapporto è un momento fondamentale ed ineludibile) tra palcoscenico, pubblico (anche il pubblico è attore e non semplice fruitore) e autore. L'autore va continuamente riletto e riproposto nel suo divenire che è anche un divenire del ricordo. Teatro ad ipotesi e non a tesi. La piccola cronaca individuale del quotidiano che diventa immediatamente storia. L'eccezionale che diventa normale e il normale proposto come eccezionale. Teatro di rapporti e non di valori, perché i rapporti sono da scoprire, i valori sono già codificati. Ci si propone un teatro di rapporti, trasparente, sia nei viaggi della memoria, sia nel presente già proiettato nel futuro. La memoria, anch'essa costituita dall'immaginazione e dalla fantasia, sarà sempre l'epicentro scatenante di un'azione drammatica e quindi artistica.

"RITMI DI TEATRO" si propone, in maniera specifica, di riscoprire nella ricerca teatrale l'infanzia del teatro, dell'individuo e della collettività attraverso una libertà piena della fantasia e della immaginazione. Memoria e ricordo sono le costanti di questa ricerca. Lo scopo è quello di ritrovare, o sperimentare quanto di più autentico è all'inizio dell'uomo: la libertà di immaginare, lo spazio assoluto della fantasia.

Di conseguenza "RITMI DI TEATRO" è "ritmi di vita".

Roma - Via La Spezia 60a

Per ulteriori informazioni:

Tel.: 339/8520948

ritmiditeatro@yahoo.it

Il volo dei gabbiani

Ritmi di teatro

Ritmi di teatro, ritmi di vita

"Verso la luce"

Foto di

Mastronardi T. Giorgio

"Paolo Perugini in regia"

Foto di

Mastronardi T.

Giorgio

Mimo e Pantomima

Daria Cornacchia

Analisi del personaggio

Patrizia Bronzini

Dizione

Beatrice Simonetti

Recitazione, storia del teatro…

Paolo Perugini

Documenti cinematografici

Diego Perugini

Webmaster


LUPELF

1