nuovo sito FootballPoint qui
new site FootballPoint here

Studi, progetti e invenzioni varie complementari all’attività professionale
Studi
sulla teoria della relatività applicata al territorio
la piazza oggi

Per una corretta progettazione della “città” (o degli insediamenti nella città) occorre anzitutto sapere cosa è una “città”.
Personalmente ritengo che la “città”, come esemplificazione generica ed indipendente dal rapporto quantitativo e qualitativo che la distingue dal villaggio, paese, borgo, cittadella e metropoli, possa sinteticamente essere definita come il

MERCATO DEI SERVIZI

includendo tra i servizi anche i “prodotti” manifatturieri, culturali, storici, ambientali, eccetera.

Secondo una definizione di Luigi Einaudi, mercato è il luogo dove convergono tutte le persone che hanno cose da offrire e tutte le persone che desiderano acquisire cose.
Gli uomini che vogliono acquisire od offrire un servizio vanno dove esiste l’offerta o la richiesta di servizi, ossia in “città”.

Sondrio, con i suoi quasi 20.000 abitanti, è più città di Cinisello Balsamo, che di abitanti ne ha più di 70.000; infatti Sondrio ha un catasto, un tribunale, un’amministrazione provinciale, eccetera ….. che Cinisello Balsamo non ha.

Dalla definizione consegue che, per progettare la città, occorre conoscere la quantità e la qualità dei servizi che in essa verranno scambiati; risulta inoltre evidente che la città dovrà essere costruita per essere mutevole ed adattarsi alle esigenze. Quando la città non sarà più in grado di ospitare “le bancarelle” per la compravendita di nuovi o innovativi servizi, tutta la città sarà destinata a fallire perché il “mercato” troverà altre piazze.

Se una città, pur dotata di centro storico, vorrà conservare le ambizioni di diventare metropoli, dovrà necessariamente fare “spazio” per le “bancarelle” dei servizi propri di una metropoli; per esempio un adeguato servizio congressuale, un adeguato servizio per il tempo libero, un adeguato servizio museale, eccetera ….. e soprattutto dovrà estendere lo scambio dei servizi 24 ore su 24.
Necessariamente dovrà trovare lo spazio per la “bancarella” del servizio mobilità (di persone e cose) in cui trattare una merce quantitativamente e qualitativamente adeguata alle esigenze del momento.

Anche in un linguaggio metaforico, risulta evidente che, comunque venga realizzata, la “piazza” deve avere spazi di riserva per l’espansione e spazi per la conservazione o trasformazione senza necessariamente ricorrere alla demolizione.

L’osservazione dell’evoluzione delle attuali città conferma quanto sopra esposto.

Le botteghe di raccolta e vendita si sono sostituite agli orti di produzione, i vasti asfalti si sono sostituiti agli angusti acciottolati, gli opifici hanno preso il posto delle aie, eccetera.

Quando il territorio non è più stato sufficiente e poiché certi servizi dovevano essere venduti lì per il beneficio del centro e non nelle fasce esterne da rubare alla campagna, lo spazio per l’espansione è stato recepito in verticale sopra o sotto il suolo (palazzi multipiani, sopraelevate, metropolitane, tombinature, cunicoli, eccetera).

Con la nascita del servizio “patrimonio storico” e “patrimonio ambientale” le relative bancarelle hanno rapidamente saturato lo spazio di espansione in verticale nel soprasuolo dei centri storici, perciò è necessario, nel progettare la futura evoluzione della città, studiare lo sviluppo economizzando al massimo l’uso dello spazio verticale residuo, ossia quello sotto il suolo.

In altra parte si potrà definire la parola “suolo” in un’ottica urbanistica del nuovo, ma trattandosi ora di città storiche il significato è abbastanza intuitivo e soprattutto non ha grande rilevanza in un ambito di conservazione.

QUELLO CHE SI VUOLE INTRODURRE, INVECE, E’ IL CONCETTO DI RELATIVITA’ SPAZIALE ORIGINATO DALLA DIFFUSIONE DEL MEZZO DI COMUNICAZIONE PIU’ VELOCE DEL “PASSO D’UOMO”.

In un territorio pedonalizzato, la distanza si misura in numero di passi che, più o meno, è proporzionale al tempo che occorre per andare da un posto ad un altro; in un territorio dotato di reti viarie e veicoli, la distanza si misura in funzione del tempo occorrente per andare da un punto all’altro servendosi del mezzo di locomozione disponibile.
La distanza quindi diventa anche funzione delle disponibilità finanziarie dell’individuo.

Il grado di sviluppo del benessere può annullare il vincolo della distanza dipendente dal costo (come succede già oggi per gli ascensori o le scale mobili), perché il commercio di servizi di alta qualità può permettere l’assorbimento dei costi di altri servizi da offrire gratuitamente.

Riprendendo l’esempio dell’ascensore, rispetto al piano terra, è più vicino l’appartamento al 12° piano di un palazzo con ascensore, che quello al 4° piano di una casa priva di ascensore.

Va rilevato anche che nel concetto di distanza relativa al tempo, gioca un ruolo importante anche il comfort e l’aspetto psicologico in genere. A seconda degli stati d’animo, una strada piena di negozi e di luce sembra più corta di una ugual strada buia e disabitata, o viceversa; così come percorrere un tragitto tortuoso senza semafori sembra più corto di un altro rettilineo ma semaforizzato, eccetera.

Questo concetto di spazio/tempo/comfort apre nuove prospettive al reperimento di spazio per le città, specie per quelle esistenti.

Esiste già qualche pratica applicazione di questo concetto, anche se embrionale come filosofia:
- pozzo – lavandino (acquedotto)
- stufa – corpo scaldante (teleriscaldamento)
- forza motrice – macchina operatrice (elettrodotto)
- strada urbana di attraversamento – strada provinciale di circonvallazione

Nel caso di un centro storico racchiuso, ad esempio, in una cintura muraria, tutti i nuovi servizi potrebbero sorgere all’esterno di detta perimetrazione ed ogni utenza potrebbe essere dotata di proprio confortevole traslatore per accedere rapidamente e comodamente alle localizzazioni volute, come se queste fossero direttamente sotto i propri piedi.

Il progetto dinamico poi stabilirà di volta in volta secondo le varie evoluzioni della domanda, come organizzare la coesistenza delle due città, quella pedonale del piano terra e veicolare classica, e quella robotizzata dei piani alti o del sotterraneo.

Nella prima città si muoverà l’utenza collettiva, il forestiero, la manutenzione delle facciate e dei servizi stradali, lo svago e la vetrina; nella seconda la gestione, l’utenza qualificata, il rifornimento merci e lo smaltimento rifiuti, l’emergenza e la riservatezza.

analisi dell'evoluzione
ricerca immagini / images finder
Se siete veramente interessati all'argomento,
potete prendere contatto direttamente con
GIANFRANCO MAGRINI
ingegnere libero professionista
Studio Professionale - 22100 Milano - Corso Monforte, 45
telefono 02 76008464 - fax 02 76021027


Servizi / Services
Translate

Amici / Friends:
Art: Louis Poyet - un vero maestro dell'arte della moltiplicazione delle immagini per mezzo della stampa.
Information: exxun.com - thousands of windows on the world constantly updated - country, flags, maps, chiefs of state...
Art: Mario Radice - Grande esponente dell'astrattismo italiano. Pittore, scultore e cultore di problemi d'architettura.
Design: Homeware - the best of "made in Italy" and much more..., Brands, Designers, Products.
Electronics: Standard Production - Advanced Electronics - Truth Machine, The world Smallest Radio, Mini Table...
Coins: Private Collection by coinpc - World Coins - Medals, Rare and not, more than 700 pics.
Computer: Storia del Computer - Quattro secoli di storia con oltre 1000 immagini.
Science: Ing. Gianfranco Magrini - Science, Engineering, Transportation, Tunnels, Tubo del Lago di Como, Footballpoint...
Search Engine: edixxon.com - matching interests, your interests can be the same as ours - search them.
Music: Stay Inside - the new frontier of the music - free music, rock, lyrics, song, mp3, download, author, rock.


Motori di ricerca / Search Engine:
Google | Yahoo | Fast-AllTheWeb | DMOZ - ODP - Open Directory Project | Lycos | Altavista

© 2003/2008 by footballpoint. All rights reserved. Please report errors and dead links to Webmaster

1