Musica Antica

-Il Cromorno-


 

Caratteristiche tecniche

Probabimente adattato da uno strumento popolare tedesco, o centro-europeo, imparentato con le zampogne, è internamente cilindrico ed ha l’estremità inferiore rivolta all’insù; è munito di una grossa ancia doppia. Un dispositivo certamente utile è costituito dalla capsula inserita in modo da coprire l’ancia, e che dispone all’estremità superiore di un’apertura attraverso cui il suonatore immette il fiato e contro cui dirige i colpi di lingua: questo accorgimento fa assomigliare lo strumento a un flauto dolce e protegge l’ancia da un rapido deterioramento impedendo che si bagni troppo.

In rapporto alla sua lunghezza, produce note assai gravi. Un cromorno basso, che scende fino al FA basso del registro grave, necessita di un’estensione in lunghezza di appena 90 centimetri (contro i 180 centimetri abbondanti del flauto gran basso di uguale diapason). L’estensione tonale di questi strumenti è tuttavia limitata dall’impossibilità di farli passare al registro superiore forzando il soffio. Alcuni fabbricanti tedeschi moderni che ricostruiscono il cromorno (insieme con cornetti, flauti di tipo antico, ecc.) lo muniscono di una o due chiavi* di tipo chiuso per ampliarne l’estensione da una nona ad una più utile undicesima — aggiunta, questa, di cui esistono precedenti storici. Questo fuorvia gli esecutori moderni in quanto pensano di poter suonare musica che abbia un’estensione di una undicesima, cosa che sarebbe stata impensabile, per non dire impossibile, nel sedicesimo secolo. La vera funzione di una chiave verso l'alto su un cromorno è quella di permettere ad esempio al fa-contralto di eseguire pertiture scritte per il sol-contralto.

Le taglie standard del cromorno sono: soprano (C' - D"), contralto (F - G'), tenore (C - D'), basso (F - G) e tutti sono suonati nell’ottava (non è possibile nessuna trasposizione dell'ottava).

Variazioni di questi includono: il contralto in sol (l’intonazione originale del contralto), il tenore esteso, il basso esteso, e il gran-basso. Chiudendo una o due chiavette sulla parte bassa dello strumento, l’estensione degli strumenti viene abbassata di una terza minore o di una quarta perfetta. L’uso di queste chiavi richiede una breve pausa del musicista.

chiave di tipo chiuso

 

L'ancia

Le ance sono fatte di canna o di plastica. Quelle di canna producono un suono più robusto e più stabile. Le ance plastiche* hanno il vantaggio di essere più economiche, ed hanno una durata maggiore se ben curate. Molta cura deve sessere usata nel rimuovere la capsula così che l’ancia non venga danneggiata durante l’operazione. Può capitare che l’ancia venga distrutta dalla rimozione frettolosa e non accorta della capsula; inoltre i cromorni non dovrebbero essere afferrati dalla parte della capsula dalla quale potrebbe sfilarsi il corpo dello strumento che cadendo potrebbe danneggiarsi.

ancia in plastica

Il nostro indirizzo è: blassi@lycosmail.com