Piero Melograni - Home page

News

Piero Melograni e Lucio Ceva Valla interverranno, martedi' 21 aprile, a Palazzo Clerici a Milano, moderati da Dino Messina, all'incontro con lo storico James Holland in occasione della pubblicazione del suo libro "L'anno terribile" (La campagna d'Italia, la guerra partigiana, il dramma dei civili, la fine del fascismo).

Giovedi' 16 aprile 2009 il prof. Melograni sara' presente all'incontro promosso dalla Fondazione della Camera dei Deputati dal titolo "La rinascita del Parlamento - Dalla liberazione alla Costituzione".

Il 7 aprile, insieme ad Emilio Gentile ed Umberto Carli, il prof. Melograni e' stato relatore al convegno "Cent'anni di Futurismo" che si e' tenuto a Milano presso la Fondazione del Corriere della Sera.

Il prof. Melograni e' stato nominato dal Ministro dei Beni Culturali, Sandro Bondi, membro del Consiglio di amministrazione dell' Accademia Chigiana, la prestigiosa istituzione musicale senese.

Il 2 aprile il Presidente della Camera dei Deputati, On. Gianfranco Fini, ha ricevuto a colloquio il prof. Piero Melograni.

Il 18 marzo 2009 visita di cortesia del prof. Piero Melograni all'On. Walter Veltroni presso il suo ufficio della Camera dei Deputati.

Il 27 febbraio 2009 il prof. Piero Melograni e' stato ricevuto al Quirinale dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

Piero Melograni

Piero Melograni e' nato nel 1930 a Roma, citta' nella quale ha compiuto i suoi studi. Nel 1955-56, dopo la laurea, otteneva una borsa di studio presso l'Istituto Italiano di Studi Storici di Napoli ("Istituto Croce"). Nel 1980 otteneva una fellowship presso il Woodrow Wilson International Center for Scholars di Washington D.C.

Dal 1971 al 1996 e' stato professore di storia contemporanea all'Universita' di Perugia (Facolta' di scienze politiche). Ha pubblicato numerosi volumi, saggi e articoli, qui elencati nella bibliografia. L'ultimo suo libro e' una biografia di Mozart edita da Laterza nell'autunno 2003. Il prossimo dovrebbe essere dedicato ad alcune bugie della storia contemporanea.

All'eta' di 15 anni si iscriveva al Pci, restandovi fino al 1956. Ne usciva in seguito alle rivelazioni del XX Congresso e alla rivoluzione ungherese. Dopo di allora, e per quasi quarant'anni, non aderiva a nessuna organizzazione politica finche', nel 1995, entrava a far parte della Convenzione Liberale promossa da Marco Taradash. Nel 1996, come indipendente, e' stato eletto deputato (XIII legislatura). In rappresentanza della Camera dei deputati ha fatto parte della Convenzione dei 62, incaricata di scrivere la Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea.