­Hgeocities.com/artedho/kokoschka.htmgeocities.com/artedho/kokoschka.htm.delayedx/]ďJ                    ╚`ĽD1(OKtext/htmlôx1(    bë.HThu, 12 Jul 2001 11:10:26 GMTL-Mozilla/4.5 (compatible; HTTrack 3.0x; Windows 98)en, */]ďJ1( kokoschka






á

Oskar Kokoschka1886-1980

Austriaco, Ŕ pittore, illustratore, poeta e drammaturgo. Si forma a Vienna, dove nei primi anni del secolo conosce Adolf Loos e Karl Kraus. Nel 1909 partecipa alla Internationale Kuntschau del gruppo di Klimt e rappresenta il suo dramma 'assassino, speranza delle donne'. A Berlino, nel 1910, collabora alla rivista 'Der Sturm'. Dal 1912 al 1914 ha una relazione con Alma Mahler. Allo scoppio della prima guerra mondiale si arruola volontario e resta gravemente ferito. Nel 1919 Ŕ professore all'accademia di Dresda. Nel 1922 partecipa alla Biennale di Venezia. Con l'avvento del nazismo si trasferisce a Praga: le sue opere rimaste in Germania vengono confiscate ed esposte alla mostra di 'arte degenerata'. Frattanto, cresce il suo impegno politico. Muore in Svizzera ormai celebre. I suoi inizi sono vicini ai modi sottili, raffinati, sognanti di Klimt; poco dopo per˛ cominciano ad apparire le sue opere personali, contraddistinte da un segno forte, deformante, ma sempre pieno e spesso, ricco di curve pi¨ che di angoli, che trae le sue pi¨ lontane origini dal barocco austriaco e che ha fatto perci˛ parlare di 'Barocchismo kokoschkiano, senza tenere presente che questo segno Ŕ non un mezzo esteriore e ornamentale, ma lo strumento espressivo di un pittore che vede il mondo non soltanto con angoscia, ma anche con amore, distinguendosi perci˛ dai pittori della Brucke. E poichŔ resterÓ sempre fedele alla figurazione, si distingue ancor pi¨ dagli astrattisti, con i quali si mostra anzi fieramente polemico sostenendo che essi, creando un'arte che definisce 'non oggettiva', rischiano di perdere ogni contatto con l'umanitÓ. Ci˛ non significa un ritorno al passato e alla tradizionale riproduzione della realtÓ esterna; anche Kokoschka sostiene la necessitÓ di penetrare l'oggetto con la propria interpretazione, liberandosi anzi dagli insegnamenti condizionatori, tornando 'al primo grido e al primo sguardo del neonato', ossia, secondo la nota tesi tardo romantica, alla purezza incontaminata del fanciullo, e creando spesso pitture visionarie. In lui infatti, come nei suoi contemporanei, confluiscono tutte le correnti filosofico-letterarie dell'epoca che tendono all'introspezione dell'inconscio, come appare non soltanto dai suoi quadri ma anche dalle sue opere teatrali, in quella ricerca di unitÓ totale delle arti che Ŕ uno degli elementi caratterizzanti del tardo romanticismo fra ottocento e novecento. Ma va anche tenuto presente che la visionarietÓ, l'urlo, l'espressione, sono contenuti in una forma grandiosa, talvolta epica, che conferisce ai quadri di Kokoschka una parentorietÓ assoluta.


| Schiele | Picasso | Klee | Jawlenskij | Kandinskij | Rouault | Pollock | Bacon | Kokoschka | Nolde | Kirchner | Dongen | Van Gogh | Munch | Modigliani | Matisse | Vlaminck | Derain | Moore | Russolo | Laurens | Mondrian | Dubuffet | Artias | Kupka | Russia | Appel | Piano | Oldenburg | Ernst | Lempicka |


RobVerWeb - Scambio Banner


start

1