SPORTIVE
un sito per lo sport femminile

LINGERIE FOOTBALL 2006

CAMPIONESSE: NEW YORK EUPHORIA

C’erano state voci su un ampliamento delle Lingerie Football League a otto squadre. Le nuove squadre, da aggiungere a quelle del 2005, avrebbero dovuto essere San Francisco Seduction, Las Vegas Sin, Atlanta Steam, Miami Caliente. Almeno per il 2006, però, l’idea dell’allargamento è caduta e il terzo campionato ha presentato le stesse quattro squadre del 2005.

LE FORMAZIONI

CHICAGO BLISS
Christy Hemme, Corinne Saffell, Danielle Diaz, Ebony Jointer, Ali Willingham, Candi Jones, Amanda Carrier, Nikki Zeno, Amy McCarthy, Joanne McCarthy, Angel Archer.
DALLAS DESIRE
Willa Ford, Anika Knudsen, Elle Ysais, Helen Su, Rosina Gavilanes, Jasmine Fiore, Jasmine Dustin, Erin Coscarelli, Cynthia Lea, Jessica Hall, Kelli Peters, Michelle Aparicio, Anna Lexington.
NEW YORK EUPHORIA
Trishelle Cannatella, Nicole Hansen, Vilayna Sherman, Mariah Nelson, Mishel Thorpe, Anca Marcus, Lara Kinnear, Sheena Mariano, Tammy Vallejos, Jennifer Cantrell, Paige Peterson, Lisa Martinez, Jen Johnson.
LOS ANGELES TEMPTATION
Katie Lohmann, Jerilee Villanueva, Leslie Gomez, Hillary Millard, Cora Skinner, Elisabeth Rouffaer, Lauren Bergfeld, Michelle Harding, Lotti Bluemner, Katherine Thom, Krisi Ballentine.

Queste sono le formazioni definitive, tratte dal sito ufficiale della Lingerie Football League.
Il sito ufficiale della Lingerie Football League aveva presentato con un certo anticipo le formazioni delle quattro squadre, permettendo così di cominciare ad ammirare le giocatrici in divisa da lingerie football. In seguito, però, c'erano stati dei cambiamenti nelle formazioni. Per esempio, le conseguenze di un incidente in auto hanno impedito a Jaimarie Bjorge, delle Los Angeles Temptation, di giocare. Queste sono le giocatrici che erano state inizialmente inserite e che sono poi “scomparse” dalle formazioni (tra le altre, le bellissime Tanéa Brooks - presente però a bordo campo al Lingerie Bowl - e Linda Overheu):
Bliss: Flor Bermudez, Ursula Mayes, Holly Weber
Desire: Laura Hayden, Linda Overheu
Euphoria: Tanéa Brooks, Lisa Ligon, Qiana Chase
Temptation: Gabrielle Reynolds, Alexandra Sullivan, Jaimarie Bjorge, Alejandra Gutierrez.
A sostituirle sono state chiamate (diamo solo i cognomi, dato che sono già nelle formazioni sopra): Carrier (Bliss), Fiore, Coscarelli (Desire), Hansen, Sherman, Vallejos (Euphoria), Millard, Rouffaer, Bergfeld, Ballentine (Temptation).

LA FINALE
Il terzo Lingerie Bowl viene disputato dalle campionesse in carica, le Los Angeles Tempation, che hanno battuto in semifinale le Dallas Desire, e dalle New York Euphoria, che hanno eliminato le Chicago Bliss, con vivo disappunto di Jenny McCarthy, commentatrice della finale insieme a Mike Goldberg: Jenny è di Chicago e due sue sorelle erano nella lista delle giocatrici delle Bliss (la squadra di commento è completata, sul campo, da Michael Buffer e da Cindy Margolis e Ryan Starr).
I coach delle due squadre sono due ex giocatori dei Chicago Bears vittoriosi in un Superbowl, l'estroso quarterback Jim McMahon per le Temptation e il velocissimo wide receiver Willie Gault (al suo attivo anche una medaglia olimpica nella staffetta). Della partita fa parte, in modo un po' particolare, anche un altro giocatore di quei Bears, William Perry, detto "The Fridge" ("il frigorifero") per la sua stazza. Secondo una regola discutibile, per una volta durante la partita, giunta nelle ultime cinque yards prima della linea di meta, ciascuna squadra potrà chiedere di schierare Perry sulla linea d'attacco. Evidentemente gli organizzatori hanno ritenuto che l'ingresso in campo del "Frigorifero" garantisse un tocco di spettacolo in più, ma a dir la verità è una trovata piuttosto pagliaccesca.
Il calcio d'inizio è effettuato da Lotti Bluemner delle Tempation.
Ecco quindi in campo l'attacco delle Euphoria, che schierano inizialmente come quarterback Trishelle Cannatella (in seguito il ruolo sarà affidato a Paige Peterson e a Sheena Mariano). Le nero-rosa cominciano con una buona corsa di Sheena Mariano che supera le 10 yards richieste per un nuovo primo down. Due corse più brevi di Cannatella (4 yards) e ancora Mariano (3 yards) avvicinano ancora di un po' la squadra alla linea di meta. All'azione successiva, Paige Peterson, in posizione di quarterback, dà la palla a Anca Marcus Kahn che infila la difesa delle Temptation sul lato sinistro e va in meta. Si va quindi sul 6 a 0 per le Euphoria (Mariano non riesce ad aggiungere l'extra point) a 7'31 dalla fine del tempo.

td Anca Marcus Kahn: 6-0

Tocca quindi alle Temptation. Con sei corse (la migliore è di Jerilee Villanueva, mentre nella difesa delle Euphoria si fa notare con due bei placcaggi Jen Johnson) le bianco-azzurre conquistano 30 yards e arrivano a 5 yards dalla linea di meta. Nella settima azione, Jerilee Villanueva parte in posizione di quarterback e porta lei stessa la palla in touchdown, pareggiando così i conti a 3'02 dalla fine del primo tempo: 6-6 (nel tentativo di extra point il lancio di Villanueva cade incompleto).

td Jerilee Villanueva: 6-6

Le Euphoria si affidano ad alcune corse. Mariano tenta quindi un passaggio verso Johnson. Il lancio, pur se fatto sotto pressione, è buono, ma non viene raccolto dalla compagna. Nell'azione successiva c'è un fallo dell'attacco. Le Euphoria tentano quindi un nuovo lancio e stavolta viene preso, ma, purtroppo per loro, da una Temptation, Leslie Gomez.

Leslie Gomez dopo aver intercettato il lancio delle Euphoria

Manca poco, però, all'intervallo. C'è infatti tempo per una sola azione che, pur se del tutto ininfluente sotto l'aspetto sportivo, sarà quella che maggiormente guadagnerà l'attenzione in internet per il motivo che a una giocatrice delle Temptation si scosta il reggiseno.
Le statistiche del primo tempo danno 47 yards su corsa per le Euphoria e 33 (di cui 24, in 7 corse, da Villanueva) per le Temptation. Per entrambe restano a zero le yards su passaggio (e così sarà anche a fine partita). 4 i primi down conquistati da New York contro i 2 di Los Angeles.
Nell'intervallo il fortunato vincitore di un concorso ha l'opportunità di giocare un uno contro uno contro Christy Hemme, la capitana delle Chicago Bliss. Christy corre verso la meta con la palla e il ragazzo deve cercare di fermarla. Il ragazzo riesce in effetti a placcarla e riceve da Christy un sorriso e un bacio.
Secondo tempo. Calcio d'inizio delle Euphoria e Temptation che partono in attacco. Nella prima azione, Katie Lohmann, partendo dalla posizione di quarterback, tenta una corsa, ma viene presto placcata da Mariano (il guadagno è di 2 yards). Nell'azione successiva, due giocatrici si incrociano dietro la linea, ma il risultato è semplicemente che la palla viene persa e, per fortuna delle Temptation, è la loro Elisabeth Rouffaer ad acchiapparla. Perdono però quattro yards e si ritrovano nella non facile situazione di un terzo down con 12 yards da conquistare. Due buone corse di Bluemner e Villanueva le rimettono però in gioco, facendo loro ottenere un primo down. Tentano quindi un passaggio, che cade a terra incompleto. Con due corse arrivano a un quarto down con 3 yards da superare ed è ancora Jerilee Villanueva a risolvere le cose portando la palla in touchdown (a 5'33 dalla fine). Un sack (placcaggio della quarterback) blocca l'extra point. 12 a 6 per le Temptation.

td Jerilee Villanueva: 6-12

Le Euphoria si affidano alle corse di Marcus e Mariano. Dopo tre corse e un passaggio incompleto, Mariano conquista un prezioso primo down vicino alla meta. Una regola assurda di questo Lingerie Bowl permette alla squadra giunta nelle yards finali di schierare per una volta William Perry, che attendeva buffonescamente in una gabbia a bordocampo. Con la strada aperta dal "Frigorifero", Paige Peterson va facilmente in meta. Si torna quindi in parità. Nel tentativo di extra point, Sheena Mariano varca nuovamente la linea di meta aggiungendo così un punto che si rivelerà decisivo. A nulla porteranno infatti le otto corse che le Temptation metteranno in fila nel drive successivo e la partita si conclude sul 13-12 per le Euphoria che si aggiudicano così il Lingerie Bowl 2006.

td Paige Peterson: 12-12

ep Sheena Mariano: 13-12

Ribadiamo che l'inserimento di Perry ci sembra una pessima idea. Le Temptation possono essere deluse per aver perso la partita in un'azione in cui le Euphoria erano favorite dalla sua presenza, tanto più che le bianco-azzurre non hanno fruito di tale opportunità e hanno segnato i loro due touchdown senza aiuti esterni. D'altra parte è probabile che le Euphoria avrebbero comunque segnato la meta, vincendo la partita senza che alcuno potesse attribuire il successo ad altro se non al loro gioco. Insomma, sarebbe stato più giusto per tutte evitare di introdurre elementi esterni e lasciare che le ragazze si giocassero la loro partita in ogni azione.
Il sondaggio per la miglior giocatrice della partita vede vincitrice, con ben il 63 % dei voti, Trishelle Cannatella. Dal momento che sul campo non ha fatto quasi nulla, è evidente che il voto ha premiato più la popolarità di Trishelle, nota negli Stati Uniti per la partecipazione a un reality show, che i meriti sportivi in questa finale. La nostra scelta per la migliore in campo è Sheena Mariano. Tra le sconfitte, citazione meritata per Jerilee Villanueva che ha terminato l'incontro con 12 corse per 51 yards e 2 touchdown.



LE PIU’ BELLE

La nostra classifica:

1. JEN JOHNSON (New York Euphoria)
2. Angel Archer (Chicago Bliss)
3. Trishelle Cannatella (New York Euphoria)
Classifica a squadre:
CHICAGO BLISS 8
New York Euphoria 6
Los Angeles Temptation 3
Dallas Desire 1

RISULTATI 2006

Semifinali:
Ovest: Los Angeles Temptation b. Dallas Desire
Est: New York Euphoria b. Chicago Bliss

Finale (Lingerie Bowl III):
New York Euphoria – Los Angeles Temptation 13-12
(p.t. td Anca Marcus 6-0, td Jerilee Villanueva 6-6; s.t. td Jerilee Villanueva 6-12, td Paige Peterson + ep Sheena Mariano 13-12)

Miglior giocatrice del 2006:
Sondaggio del sito ufficiale: TRISHELLE CANNATELLA (New York Euphoria) con il 63% dei voti
La scelta di "Sportive": SHEENA MARIANO (New York Euphoria)

 

Lingerie Football * 2004 * 2005 * 2006 * 2007 * 2008
Home page di Sportive

1