Torna alla home page

Torna a recensioni

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Titolo:Final Fantasy 7 _____ Casa produttrice:Squaresoft _____Tipo:Gioco di ruolo

____ Recensione di:Fiuggy____

Correva l'anno 1997 quando in Giappone la gloriosa e stra-famosa saga di Final Fantasy (il più grande GdR mai creato) era giunta al settimo capitolo. Final Fantasy VII fece un boom di vendite, infatti in poco più di 2 settimane sono state vendute quasi 5 milioni di copie, ciò significa che quasi tutte le persone che 
possedevano un PlayStation avevano nella loro bacheca i 3 CD di FF7. Lo stesso tripudio (se pur minore) fu ripetuto in America e in Europa. Le avventure di Cloud e  

compagni hanno attirato a loro buona parte dei videogiocatori del mondo. Avvincente, esaltante, commovente: non c'è aggettivo in grado più degli altri di dare appieno l'idea delle emozioni che si possono provare avventurandosi nel mitico universo di FF7. Combattimenti epici condotti sempre su una linea di equilibrio tra la forza e la magia, esplorazioni appassionanti tra luoghi quasi incantati e sospesi al di fuori dello spazio e del tempo e scenari futuristici che in diversi casi ricordano quelle suggestive ambientazioni post-nucleari assai ricorrenti nel mondo dei manga giapponesi. In FF7 anche la storia è ricca di passaggi toccanti ed incredibilmente emozionanti, nonché sconvolgenti e caratterizzate da continui colpi di scena: considerare Final Fantasy VII un semplice videogioco è terribilmente riduttivo. Sul piano tecnico FF7 consiste in un riuscito mix tra un vero e proprio RpG ed il più classico dei giochi di avventura: in pratica nel gioco prenderete il controllo di alcuni personaggi che dovrete condurre nell'esplorazione di uno sterminato mondo digitale.  

Durante il viaggio i personaggi si evolveranno sotto vari 
punti di vista, tra i quali l'acquisizione di nuove abilità per diventare più potenti al fine di poter sconfiggere nemici sempre più temibili; ed inoltre man mano scopriremo aspetti del carattere di ogni singolo personaggio durante flashback e citazioni. Solo alla fine infatti saprete con certezza quali sono i piani di Sephiroth (il cattivo di turno), la vera identità di Cloud e di Aeris e tanti altri particolari che rendono Final Fantasy VII un gioco non solo ete
rno, ma perfetto. Ad arricchire questo gioco vi sono 50 ore di gioco (minimo), miriadi di nemici, nessuno somigliante all'altro, sotto-giochi a volontà (tra cui il "chocobo breeding" e un simpaticissimo simulatore di guerra), immense città da esplorare in ogni angolo, magie sempre più potenti e strane e molto altro. Passiamo ora agli inevitabili 
difetti: combattimenti casuali che possono risultare un po' monotoni, un personaggio principale muore (ciò vuol dire che le sue abilità, seppur imparate, non potranno essere utilizzate da un certo punto del gioco) e infine la lingua: infatti il gioco non è mai stato tradotto in italiano e perciò è disponibile solo in inglese, ma è un inglese piuttosto comprensibile.Lasciamo la parola ai voti

Longevità.....A _____ Grafica.....B _____ Giocabilità.....B_____ Sonoro.....B_____ Glabale.....B _____

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Votaci per favore


Vota per questo sito: clicca qui!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

1