<
Sito Ufficiale dell'Associazione Italiana per il World Wide Fund ONLUS - Sezione Arcipelago Toscano - Salita Napoleone 10 - 57037 Portoferraio C.P. n. 5
E-MAIL: wwfarcipelagotoscano@yahoo.it


Home

Chi siamo

I settori di attività

Primo soccorso veterinario all'Elba

La bacheca del fai da te
 
I comunicati 2007

I documenti 2007

L'archivio fino al 2006

Links al WWF ITALIA ed altri siti importanti




INFORMAZIONI VETERINARIE

  
I servizi veterinari all'Elba  - Vets and first aid on Elba
       Segnalateci eventuali nominativi mancanti

Portoferraio

- Dr. Silvano Pieri - Azienda ASL n. 6
Via Manganaro, 29 Portoferraio
tel: 0565-926793   347-6720556

- Dr. Carlo Murzi
loc. le Foci 32/A   Portoferraio
tel.: 0565-916632 
(anche notte mercoledì)

- Dr. Marco Mugnai
via Montecristo, 20   Portoferraio
tel.: 347-9119627
(anche notte giovedì)

- Dr. Elisabetta Maestrini
loc. San Giovanni, 37 bis
tel.: 347-1914654

Elba Occidentale

- Dr. Roberto Perez
Via delle Fornaci, 119  Marina di Campo
tel: 0565-976213 (amb)  347-2726250 

- Dott. Michele Barsotti
Loc. Val di Cappone, 28   57033 Marciana Marina
tel: 0565 998115     347-6157841
(anche notte lunedì)

Elba Orientale

- Dott. Paolo Scalabrini
Via XX Settembre Rio Marina
Cell : 338/2685098  (anche notte sabato e domenica)



(Su informazioni fornite anche da ENPA Sezione Isola d'Elba, telefono 347/9515534, gennaio 2007)
Nel ricordo di tutti gli animali che non ce l'hanno fatta, " Il ponte dell'arcobaleno " è un breve racconto di anonimo, tradotto dall'inglese, che chiunque può farlo suo, e farlo girare per il mondo, così come facciamo noi con voi: cliccate sull'arcobaleno....



DIGNITA' E DIRITTI DEGLI ANIMALI: la progressiva evoluzione del costume ha meglio definito anche le possibilità di una dignitosa sepoltura per i nostri amici animali.

A partire da esperienze fatte nel Nord Italia (Torino, Padova, Vicenza, Novate Milanese, Rioveggio BO) anche in Toscana stanno nascendo opportunità di sepolture per animali in parchi cittadini (Pistoia, Montescudaio PI) o in montagna (San Godenzo, FI) e anche possibilità di cremazione per animali di affezione (Il Perseo, a Calenzano FI) eseguita in appositi impianti inceneritori di CAT.1 riconosciuti ai sensi del Regolamento C.E. 1774/02, con la possibilità di recuperarne le ceneri.

Per informazioni e aggiornamenti, rivolgersi in Sezione WWF.


INFLUENZA AVIARIA,  venerdì 17 febbraio 2006

Le Oasi WWF livornesi luogo di controllo e di monitoraggio sull'influenza aviaria

Mantenendo elevato il livello di monitoraggio sugli uccelli nelle Oasi WWF livornesi, in particolare l'Oasi Padule di Bolgheri e l'Oasi Palude Orti-Bottagone (Piombino),  le più importanti zone umide della provincia di Livorno dove è maggiore la presenza di specie di uccelli acquatici selvatici, intendiamo segnalare alle Autorità sanitarie, agli Amministratori locali ed ai cittadini che al momento non sono stati registrati casi di uccelli malati, moribondi o morti di recente rinvenuti all'interno delle Oasi suddette.
Richiamando le direttive ministeriali che invitano ad evitare ogni contatto tra animale selvatico e animale domestico, finora tutti i casi di pericolo che si sono verificati per l'uomo sono scaturiti da condizioni di estrema promiscuità tra uomo e domestico, ma mai a causa del contatto con specie selvatiche. Il WWF ricorda che le aree naturali che ospitano le popolazioni selvatiche, nel caso dell'influenza aviaria, sono territori dove svolgere i controlli e il monitoraggio della propagazione del virus in stretto contatto con le Autorità sanitarie, attribuendo al personale delle aree protette il compito di mantenere alta l'attenzione su qualsiasi anomalia si dovesse riscontrare sulla fauna migratoria in transito. 
Nel mondo le epidemie sono fenomeni naturali per il contenimento dell'espansione delle popolazioni di determinate specie. I virus non sono mai forti al punto da estinguere completamente una specie poiché esistono barriere naturali in grado di contenere la diffusione del virus, per esempio la presenza di animali "spazzini". Animali come i corvidi o le volpi, che in natura si nutrono delle carcasse, sono quasi sempre immuni ai virus e la loro azione elimina il veicolo del possibile contagio (il cadavere dell'animale infetto) impedendone la diffusione.

Ogni sistema in equilibrio, quindi, possiede delle barriere naturali in grado di contrastare l'epidemia, sia essa del virus H5N1 sia di uno degli innumerevoli altri ceppi virali esistenti al mondo.

Quindi, paradossalmente,  le Oasi WWF sono i luoghi più sicuri dove poter continuare, con tranquillità e senza allarmismi, ad amminare alzavole, fenicotteri, cormorani, aironi e garzette e tutte le specie migratrici primaverili. E' comunque opportuno evitare in tutto i modi  il contatto tra la fauna selvatica e domestica: per questo motivo i servizi veterinari oggi più che mai sono impegnati per monitorare e verificare le condizioni igienico-sanitarie e di conduzione di tutti gli allevamenti rurali esistenti.  

Paolo Maria Politi, direttore Oasi WWF Provincia di Livorno