Home Page del sito di Mauro Banchero ingegnere civile ambientale di Genova     Articolo scritto da Dott.Ing. Mauro Banchero

LA PROGETTAZIONE DELLE GALLERIE:
IL METODO DELLE CURVE CARATTERISTICHE


Le progettazioni definitiva ed esecutiva di una galleria e pi¨ in generale di un'opera sotterranea si sviluppano secondo diversi gradi di approfondimento.
In relazione alle risultanze della caratterizzazione geologica e geotecnica, che portano all'individuazione del modello geotecnico e ricorrendo ad idonei metodi di analisi si perviene alla definizione delle scelte progettuali in termini di metodo di scavo, interventi di miglioramento, rinforzo e stabilizzazione, rivestimenti da adottare. Tali scelte sono da riferire a tratti di galleria geotecnicamente omogenei e sono da illustrare in sezioni tipo o di progetto.

Scavare una galleria consiste nell'eliminare una massa di roccia o di terreno e nel sostituirla, se del caso, con un rivestimento pi¨ o meno resistente e pi¨ o meno rigido, ma comunque sempre molto pi¨ deformabile della massa di terreno eliminata.

La tendenza attuale Ŕ di aprire la galleria a piena sezione prima di procedere al getto del rivestimento definitivo in calcestruzzo, pressochÚ sempre da prevedersi.
L'energia per realizzare lo scavo Ŕ fornita mediante mezzi meccanici (macchine di scavo continuo ed integrale) o chimici (esplosivo).

Gli interventi che contribuiscono a rendere stabile il cavo sono diversi:

RIVESTIMENTO DEFINITIVO:
* getto in cls debolmente armato di spessore 0.5-0.8 m per la calotta
* piedritti in cls armati di spessore 0.6-1.0 m
* arco rovescio in cls armato di spessore 0.7-1.2 m


RIVESTIMENTO DI PRIMA FASE:
1) volto principalmente al sostegno
* arco in spritz-bÚton armato con rete elettrosaldata
* centine annegate nello strato di spritz-bÚton, solitamente doppie
2) volto al sostegno e miglioramento
* tecnica della bullonatura del cavo nella zona della calotta (barre in acciaio o vetroresina)

La progettazione viene condotta con diversi approcci : empirici (grafici, tabelle...) o analitici (per esempio i metodi del solido di carico, che valutano la pressione sul rivestimento sotto l'ipotesi che in un certo volume - sopra e a lato del cavo - sia stato raggiunto lo stato limite).

Fra gli analitici mi soffermer˛ sul metodo delle curve caratteristiche (Lombardi, 1973):

Si costruisce la curva caratteristica della cavitÓ cilindrica nel piano (p,u)
(u = convergenza del cavo, p = pressione agente sul contorno del cavo).
Essa sarÓ costituita da un ramo elastico, a partire dalla condizione (p = gh,0) e da uno plastico, quest'ultimo costruibile per punti assegnando p via via decrescenti a partire dalla p critica .
Fisicamente si avrÓ, nel momento in cui la tensione supera la resistenza, un anello in stato plastico intorno al cavo, ovvero una corona circolare plasticizzata di raggio b > a ( = raggio del cavo "elastico")


Tralascio la trattazione analitica, peraltro molto complessa, rimandando a testi specializzati.

Si costruisce la curva caratteristica del fronte nel piano (p,u)
(u = convergenza del cavo, p = pressione agente sul contorno del cavo).
Essa (concettualmente simile alla precedente) sarÓ costituita, a paritÓ di p, da valori minori di quelli della c.c. della cavitÓ cilindrica, sempre partendo da (p = gh,0).


Tralascio la trattazione analitica, peraltro molto complessa, rimandando a testi specializzati.

Per determinare le suddette curve si fa riferimento a cavitÓ circolari.

Si costruisce la curva caratteristica del rivestimento nel piano (p,u)
(u = convergenza del cavo, p = pressione agente sul contorno del cavo).
Il comportamento Ŕ definito dalla relazione sforzi-deformazioni in campo elastico : la c.c. del rivestimento Ŕ pertanto una retta, del tipo d = (1 / k) p. La rigidezza del rivestimento k sarÓ la somma delle rigidezze costituenti lo stesso.


Tralascio la trattazione analitica, peraltro molto complessa, rimandando a testi specializzati.

Si costruisce la curva caratteristica del nucleo nel piano (p,u)
(u = convergenza del cavo, p = pressione agente sul contorno del cavo).
Essa sarÓ rappresentata dalla retta verticale
p limite,n = k = 2 c r tg (45 + f r / 2)


Dall'analisi contemporanea di tutte le c.c. tracciate Ŕ possibile definire il comportamento del fronte e della cavitÓ cilindrica (collasso o stabilitÓ con adeguato grado di sicurezza) ed intervenire, se del caso, con un adeguato rivestimento.


indietro   Per contattare Ing. Banchero   Home Page Ingegneria e Informatica


Statistiche sito,contatore visite, counter web invisibile Statistiche sito,contatore visite del sito di Mauro Banchero ingegnere civile ed ambientale di Genova