Formica di fuoco

di Ezio Sgrò


È colpa dell'uomo l'invasione della formica di fuoco?

descrizione e storia - gli stati invasi i numeri dell'invasione - gli errori dell'uomo

La formica di fuoco comparve per la prima volta negli Stati Uniti nel porto di Mobile (Alabama) nel 1930. Da allora ha cominciato la sua invasione degli stati meridionali dell'unione occupando il Texas, diffondendosi rapidamente nei campi coltivati e nelle aree urbanizzate. La formica di fuoco (Solenopsis invicta [più correttamente wagneri] ) viene chiamata con l'acronimo RIFA (Red Imported Fire Ant) per distinguerla dalla formica di fuoco nera e dalla formica di fuoco locale (Solenopsis geminata) è, tutto sommato una formica di piccole dimensioni: operaia minor 3mm operaia major 6mm, però è munita di un aculeo collegato ad una ghiandola del veleno. Nell'uomo la sua puntura è dolorosa (un dolore bruciante che le ha dato il nome) e forma una vescica fastidiosa che dura alcuni giorni, in individui allergici a quel tipo di veleno può dare una reazione anafilattica che può condurre alla morte. È onnivora e danneggia le coltivazioni, nelle zone del Texas occupate ha costretto i contadini ad abbandonare i campi per la paura di essere punti . Danneggia anche molte altre specie fra cui le quaglie di cui uccide a volte i pulcini, rospi, lucertole e piccoli mammiferi a cui sottrae il cibo. L'uomo ha cominciato subito la lotta contro la formica di fuoco con tutte le sue forze utilizzando le armi più varie e moderne : insetticidi, veleni per formiche, esche avvelenate, irrorazioni d'acqua calda, addirittura gas velenosi ma i risultati sono stati scarsi, ed ora, a 70 anni dall'inizio dell'invasione la formica di fuoco ha rioccupato in forze il Texas ed ha dilagato inarrestabile negli Stati del Sud conquistando i campi coltivati e le aree urbane di Alabama, Arkansas, Florida, Georgia, Louisiana, Mississippi, Nord Carolina, sud Carolina,, Oklahoma, Tennessee e Portorico. Ma ancora non è finita! Le avanguardie degli eserciti invasori sono state segnalate in Arizona e le prime teste di ponte di Solenopsis Invicta (Invitta di nome e di fatto! ) minacciano la Virginia e il Maryland. Si calcola che le formiche fuoco occupino più o meno intensivamente più di 291 milioni di acri del suolo degli Stati Uniti. Poiché si stima che nelle zone occupate si trovino da 10 milioni a 40 milioni di formiche per acro, dopo decenni di lotta senza quartiere alla formica di fuoco dopo anni di studi e di ricerche , dopo quarantene a interi stati ci sono ancora nel suolo americano da 2.910.000.000.000.000 a 11.640.000.000.000.000 di Solenopsis invicta. Milioni di miliardi di formiche ed il loro numero aumenta di continuo e la zona infestata si allarga, recentemente la formica di fuoco è stata avvistata in tre contee della California tra cui quella di Los Angeles. Questi dati dimostrano che la guerra tra lo stato più ricco, più tecnologicamente e scientificamente avanzato di tutta la Terra e una piccola formica dopo circa 70 anni di guerra vede, al momento, vincente la formica! Ma la colpa dell'invasione è da addebitare all'uomo. Per prima cosa le S. invicta sono giunte dal Brasile sulle navi dell'uomo e sono state proprio le modifiche dell'ambiente fatte dall'uomo che hanno permesso l'invasione delle formiche. Nel Brasile, il paese di origine, la Solenopsis invicta occupa il suo posto nell'ambiente e non è per nulla una piaga biblica, è solo una formica come le altre. Negli Stati Uniti la nostra formica si è trovata davanti una vasta estensione di terre senza nemici naturali e con poche e malridotte formiche locali ed ha cominciato ad occupare questo terreno. All'inizio si è diffusa e si è moltiplicata soltanto nei campi coltivati e nelle aree urbanizzate, nelle zone incolte le prime giovani colonie di S. invicta non avrebbero potuto sopraffare le formiche locali tra cui ci sono specie molto bellicose e avrebbero avuto problemi con la formica di fuoco locale Solenopsis geminata. Dopo essersi moltiplicate a miliardi nelle zone antropizzate hanno conquistato anche le zone non coltivate. Il secondo fattore che ha favorito il rapido dilagare della formica è stata la reazione umana di irrorare le aree invase con insetticidi e veleni potenti, non specifici e non selettivi. Questi veleni hanno eliminato tutti gli insetti e le formiche presenti nell'area e le operaie delle solenopsis , ma le regine e le larve delle S. invicta si trovano nelle parti più profonde del formicaio e più lontane dalla superficie e le regine producono circa 2000 uova al giorno. E così dopo qualche settimana dal trattamento le formiche di fuoco erano più numerose di prima e con tanti nemici di meno! Negli anni più recenti si sono usati veleni più selettivi, esche avvelenate con veleni a effetto ritardato per poter uccidere le larve e le regine, ma alla fine anche questo sistema più scientifico ha incredibilmente avvantaggiato le formiche di fuoco che dopo qualche tempo ricompaiono sempre più numerose. Il fatto è che esistono due varietà di Solenopsis invicta una varietà monoginica (con una sola regina per nido ) ed una poliginica ( con molte regine per nido); la prima forma colonie contenenti al massimo 100.000 formiche e combatte contro le formiche di altri nidi anche se sono della stessa specie, per questo i nidi sono disposti a più grande distanza e la densità di popolazione per acro è al massimo di 10 milioni di formiche per acro, la seconda anche se è composta da formiche mediamente più piccole forma colonie di 500.000 formiche e non lotta contro le formiche della stessa specie e raggiunge la densità di 40 milioni di formiche per acro. La specie monoginica forma nuove colonie mediante individui alati e dà origine a colonie molto distanti, la specie poliginica , al contrario, forma nuove colonie per sciamatura (gemmazione) come le api: quando nel nido ci sono troppe formiche una regina fecondata si allontana seguita da un parte delle formiche del formicaio e va a fondare una colonia non molto distante. Durante le invasioni di nuovi territori giungono per prima le formiche monoginiche che occupano il territori con una bassa densità di formiche per acro, distruggendo le formiche monoginiche si libera il campo alle formiche poliginiche che non solo sono molte volte più numerose ma sono molto più difficili da estirpare perché hanno molte regine.

Ultime notizie:
Australia 23 febbraio 2001: La formica di fuoco è sbarcata in Australia e sta occupando Brisbane.

USA: Iniziata la lotta biologica contro la formica di fuoco. Introdotte in aree infestate due specie di mosche foridi nemiche naturali delle RIFA nel Sudamerica che depongono le uova nelle teste delle formiche di fuoco.

USA: L'area invasa dalla formica di fuoco negli Stati Uniti ha già superato i 300 milioni di acri.

Australia: L'area invasa si estende rapidamente.

Australia, settembre 2001: Ha preso il via il piano nazionale di eradicazione della formica di fuoco dal Queensland.
L'URL del sito che coordina le forze contro la formica di fuoco nel Queensland: National Fire Ant eradication program Contiene foto della formica di fuoco e molte notizie utili sulla formica di fuoco.

USA Ottobre 2001: Si espande sempre di più l'area di invasione in California il 12.10.2001 raggiunta Sacramento.

USA Giugno 2002 La formica di fuoco nel Nevada- Almeno 100 nidi di Solenopsis Invicta nel campus dell'Università di Las Vegas.

USA luglio 2003 Trovata la formica di fuoco nella contea di Worchester nel Maryland

CINA 29 gennaio 05 La formica di fuoco invade Hong Kong

{back} home anomma

contatta l'autore:

Ezio Sgrò: Aetius@supereva.it


1